Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Musica e studio: è complicato

Musica e studio: è complicato

0
4

donna che ascolta musica mentre studia

Molte persone giurano sulla musica come strumento utile per studiare e lavorare. Altri trovano impossibile concentrarsi con qualsiasi rumore di fondo.

La musica offre molti vantaggi, tra cui:

  • umore migliorato
  • maggiore motivazione
  • migliore memoria e stimolazione cerebrale

  • una migliore gestione del dolore e della fatica

Con questi in mente, potrebbe sembrare abbastanza logico che la musica possa migliorare le tue sessioni di studio. Ma non tutti sono d’accordo. Quindi qual è il problema: aiuta o no?

La musica non colpisce tutti allo stesso modo, quindi la risposta a questa domanda è più complessa di un semplice “sì” o “no”.

Detto questo, è certamente vero che alcuni tipi di musica può aumentare la concentrazione e la memoria, nonché aumentare la vigilanza.

Continua a leggere per saperne di più sui pro e contro dello studio con la musica e ottenere alcuni suggerimenti per ottenere il massimo dalla tua playlist di studio.

Come può aiutare

Sarebbe fantastico se potessi mettere su una playlist o una canzone che potrebbe aiutarti a eliminare un problema o memorizzare tutte quelle date per la tua finale di storia, non è vero?

Sfortunatamente, la musica non è così potente. Aiuta principalmente in modi indiretti, ma questi vantaggi possono ancora fare una grande differenza.

Può motivarti

Se ti sei mai trovato alle prese con una notte lunga ed estenuante di compiti, la tua determinazione a continuare a studiare potrebbe aver iniziato a svanire molto prima che tu finissi.

Forse ti sei promesso una ricompensa per superare la sessione di studio, come l’ultima puntata di uno spettacolo che ti piace o il tuo pasto da asporto preferito.

La ricerca del 2019 suggerisce che la musica può attivare gli stessi centri di ricompensa nel cervello di altre cose che ti piacciono. Premiarti con la tua musica preferita può fornire la motivazione di cui hai bisogno per apprendere nuove informazioni.

Se preferisci la musica che non va bene per lo studio (di seguito ne parleremo di più), ascoltare le tue canzoni preferite durante le pause studio potrebbe motivarti a studiare di più.

Migliora il tuo umore

La musica non ti motiva solo. Può anche aiutare a ridurre lo stress e promuovere una mentalità più positiva.

La ricerca suggerisce che un buon umore generalmente migliora i risultati dell’apprendimento. Probabilmente avrai più successo con lo studio e l’apprendimento di nuovo materiale quando ti senti bene.

Lo studio può essere stressante, soprattutto quando non capisci completamente la materia. Se ti senti sopraffatto o turbato, mettere un po’ di musica può aiutarti a rilassarti e lavorare in modo più efficace.

Può aumentare la concentrazione

Secondo uno studio del 2007 della Stanford University School of Medicine, la musica, in particolare la musica classica, può aiutare il cervello ad assorbire e interpretare più facilmente le nuove informazioni.

Il tuo cervello elabora l’abbondanza di informazioni che riceve dal mondo che ti circonda separandole in segmenti più piccoli.

I ricercatori hanno trovato prove che suggeriscono che la musica può coinvolgere il cervello in modo tale da addestrarlo a prestare maggiore attenzione agli eventi e a fare previsioni su ciò che potrebbe accadere.

In che modo questo ti aiuta a studiare? Bene, se fai fatica a dare un senso al nuovo materiale, l’ascolto di musica potrebbe rendere questo processo più semplice.

Puoi anche collegare la capacità di fare previsioni migliori sugli eventi alle capacità di ragionamento.

Le capacità di ragionamento migliorate non ti aiuteranno a tirare fuori le risposte dal nulla al momento dell’esame. Ma potresti notare una differenza nella tua capacità di ragionare su queste risposte in base alle informazioni che hai fare avere.

Altre ricerche supportano anche la musica come possibile metodo per migliorare la concentrazione.

In un studio 2011 2011 di 41 ragazzi con diagnosi di ADHD, la musica di sottofondo ha distratto alcuni ragazzi, ma sembrava portare a prestazioni migliori in classe per altri.

Potrebbe aiutarti a memorizzare nuove informazioni

Secondo a studio 2014, l’ascolto di musica classica sembrava aiutare gli anziani a svolgere meglio le attività di memoria e di elaborazione.

Questi risultati suggeriscono che alcuni tipi di musica possono aiutare a potenziare le capacità di memorizzazione e altre funzioni cognitive.

La musica aiuta a stimolare il cervello, in modo simile al modo in cui l’esercizio aiuta a stimolare il corpo.

Più alleni i muscoli, più diventano forti, giusto? Dare al tuo cervello un allenamento cognitivo potrebbe aiutare a rafforzarlo in modo simile.

Come può far male

Non tutti trovano la musica utile per le attività che richiedono concentrazione.

Può distrarti

Una parte importante dell’impatto della musica risiede nel suo potere di distrarre.

Quando ti senti triste o stressato, distrarti con i tuoi brani preferiti può aiutarti a sollevare il morale.

Ma la distrazione probabilmente non è quello che stai cercando quando hai bisogno di sbattere contro i libri.

Se stai cercando di discutere la tua posizione in una tesina o di risolvere una difficile equazione di calcolo, la musica troppo alta o veloce potrebbe semplicemente interrompere i tuoi pensieri e ostacolare il tuo processo.

Può avere un impatto negativo sulla memoria di lavoro

La memoria di lavoro si riferisce alle informazioni che usi per la risoluzione dei problemi, l’apprendimento e altre attività cognitive.

Utilizzi la memoria di lavoro quando provi a ricordare:

  • elementi in una lista
  • passaggi per risolvere un problema di matematica
  • una sequenza di eventi

La maggior parte delle persone può lavorare con poche informazioni alla volta. Un’elevata capacità di memoria di lavoro consente di gestire più materiale.

La ricerca suggerisce, tuttavia, che l’ascolto di musica può ridurre la capacità della memoria di lavoro.

Se hai già difficoltà a manipolare più informazioni, l’ascolto di musica potrebbe rendere questo processo ancora più impegnativo.

Può ridurre la comprensione della lettura

Alcuni tipi di musica, tra cui musica veloce, musica ad alto volume e musica con testi, possono rendere più difficile la comprensione e l’assorbimento del materiale di lettura.

Sia che tu stia guardando una serata di letteratura vittoriana o un incontro individuale con il tuo libro di testo di biologia, la musica classica leggera con un tempo lento potrebbe essere una scelta migliore.

Che tipo di musica funziona meglio?

Ascoltare musica mentre studi o lavori non sempre ti rende meno produttivo o efficiente.

Se preferisci studiare con la musica, non c’è bisogno di rinunciarvi. Tenere a mente questi suggerimenti può aiutarti a trovare la musica più utile per il lavoro e lo studio:

  • Evita la musica con i testi. Qualsiasi musica con testi in una lingua che capisci probabilmente si rivelerà più distratta che utile.
  • Scegli musica lenta e strumentale. Le ricerche esistenti generalmente si concentrano sulla musica classica, ma se non ti piace questo genere, potresti anche considerare l’elettronica soft, lo spazio o l’ambiente, il tipo che potresti ascoltare in una spa o mentre fai un massaggio.
  • Evita la musica sorprendente o sperimentale. La musica che cambia bruscamente o manca di un ritmo fisso può lasciarti indovinare cosa aspettarti. Questo può distrarre il tuo cervello e impedirti di concentrarti sul tuo lavoro.
  • Tieni il volume basso. La musica di studio dovrebbe rimanere a un volume di sottofondo. Se è troppo forte, potrebbe interrompere il tuo processo di pensiero.
  • Attieniti alle canzoni per le quali non hai forti sentimenti. Ascoltare la musica che ami o odi può influenzare la tua capacità di concentrazione.
  • Trasmetti in streaming musica senza pubblicità, se possibile. Immagina questo: stai ascoltando la tua stazione strumentale Pandora quando una pubblicità di carta igienica si interrompe, infastidendoti e facendo deragliare il tuo treno di pensieri. È stato detto abbastanza.

Altri suoni da provare

Anche quando la musica non ti aiuta a concentrarti, potresti trovare difficile lavorare in completo silenzio.

Il problema con il silenzio è che di solito è non completare. I rumori di coinquilini, bambini, vicini, colleghi, traffico e così via possono diventare disturbi costanti e impedirti di fare qualsiasi cosa.

Suona familiare? In tal caso, potresti considerare di provare altri tipi di audio.

Suoni della natura

Se preferisci la vita all’aria aperta al tuo ufficio o alla tua scrivania, i morbidi suoni della natura potrebbero creare un’atmosfera rilassante che renderà il tuo lavoro più piacevole.

Hai molte opzioni:

  • cascate e fiumi impetuosi
  • onde oceaniche
  • pioggia
  • il canto degli uccelli e il fruscio delle foglie

Puoi trovare i suoni della natura su YouTube, Pandora e altri servizi di streaming.

rumore bianco

Se suoni casuali in sottofondo interrompono la tua concentrazione, il rumore bianco, che attutisce il rumore di fondo, potrebbe aiutarti a mantenere la concentrazione.

UN studio 2017 suggerisce anche che il rumore bianco potrebbe aiutare a migliorare l’apprendimento e la memoria.

Provalo con una macchina del rumore bianco o un generatore online, come l’app gratuita A Soft Murmur. Potresti anche avere già dei generatori di rumore bianco a casa: basta sintonizzare la radio su statica o accendere un ventilatore.

battiti binaurali

Sebbene la ricerca sul battito binaurale sia ancora agli inizi, limitata ricerca e i rapporti aneddotici suggeriscono che i battiti binaurali potrebbero aiutare a migliorare la concentrazione e la capacità di rimanere concentrati, specialmente per le persone con ADHD.

I battiti binaurali sono un’illusione uditiva prodotta quando si sentono due suoni diversi contemporaneamente, uno in ciascun orecchio.

Questi suoni hanno frequenze simili, ma non sono esattamente gli stessi. Il tuo cervello prende la differenza tra queste due frequenze sonore – diciamo, 187 Hertz (Hz) nell’orecchio sinistro, 201 Hz nel destro – e produce un terzo suono alla frequenza di questa differenza, o 14 Hz. Questo è il suono che senti.

Molti trovano queste stimolazioni del battito utili per una serie di problemi, tra cui:

  • ansia
  • disattenzione
  • insonnia

La linea di fondo

La musica può migliorare il tuo umore e aiutarti a sentirti più motivato ad affrontare compiti importanti, ma non sempre funziona come strumento di studio.

Anche le persone che amano la musica potrebbero trovarla poco utile quando cercano di concentrarsi.

Scegliere la musica con attenzione può aiutarti a massimizzare i suoi benefici, ma se hai ancora difficoltà a concentrarti, potrebbe essere utile considerare il rumore bianco o altre opzioni audio.


Crystal Raypole ha precedentemente lavorato come scrittore ed editore per GoodTherapy. I suoi campi di interesse includono lingue e letterature asiatiche, traduzione giapponese, cucina, scienze naturali, positività sessuale e salute mentale. In particolare, si è impegnata ad aiutare a ridurre lo stigma sui problemi di salute mentale.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here