Home Notizia Mondo Miti medici: tutto sul colesterolo

Miti medici: tutto sul colesterolo

0
97

Colesterolo: qual è la verità? Design di Diego Sabogal

Il colesterolo è un componente essenziale delle membrane delle cellule animali; come tale, è sintetizzato da tutte le cellule animali. Indipendentemente dal suo cattivo nome, il colesterolo è essenziale per la vita.

Tuttavia, quando è presente a livelli elevati nel sangue, è aumenta il rischio di malattie cardiovascolari.

Il colesterolo, insieme ad altre sostanze, come grasso e calcio, si accumula nelle placche sulle pareti delle arterie. Nel tempo, questo restringe i vasi sanguigni e può portare a complicazioni, tra cui ictus e infarto.

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), nel 2015-2016, 12% delle persone di età pari o superiore a 20 anni negli Stati Uniti aveva il colesterolo alto.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) stima che l’aumento dei livelli di colesterolo sia responsabile di 2,6 milioni morti ogni anno.

Data tale prevalenza, non sorprende che la disinformazione sul colesterolo sia diffusa. Quindi, per aiutarci a separare i fatti dalla finzione, Notizie mediche oggi si è avvalso dell’aiuto di tre esperti:

  • Dr. Edo Paz, cardiologo e vicepresidente di Medical presso K Health

  • Dr. Robert Greenfield, cardiologo, lipidologo e internista certificato presso il MemorialCare Heart & Vascular Institute presso l’Orange Coast Medical Center di Fountain Valley, in California

  • La dottoressa Alexandra Lajoie, cardiologa non invasiva presso il Providence Saint John’s Health Center di Santa Monica, CA

1. Tutto il colesterolo è cattivo

Come accennato nell’introduzione, il colesterolo è un componente vitale delle membrane cellulari. Oltre al suo ruolo strutturale nelle membrane, è anche vitale nella produzione di ormoni steroidei, vitamina D e acidi biliari.

Quindi, sebbene alti livelli siano un fattore di rischio per la malattia, senza colesterolo non potremmo sopravvivere.

Come ha spiegato il dottor Greenfield a MNT: “Il colesterolo non è male. È uno spettatore innocente che viene maltrattato nel nostro stile di vita moderno oggi”.

“I nostri corpi non sono stati progettati per vivere in un ambiente in cui il cibo era in eccesso, quindi quando il colesterolo è in eccesso, si deposita nel nostro corpo. E quel centro di deposito può spesso essere i nostri vasi sanguigni, ed è allora che ci fa male”.

– Dott. Robert Greenfield

Oltre alle funzioni del colesterolo nel corpo, anche il modo in cui viene trasportato fa la differenza per determinare se è dannoso per la salute.

Colesterolo viene spostato il corpo dalle lipoproteine, che sono sostanze costituite da grassi e proteine. Questo trasporto avviene in due modi principali.

Le lipoproteine ​​a bassa densità (LDL) trasportano il colesterolo dal fegato alle cellule, dove viene utilizzato in diversi processi. Le persone a volte chiamano colesterolo LDL “cattivo”, perché alti livelli di colesterolo LDL nel sangue aumentano il rischio di malattie cardiovascolari.

La lipoproteina ad alta densità (HDL) viene spesso definita colesterolo “buono”, perché trasporta il colesterolo al fegato. Una volta lì, il colesterolo viene rimosso dal corpo, riducendo così il rischio cardiovascolare.

2. Ho un peso sano, quindi non posso avere il colesterolo alto

“Oh, sì, puoi!” secondo il dottor Greenfield. “L’equilibrio del colesterolo è davvero una funzione di ciò che mangiamo ma anche della nostra genetica. Ad esempio, una persona può nascere con una tendenza genetica a non elaborare il colesterolo in modo efficiente”.

“Perché è genetica”, ha spiegato, “è stata chiamata ipercolesterolemia familiare e potrebbe essere comune come 1 su 200 le persone. Il peso è più una funzione del metabolismo ereditato e dell’equilibrio tra calorie consumate e calorie consumate.

Il dottor Paz è d’accordo: “Anche se hai un peso sano, il tuo colesterolo può essere anormale. Altri fattori che influiscono sul colesterolo sono i cibi che mangi, le tue abitudini di esercizio, se fumi e quanto alcol bevi.

Inoltre, come ci ha detto il dottor Lajoie, le persone che hanno un peso sano potrebbero avere livelli di colesterolo alti, mentre alcune persone che sono in sovrappeso potrebbero non avere il colesterolo alto. “I livelli di colesterolo sono influenzati dalla genetica, dalla funzione tiroidea, dai farmaci, dall’esercizio, dal sonno e dalla dieta”, ha spiegato.

“Ci sono anche fattori che non puoi modificare e che possono contribuire al colesterolo alto, come la tua età e la tua genetica”, ha continuato.

3. Avrei sintomi se avessi il colesterolo alto

Questo è un altro mito. Il dottor Paz ha detto MNT: “Nella maggior parte dei casi, il colesterolo alto non causa sintomi. Ecco perché si consiglia di sottoporsi a esami del sangue periodici per lo screening del colesterolo alto. L’età in cui inizi lo screening e la frequenza dello screening è determinata dai tuoi fattori di rischio individuali.

“Gli unici ‘sintomi’ a cui il colesterolo può essere associato sarebbero i sintomi tardivi, quando l’eccessivo accumulo di colesterolo è responsabile del danno e del blocco del cuore e dei vasi sanguigni. Ciò provoca dolore al petto (angina), infarto o persino morte improvvisa”, ha affermato il dott. Greenfield.

Il dottor Lajoie ha ribadito che il colesterolo alto “porta a un silenzioso accumulo di placca nelle arterie fino a quando non è così grave che si verificano ictus o infarti”.

4. Se mangio molto colesterolo, avrò livelli di colesterolo alti

Questo argomento è un po’ più complesso di quanto ci si potrebbe aspettare. “Il colesterolo che si consuma non è necessariamente correlato direttamente con i livelli di colesterolo”, ha spiegato il dott. Lajoie. “Mangiare zuccheri, [or] carboidrati semplici, possono portare a livelli di colesterolo più alti, anche se qualcuno non mangia molto colesterolo”.

Ha anche spiegato: “Le persone che si allenano hanno meno probabilità di vedere aumenti di colesterolo dal consumo di colesterolo rispetto alle persone sedentarie”.

Secondo il Dr. Greenfield, se consumiamo più colesterolo, molto probabilmente aumenteremo il colesterolo. Ha spiegato perché:

“Non vai al negozio e compri un pacchetto di colesterolo, ma compri carne rossa, formaggi e uova. La carne rossa contiene grassi saturi e colesterolo. Il colesterolo è un prodotto animale, quindi gli articoli che contengono grassi saturi non solo aumenteranno il colesterolo, ma aumenteranno in modo specifico il colesterolo “cattivo” o LDL, che poi si deposita nella parete arteriosa dei nostri vasi sanguigni”.

Altro in Miti medici
Mostra tutto

Miti medici: salute sessuale

Miti medici: tutto sulla psoriasi

Miti medici: tutto sulla pelle

5. Tutti dovrebbero mirare agli stessi obiettivi di colesterolo

“Non vero!” Il dottor Paz ha detto: “Il tuo livello target di colesterolo si basa sul fatto che tu abbia una storia di determinate malattie – come infarto e ictus – e il tuo rischio di sviluppare questi problemi, che si basa su cose come l’età e se hai il sangue alto pressione.”

D’accordo, ha detto il dottor Greenfield MNT, “Le linee guida sul colesterolo pubblicate dalla Associazione americana del cuore (AHA), il American College of Cardiology, e il Associazione nazionale lipidi chiamalo una falsa dichiarazione.”

Ha spiegato inoltre: “Per quelli di noi che non hanno avuto problemi cardiovascolari, il colesterolo LDL (il colesterolo ‘cattivo’) dovrebbe essere inferiore a 100 milligrammi per decilitro (mg/dl). Ma se hai malattie cardiache o vascolari – storia di infarto, ictus o altre malattie vascolari arteriose – e specialmente se hai il diabete, il target di colesterolo LDL dovrebbe essere inferiore a 70 mg/dl, se non inferiore”.

6. Solo gli uomini devono preoccuparsi dei livelli di colesterolo

Questo è un mito persistente, ma non è vero. Il Dr. Paz ha spiegato: “Secondo il Centro per la prevenzione e il controllo delle malattie, nel periodo 2015-2018, la prevalenza di colesterolo totale alto negli adulti statunitensi è stata dell’11,4%. Considerando gli uomini rispetto alle donne, la prevalenza del colesterolo totale alto era del 10,5% negli uomini e del 12,1% nelle donne.

“Le malattie cardiache sono un datore di lavoro di pari opportunità”, ha concordato il dott. Greenfield.

“Le donne, dopo aver perso gli effetti protettivi degli estrogeni, iniziano ad accelerare il rischio di malattie cardiache e sviluppano lo stesso rischio degli uomini”, ha spiegato.

“In effetti, poiché le donne sviluppano malattie cardiache in età avanzata e vivono più a lungo, ogni anno si registrano più attacchi di cuore nella popolazione femminile rispetto agli uomini”.

Ci ha anche detto che quando le donne subiscono un infarto, tendono ad avere esiti peggiori e che le donne hanno un rischio molto più elevato di morire di malattie cardiache rispetto a quello di cancro al seno.

7. Non c’è niente che posso fare per il mio livello di colesterolo

Questo, per fortuna, non è vero. Secondo il Dr. Paz, “Oltre a prendere farmaci per abbassare il colesterolo, puoi anche migliorare il colesterolo mantenendo un peso sano, mangiando i cibi giusti, facendo esercizio, evitando il fumo ed evitando l’uso eccessivo di alcol”.

“C’è così tanto che si può fare con un livello di colesterolo anormalmente alto”, ha concordato il dott. Greenfield.

“La dieta e l’esercizio fisico sono sempre i primi passi e restano estremamente importanti. Le statine sono molto efficaci nell’abbassare il colesterolo e sono sicure. Sono in circolazione dal 1987, con le nuove statine associate a maggiore efficacia, sicurezza e minori effetti collaterali.

E gli scienziati continuano a innovare. Il Dr. Greenfield ha spiegato che “i nuovi inibitori PCSK-9 iniettabili hanno anche dimostrato di abbassare drasticamente il colesterolo a livelli che non abbiamo mai visto prima”.

Sono anche sicuri e causano pochi effetti collaterali, ha detto MNT.

8. Prendo statine, così posso mangiare quello che voglio

«Non sarebbe bello se fosse vero», iniziò il dottor Greenfield, «ma non lo è. Se mangi quello che vuoi e consumi calorie in eccesso, aumenterai di peso. Quando guadagni troppo peso, specialmente intorno alla zona della pancia, puoi sviluppare una condizione chiamata sindrome metabolica, che è uno stato prediabetico.

Ha continuato: “Le statine non sono farmaci che riducono il peso. Il loro compito è abbassare il colesterolo LDL “cattivo” e il tuo compito è trattare il tuo corpo con rispetto, che include ciò che mangi”.

9. Ho meno di 40 anni, quindi non ho bisogno di farmi controllare il colesterolo

“Sebbene ci sia un certo dibattito su quando iniziare lo screening per il colesterolo elevato”, ha spiegato il dott. Paz, “molte società, come l’AHA, raccomandano lo screening già all’età di 20 anni”.

D’accordo, ha detto il dottor Greenfield MNT: “Più a lungo i vasi sanguigni sono immersi nel sangue che contiene un livello di colesterolo troppo alto, aumenta il rischio di malattie cardiovascolari più avanti nella vita. Le raccomandazioni affermano che il primo controllo del colesterolo dovrebbe essere eseguito durante la vita da adolescente e, se hai una forte storia familiare, dovrebbe essere controllato prima.

Per gli individui con ipercolesterolemia familiare omozigote, ci ha detto, “il colesterolo dovrebbe essere controllato all’età di 2 anni”.

Il messaggio da portare a casa

In sintesi, il Dr. Greenfield ha detto quanto segue:

“Incoraggio i miei pazienti a fare domande e a ricercare le loro condizioni mediche. Ma tieni presente che c’è una discreta quantità di materiale “inquinato” che è falso e fuorviante”.

“Accedi a siti Web affidabili e credi alla scienza pubblicata da persone che hanno dedicato la loro vita al trattamento delle malattie cardiache”, ha continuato. “E se qualcosa suona illogico e ‘troppo bello per essere vero’, probabilmente lo è. Tratta il tuo corpo come un santuario, non come un parco di divertimenti!”

Dopo aver completato una laurea in neuroscienze presso l’Università di Manchester nel Regno Unito, Tim ha cambiato completamente corso per lavorare nelle vendite, nel marketing e nell’analisi. Rendendosi conto che il suo cuore risiede veramente nella scienza e nella scrittura, ha cambiato rotta ancora una volta e si è unito al team di Medical News Today come News Writer. Ora caporedattore senior per le notizie, Tim guida un team di scrittori ed editori di prim’ordine, che riferiscono sulle ultime ricerche mediche da riviste peer reviewed; scrive anche lui stesso alcuni articoli. Quando ne ha la possibilità, si diverte ad ascoltare il metallo più pesante, a guardare gli uccelli nel suo giardino, a pensare ai dinosauri e a lottare con i suoi figli.

Puoi seguire Tim su Twitter.

Colpo alla testa di Tim Newman

Altro in Miti medici
Mostra tutto

Miti medici: salute sessuale

Miti medici: tutto sulla psoriasi

Miti medici: tutto sulla pelle

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here