Una lampadina appesa brilla
I ricercatori dicono che c’è un’ondata di attività nel cervello quando una persona muore. THAIS RAMOS VARELA/Stocksy
  • Una nuova ricerca mostra un aumento dell’attività cerebrale al momento della morte.
  • L’attività si svolge in una parte del cervello nota per i sogni e gli stati alterati di coscienza.
  • I ricercatori affermano che i risultati potrebbero aiutare a spiegare le vivide esperienze di pre-morte (luci intense, allucinazioni) riportate da persone vicine alla morte.

Cosa succede alla nostra coscienza quando moriamo?

È forse la più grande domanda – e fonte di angoscia – quando si tratta della condizione umana.

Quelli che denunciano esperienze di pre-morte può offrire uno scorcio allettante di come si sentono e sembrano i nostri ultimi momenti. Molte di queste esperienze sono sorprendentemente simili, con persone che riferiscono esperienze vivide che includono visioni di persone care defunte, luci intense e la sensazione di fluttuare nell’aria.

Mentre le esperienze di pre-morte sono spesso viste attraverso una lente religiosa o filosofica, i ricercatori dell’Università del Michigan hanno studiato il fenomeno a livello scientifico, trovando un picco nell’attività cerebrale al momento della morte.

I loro risultati sono stati pubblicati questa settimana nel Atti della National Academy of Science.

Jimo Borjigin, Ph.D., professore associato presso il Dipartimento di Fisiologia Molecolare e Integrativa e il Dipartimento di Neurologia dell’Università del Michigan, ha condotto lo studio, che si basa su precedenti ricerche che hanno mostrato un aumento neurale nei cervelli morenti di animali soggetti di prova.

“Lo stavamo postulando [the surge] possono rappresentare correlati neurali della coscienza che potrebbero potenzialmente collegare le esperienze soggettive delle persone che sopravvivono all’arresto cardiaco”, ha detto il prof. Borjigin Notizie mediche oggi.

Sebbene la ricerca abbia dei limiti, i ricercatori affermano che è un significativo passo avanti nella comprensione delle ragioni alla base di vivide esperienze di pre-morte e offre uno sguardo a come potrebbero essere i nostri ultimi momenti.

Esperienze di pre-morte difficili da studiare

Sebbene sia abbastanza semplice condurre esperimenti sugli animali, è difficile sia a livello etico che pratico studiare gli esseri umani nelle fasi finali della vita.

Il Prof. Borjigin ha affermato che lei e i suoi colleghi volevano rendere giustizia ai dati precedenti per vedere se il cervello umano rispondeva alla morte nello stesso modo osservato nel cervello di un ratto.

A tal fine, è stata studiata l’attività cerebrale di quattro persone decedute in ospedale mentre venivano monitorate da un dispositivo EEG (elettrogramma).

“I dati generati, anche se sono solo quattro pazienti, sono enormi, quindi siamo stati in grado di riportare solo una frazione delle caratteristiche che effettivamente mostrano sui dati”, ha affermato il prof. Borjigin.

Al momento della morte, l’attività cerebrale è stata rilevata nel regione TPJ del cervello — chiamato perché è la giunzione tra i lobi temporale, parietale e occipitale nella parte posteriore del cervello.

Il TPJ ha già un’associazione nota con sogni, allucinazioni e stati alterati di coscienza.

“Volevo davvero essere in grado di definire qualcosa nel cervello che potesse potenzialmente spiegare quell’esperienza soggettiva di pre-morte”, ha detto il prof. Borjigin. “Alcuni di questi pazienti avrebbero potuto sopravvivere se fossero sopravvissuti per raccontare le loro storie, ma sfortunatamente non l’hanno fatto”.

Coscienza nascosta

Sebbene sia impossibile sapere cosa hanno vissuto i pazienti durante questi picchi cerebrali, questa maggiore attività nel TPJ potrebbe aiutare a spiegare vivide esperienze di pre-morte.

Anche se i pazienti non erano visibilmente coscienti, l’aumento dell’attività cerebrale ha mostrato una coscienza nascosta, in altre parole una coscienza che non può essere rilevata utilizzando gli esami al letto perché il paziente è incapace.

“[People who’ve had near-death experiences] possono ricordare di aver visto o sentito cose, o di aver avuto un’esperienza fuori dal corpo o la percezione del movimento come se stessero volando”, ha spiegato il Prof. Borjigin. “Penso che abbiamo potenzialmente almeno definito o scoperto passaggi anatomici minimi per le neurofirme della coscienza nascosta. Vorremmo essere in grado di studiare soggetti umani in circostanze meno devastanti, in cui si sa che i pazienti sono in grado di sopravvivere e poi raccontare la storia in cui possono correlare la loro firma cerebrale con un’esperienza soggettiva”.

Per fare questa correlazione, i pazienti che sopravvivono all’arresto cardiaco mentre sono monitorati da un dispositivo EEG potrebbero essere intervistati per vedere se le loro onde cerebrali si allineano con la loro esperienza.

In ogni caso, studiare le onde cerebrali dei pazienti morenti può aiutarci a comprendere meglio il processo della morte, che è ancora un po’ avvolto nel mistero.

Esplorare l’interazione tra il sistema polmonare, il sistema cardiaco e il cervello può gettare nuova luce sulla natura della coscienza.

Un bioeticista reagisce allo studio

“Ciò che questo studio suggerisce davvero è che il cervello sta subendo alcuni cambiamenti chimici durante il processo di morte. Spiega le percezioni che le persone hanno di vedere gli angeli o la luce alla fine di un tunnel “, ha detto a Healthline Arthur Caplan, bioeticista presso il NYU Langone Medical Center di New York. “Quello che mostra è che il cervello ha le misure necessarie per cercare di svegliarsi e si accende in modi che possono essere allucinatori”.

Molte persone sono curiose di sapere cosa succede dopo la morte, ma questo studio è molto preliminare e non va su quella strada, ha detto.

“In un certo senso, questo studio fa luce sulla paura delle persone che forse soffriranno quando moriranno all’ultimo momento e non sembra essere così. Ma forse rimarranno delusi perché ciò che questo studio suggerisce è che non si ottiene alcuna intuizione dall’esperienza della morte su ciò che realmente verrà dopo “, ha aggiunto Caplan.