Home Notizia Mondo Lo stile di vita sedentario può aumentare il rischio di fibromi uterini

Lo stile di vita sedentario può aumentare il rischio di fibromi uterini

0
49

Una donna seduta su un divano con le gambe distese, legge un libro
Condurre una vita sedentaria può anche influire sulla salute dell’utero. Fonte immagine/Getty Images
  • I fibromi sono tumori benigni (non cancerosi) dell’utero che possono essere asintomatici o causare dolore e sanguinamento mestruale abbondante.
  • Colpiscono tra il 5% e il 70% delle donne, a seconda della popolazione studiata, e sono più comuni nelle donne tra i 40 e i 50 anni.
  • Tra il 5% e il 10% delle donne nella popolazione generale riferiscono di avere fibromi e forti emorragie.
  • Ora, uno studio trasversale cinese suggerisce che più tempo si trascorre seduti o sdraiati durante il giorno, maggiore è il rischio di fibromi durante la perimenopausa.

Fibromi uterini (noti anche come leiomioma o “mioma”) sono tumori muscolari che crescono nell’utero. È difficile capire esattamente quante donne hanno fibromi perché Il 75% non provoca sintomi abbastanza grave da richiedere un trattamento, quindi le autovalutazioni sottovaluteranno la prevalenza. D’altra parte i sondaggi nelle cliniche ginecologiche sovrastimano il numero di donne colpite con segnalazioni fino a 70% di donne. Un sondaggio online internazionale delle donne con sanguinamento abbondante suggerisce tassi del 5-10%. I fibromi uterini sono quasi sempre benigni (non cancerosi).

I fibromi possono variare in dimensioni da molto piccole a circa le dimensioni di un pompelmo. Spesso non presentano sintomi, ma possono causare dolore, sanguinamento mestruale abbondante e pressione sulla vescica e sul retto, soprattutto se abbondanti.

Chiunque abbia un utero può sviluppare fibromi e la probabilità di svilupparli aumenta con l’età. Altri fattori che aumentare il rischio dei fibromi in via di sviluppo includono:

  • essere afro-americano
  • una storia familiare di fibromi
  • obesità
  • ipertensione (pressione alta)
  • non essere mai stata incinta
  • carenza di vitamina D
  • consumo di additivi alimentari
  • utilizzo del latte di soia

Ora, uno studio, pubblicato su BMJ apertoha suggerito che uno stile di vita sedentario può anche aumentare il rischio di sviluppare fibromi, in particolare negli anni precedenti la menopausa.

Tuttavia, questo studio trasversale e osservazionale non può mostrare un nesso causale ma solo un’associazione.

Oltre 6 ore di tempo libero sedentario

In questo studio, i ricercatori hanno raccolto dati da 6.623 partecipanti donne della provincia dello Yunnan, nel sud-ovest della Cina. I ricercatori hanno interrogato i partecipanti, la maggior parte dei quali erano agricoltori, su come trascorrevano il loro tempo libero e poi li hanno esaminati fisicamente, sottoponendoli anche a esami ecografici B addominali per identificare se avevano fibromi uterini. Hanno scoperto che 562 (8,5%) avevano fibromi uterini.

Tutti i partecipanti avevano un’età compresa tra 30 e 55 anni, non eranomenopausae non soffriva di gravi malattie mentali.

I ricercatori hanno effettuato interviste faccia a faccia con questionari digitali. Hanno chiesto ai partecipanti quanto del loro tempo libero fosse speso in attività sedentarie, come scacchi, telefoni cellulari, tablet, TV, libri, giornali, lavoro a maglia e altre attività in cui il consumo di energia era inferiore o uguale a 1,5 compito equivalente metabolico (INCONTRATO).

Hanno diviso il gruppo in quattro gruppi in base a quanto tempo trascorrevano in attività ricreative sedentarie: meno di 2 ore al giorno, 2–3,99 ore al giorno, 4–5,99 ore al giorno e 6 ore o più al giorno.

Nella loro analisi, i ricercatori hanno controllato le covariate tra cui età, stato civile, livello di istruzione, indice di massa corporea (BMI), età della prima mestruazione, numero di nati vivi e stato mestruale.

Collegare la seduta prolungata allo sviluppo dei fibromi

I ricercatori hanno scoperto che più ore di tempo libero sedentario erano correlate con una maggiore probabilità di fibromi.

Coloro che riferivano sei o più ore di tempo libero sedentario avevano il doppio delle probabilità di avere fibromi rispetto a coloro che riferivano meno di due ore. Questa differenza era maggiore in coloro che erano in perimenopausa, con quelli del gruppo più sedentario che avevano più di cinque volte più probabilità di avere fibromi rispetto a quelli con un tempo meno sedentario.

“Lo studio è interessante ma non può fare previsioni causali – solo associazioni/correlazioni. Potrebbe darsi che la crescita dei fibromi e/o un altro fattore non identificato nei fibromi scoraggi le persone dall’esercizio fisico, portandole ad intraprendere attività sedentarie, per esempio?”
— Dott.ssa Sally King, fondatrice di Menstrual Matters, un centro di informazioni online senza scopo di lucro.

Ricerca ha collegato il comportamento sedentario nel tempo libero con i tumori estrogeno-dipendenti, come il cancro al seno, alle ovaie e all’endometrio.

Il comportamento sedentario è anche collegato all’obesità e a livelli più elevati di estrogeni, entrambi i quali aumentano il rischio di fibromi uterini, come ha spiegato il dottor G. Thomas Ruiz, ostetrico/ginecologo certificato presso il MemorialCare Orange Coast Medical Center di Fountain Valley, California:

“Si ritiene che i fibromi uterini siano tumori estrogeno-dipendenti. In presenza di alti livelli di estrogeni, si ritiene che si otterrà una maggiore proliferazione della muscolatura liscia, delle fibre e del tessuto connettivo responsabili dello sviluppo dei fibromi.

“Il tessuto adiposo, in generale, converte gli steroidi in estrogeni, motivo per cui si ritiene che l’obesità sia collegata a una maggiore probabilità di cancro al seno, cancro dell’endometrio e fibromi uterini”, ha aggiunto.

In questo studio, tuttavia, il comportamento sedentario è stato collegato ai fibromi solo nelle donne con un BMI inferiore a 24 (peso sano). I ricercatori suggeriscono che negli individui in sovrappeso o obesi, altri fattori possono influenzare lo sviluppo dei fibromi, diminuendo l’impatto del comportamento sedentario.

Correlazione, non causalità

I ricercatori notano diversi limiti del loro studio. Innanzitutto, essendo uno studio trasversale, non può determinare una relazione causale tra comportamento sedentario e fibromi.

Il dottor Ruiz ha spiegato perché i ricercatori potrebbero aver trovato la correlazione:

“Uno stile di vita sedentario brucia meno calorie portando ad un aumento dei livelli di grasso nel corpo. Questo potrebbe essere il tipo di studio che deve essere ripetuto in una popolazione più diversificata per vedere se i dati reggono”.

Ma il dottor King ha avvertito: “Fino a quando la causalità non sarà meglio dimostrata, l’attenzione allo stile di vita sedentario (con estrapolazione alla presunta obesità) sembra un po’ più di un’osservazione neutra”.

Nello studio, i partecipanti hanno anche auto-riferito il tempo libero e le covariate, quindi potrebbero esserci errori di memoria e, sebbene si siano adeguati per molti potenziali fattori confondenti, potrebbero essercene altri per i quali non si sono adeguati.

Infine, le donne della provincia dello Yunnan sono per lo più contadine, quindi i dati potrebbero non essere generalizzabili ad altre popolazioni.

Il dottor Ruiz ha sottolineato l’omogeneità della popolazione studiata.

“È difficile valutare se questo studio sia clinicamente importante, invece che semplicemente una correlazione interessante. Dato che la Cina è una popolazione omogenea, quanto lo è? [this] i dati si applicano ad altre culture?” chiese.

Se uno stile di vita più sedentario aumenti o meno il rischio di fibromi, non è chiaro ampie prove che può portare a molte altre condizioni di salute. Pertanto gli esperti raccomandano di includere più attività fisica nel tempo libero.