Home Notizia Mondo Livelli di ossigeno nel sangue bassi e normali: cosa sapere

Livelli di ossigeno nel sangue bassi e normali: cosa sapere

0
26

Il livello di ossigeno nel sangue è la quantità di ossigeno che circola nel sangue. I globuli rossi trasportano la maggior parte dell’ossigeno, raccogliendolo dai polmoni e consegnandolo a tutte le parti del corpo.

Il corpo monitora da vicino i livelli di ossigeno nel sangue per mantenerli entro un intervallo specifico in modo che ci sia abbastanza ossigeno per i bisogni di ogni cellula.

Il livello di ossigeno nel sangue di una persona è un indicatore di quanto bene il corpo distribuisce l’ossigeno dai polmoni alle cellule e può essere importante per la salute delle persone.

Livelli di ossigeno nel sangue normali e bassi

I medici possono utilizzare un pulsossimetro per misurare i livelli di ossigeno nel sangue.

Un livello di ossigeno nel sangue sano varia tra 75 e 100 millimetri di mercurio (mm Hg).

Quando i risultati del test dell’emogasanalisi (ABG) rivelano un livello di ossigeno inferiore a 60 mm Hg, la comunità medica lo considera basso. In alcuni casi, le persone con questi risultati possono richiedere un’integrazione di ossigeno.

Un livello di ossigeno nel sangue troppo basso rispetto al livello medio di una persona sana può essere un segno di una condizione nota come ipossiemia. Questo si sviluppa quando il corpo ha difficoltà a fornire ossigeno a tutte le sue cellule, tessuti e organi.

Saturazione di ossigeno

La saturazione di ossigeno si riferisce alla percentuale di ossigeno nel sangue di una persona. I professionisti medici utilizzano spesso un dispositivo chiamato pulsossimetro per un test rapido o un monitoraggio continuo. Il dispositivo può essere fissato al polpastrello della persona.

Un livello di saturazione di ossigeno sano varia tra 95% e 100%. Se i livelli di una persona scendono al di sotto di questo intervallo, potrebbero manifestare sintomi associati alla mancanza di ossigeno, come difficoltà respiratorie e confusione.

Come viene misurato il livello di ossigeno nel sangue?

Un test emogasanalisi è il modo più efficace per monitorare i livelli di ossigeno nel sangue. Questo test comporta il prelievo di un campione di sangue da un’arteria, di solito nel polso. Questa procedura è molto accurata, ma può essere un po’ dolorosa.

I medici eseguono i test dell’emogasanalisi in un ospedale. Tuttavia, le persone possono anche testarsi a casa utilizzando un piccolo dispositivo noto come pulsossimetro.

Un pulsossimetro è una piccola clip che spesso si attacca a un dito, sebbene funzioni anche su un orecchio o un dito del piede. Misura l’ossigeno nel sangue indirettamente dall’assorbimento della luce attraverso il polso di una persona.

Sebbene il test del pulsossimetro sia più facile, più rapido e meno doloroso del test dell’emogasanalisi, non è così accurato. Diversi fattori possono interferire con i risultati, Compreso:

  • dita sporche
  • luci brillanti
  • tonalità della pelle più scure
  • smalto per unghie
  • scarsa circolazione alle estremità

Scopri come scegliere il miglior pulsossimetro da acquistare.

Sintomi di bassi livelli di ossigeno nel sangue

Bassi livelli di ossigeno nel sangue possono causare una circolazione anormale e causa i seguenti sintomi:

  • fiato corto
  • mal di testa
  • irrequietezza
  • vertigini
  • respirazione rapida
  • dolore al petto
  • confusione
  • alta pressione sanguigna
  • mancanza di coordinamento
  • disturbi visivi
  • senso di euforia
  • battito cardiaco accelerato

Ulteriori informazioni sui sintomi della cattiva circolazione.

Cause di basso livello di ossigeno nel sangue

Il termine medico per basso livello di ossigeno nel sangue è ipossiemia. Può accadere a causa di:

  • ossigeno insufficiente nell’aria
  • incapacità dei polmoni di inalare e inviare ossigeno a tutte le cellule e tessuti
  • incapacità del flusso sanguigno di circolare ai polmoni, raccogliere ossigeno e trasportarlo in tutto il corpo

Condizioni che possono portare all’ipossiemia

Diverse condizioni e situazioni mediche può contribuire ai fattori di cui sopra, tra cui:

  • asma
  • malattie cardiache, comprese le malattie cardiache congenite
  • alta altitudine
  • anemia
  • COVID-19
  • broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO)
  • malattia polmonare interstiziale
  • enfisema
  • sindrome da distress respiratorio acuto (ARDS)
  • polmonite
  • ostruzione di un’arteria nel polmone
  • fibrosi polmonare, o cicatrici e danni ai polmoni

  • presenza di aria o gas nel torace che fa collassare i polmoni
  • liquido in eccesso nei polmoni
  • apnea notturna, che comporta interruzioni della respirazione durante il sonno

  • alcuni farmaci, inclusi alcuni narcotici e antidolorifici

Quando contattare un medico

Le persone dovrebbero contattare un medico se:

  • sperimentare una grave e improvvisa mancanza di respiro
  • sperimentare mancanza di respiro a riposo
  • ha una grave mancanza di respiro che peggiora durante l’esercizio o l’attività fisica
  • svegliarsi improvvisamente con mancanza di respiro o una sensazione di soffocamento
  • sono ad alta quota e sperimentano una grave mancanza di respiro con tosse, battito cardiaco accelerato e ritenzione di liquidi

Trattamento

Le opzioni di trattamento per bassi livelli di ossigeno nel sangue includono ossigeno supplementare. I medici possono somministrare l’ossigenoterapia in uno studio, oppure possono prescrivere o raccomandare l’uso dell’ossigenoterapia domiciliare (HOT).

È disponibile una gamma di dispositivi per l’erogazione e il monitoraggio di HOT, ma alcuni richiedono una prescrizione.

Le persone possono apportare modifiche allo stile di vita per ridurre i sintomi di bassi livelli di ossigeno, nonché migliorare la loro salute generale e la qualità della vita. Le modifiche che probabilmente saranno utili includono:

  • Smettere di fumare
  • evitando il fumo passivo
  • mangiare una dieta nutriente contenente molta frutta, cereali integrali, proteine ​​​​magre e verdure
  • esercitarsi regolarmente

Scopri di più su come seguire una dieta equilibrata.

Veduta

Molte condizioni possono causare bassi livelli di ossigeno nel sangue. Il trattamento della condizione sottostante responsabile generalmente migliorerà i livelli di ossigeno nel sangue.

Le persone che convivono con malattie polmonari croniche, come la BPCO, e coloro che contraggono il COVID-19 potrebbero aver bisogno di un monitoraggio regolare dell’ossigeno nel sangue.

Una persona con un basso livello di ossigeno nel sangue può anche apportare cambiamenti allo stile di vita, come adeguare le proprie abitudini alimentari e di esercizio. Insieme all’ossigenoterapia, questi cambiamenti potrebbero aiutare una persona ad aumentare i livelli di saturazione di ossigeno.

Sommario

Il livello di ossigeno nel sangue di una persona si riferisce alla quantità di ossigeno che circola nel sangue. Una persona può misurare i propri livelli di ossigeno nel sangue usando un pulsossimetro. Su un pulsossimetro, i medici considerano bassi livelli inferiori al 95%.

Diverse condizioni possono causare bassi livelli di ossigeno nel sangue, tra cui asma, anemia e COVID-19.

Il trattamento comporterà spesso l’affrontare la causa sottostante, ma a volte i medici possono anche raccomandare l’ossigenoterapia o modifiche allo stile di vita.

Leggi l’articolo in spagnolo.