Home Notizia Mondo L’istruzione superiore e le abilità linguistiche possono aiutare a invertire la…

L’istruzione superiore e le abilità linguistiche possono aiutare a invertire la…

0
37

Una nuova ricerca si aggiunge alla prova che l’istruzione superiore e le competenze linguistiche avanzate possono aiutare a scongiurare la demenza. Alan Varajas/EyeEm/Getty Images
  • La demenza è una sindrome che ostacola gravemente il pensiero, la comunicazione, la memoria e altre funzioni cognitive.
  • Contrariamente all’opinione popolare, un lieve deterioramento cognitivo non porta sempre alla demenza.
  • In effetti, un esame del lungo studio sulle monache collega livelli di istruzione elevati con una diminuzione del deterioramento cognitivo lieve.
  • Questo studio ha anche scoperto che abilità linguistiche avanzate possono aiutare a preservare la funzione cognitiva nelle persone anziane.

Al di sopra di 55 milioni le persone convivono con la demenza a livello globale, con quasi 10 milioni di nuovi casi ogni anno. È la settima causa di morte e una delle principali cause di disabilità tra gli anziani.

Ad oggi, la demenza non ha cura.

Gli esperti di salute definiscono il deterioramento cognitivo lieve (MCI) come un leggero declino della funzione mentale che non limita la maggior parte delle attività quotidiane. È ampiamente considerato un precursore di un’eventuale demenza.

Tuttavia, un gruppo di ricercatori provenienti da Stati Uniti, Canada e Cina ha scoperto ulteriori prove per confutarlo.

La loro recente analisi suggerisce che le persone con un’istruzione superiore possono avere fino al doppio delle probabilità di riprendersi dall’MCI.

Suzanne Tyas, Ph.D., professoressa presso la School of Public Health Sciences dell’Università di Waterloo, è stata l’autrice principale. Ha riferito:

“Anche dopo aver considerato l’età e la genetica – fattori di rischio consolidati per la demenza – abbiamo scoperto che livelli di istruzione più elevati hanno più che raddoppiato le possibilità che le persone con decadimento cognitivo lieve tornino alla normale cognizione [NC] invece di progredire verso la demenza”.

Tyas e il suo team hanno anche osservato che le transizioni inverse – passando dall’MCI al tipico – possono verificarsi più spesso dell’insorgenza della demenza negli individui più giovani con alti risultati accademici e abilità linguistiche. Questi giovani, inoltre, non presentavano determinati fattori di rischio genetico per la demenza.

Questo lavoro appare in Neurologia.

Esplorando lo studio delle suore

I ricercatori hanno esaminato le valutazioni nel Nun Study, uno studio a lungo termine che ha coinvolto donne religiose altamente istruite di età pari o superiore a 75 anni.

Il team ha stimato i tassi di transizione tra cognizione tipica, decadimento cognitivo lieve e demenza.

Hanno studiato l’effetto dell’età e dei livelli di apolipoproteina E (ApoE), una proteina coinvolta nel metabolismo dei grassi. L’ApoE è il più forte fattore di rischio genetico per il morbo di Alzheimer, il tipo più comune di demenza.

Riserva cognitiva

Yaakov Stern, Ph.D., è Professore di Neuropsicologia a Florence Irving nei Dipartimenti di Neurologia, Psichiatria e Psicologia e presso il Taub Institute for the Research on Alzheimer’s Disease and the Aging Brain presso la Columbia University, New York. È anche il capo della Divisione di Neuroscienze Cognitive del Dipartimento di Neurologia.

Il dottor Stern non è stato coinvolto nello studio in corso.

In un podcast dell’ottobre 2021, il dottor Stern ha spiegato:

“Il concetto di riserva cognitiva si concentra su: data la quantità di cambiamenti cerebrali che le persone hanno – legati all’età o alle malattie – alcune persone fanno meglio di altre. Quindi, alcune persone possono far fronte a quei cambiamenti cerebrali meglio di altri […] La riserva cognitiva è un processo che consente alle persone di affrontare meglio i cambiamenti cerebrali”.

Il dottor Stern ha affermato che, sebbene la riserva cognitiva non sia una misura, possiamo analizzare i proxy – misure indirette – della riserva cognitiva.

La dott.ssa Tyas e i suoi coautori hanno considerato tali proxy nel loro studio: istruzione, voti delle scuole superiori e abilità linguistiche scritte.

I buoni voti pagano

Tyas e il suo team hanno analizzato i dati su 619 partecipanti. Di questi individui, 472 avevano una diagnosi di MCI.

Delle 472 donne studiate dai ricercatori, 143 sono tornate almeno una volta a NC. Di questi 143, 120 non hanno mai sviluppato demenza entro 8 anni.

Inoltre, livelli accademici più elevati hanno più che raddoppiato le possibilità di recupero rispetto a un grave declino cognitivo.

E i partecipanti con voti di inglese più alti avevano maggiori probabilità di riguadagnare la tipica funzione mentale rispetto a quelli con voti inferiori. Questi voti riflettevano la creatività nella scrittura e la padronanza di complesse abilità grammaticali.

Rassicurazione per il deterioramento cognitivo

L’attuale studio mostra che alcune persone con MCI possono migliorare senza intervento medico.

Suggerisce inoltre che i proxy della riserva cognitiva, come i livelli di istruzione e le capacità di scrittura, potrebbero fungere da predittori del benessere cognitivo quando le persone invecchiano.

I risultati mostrano che lo sviluppo di competenze accademiche all’inizio della vita può ridurre sostanzialmente il rischio di demenza.

Solo per donne?

Questo studio ha coinvolto solo persone di un genere con educazione, istruzione ed esperienze di vita simili.

Tuttavia, Stella Panos, Ph.D., vede questo come un raro vantaggio. Il dottor Panos è un neuropsicologo e direttore di neuropsicologia per il Pacific Neuroscience Institute presso il Providence Saint John’s Health Center di Santa Monica, in California.

In un’intervista esclusiva a Notizie mediche oggiil dottor Panos ha commentato:

“È davvero bello perché in realtà trovi uno studio che riguarda tutte le donne […] Gli studi sulle suore sono stati notevoli perché [they were] omogenei, erano in grado di controllare per una varietà di altre cose, e [the nuns] hanno la stessa dieta sana, lo stesso tipo di lavoro che svolgono, quindi in qualche modo questo controlla il rumore extra”.

Tuttavia, il dottor Panos ha riconosciuto che la ricerca sulla demenza dovrebbe includere popolazioni più inclusive e diversificate per aiutare ad affrontare le disparità persistenti nel trattamento.

I partecipanti al Nun Study sono straordinariamente omogenei nello stile di vita e nell’accesso all’assistenza sanitaria. Avevano anche valutazioni prospettiche programmate, che controllano e riducono al minimo i fattori di confusione che gli scienziati incontrerebbero nelle popolazioni cliniche.