Home Notizia Mondo L’HIV diagnosticato più tra le persone eterosessuali rispetto agli uomini gay per...

L’HIV diagnosticato più tra le persone eterosessuali rispetto agli uomini gay per il …

0
36

Nuovi dati nel Regno Unito mostrano che le diagnosi di HIV nelle persone eterosessuali hanno superato quelle negli uomini gay e bisessuali. Chris Jackson/Getty Images
  • Le nuove diagnosi di HIV in Inghilterra sono diminuite nel 2020, ma anche il numero di test effettuati a causa del ridotto accesso alle cliniche di salute sessuale durante il blocco.
  • Per la prima volta in un decennio, il numero totale di nuove diagnosi di HIV è stato più alto nelle persone eterosessuali che tra gli uomini gay e bisessuali.
  • Le ragioni di questo cambiamento sono difficili da quantificare a causa dell’interruzione dell’accesso all’assistenza sanitaria e del cambiamento dei comportamenti sessuali durante la pandemia.

C’è stato un calo generale nelle nuove diagnosi di HIV negli ultimi anni in alcuni paesi, tra cui il Regno Unito e gli Stati Uniti.

Le diagnosi di HIV hanno raggiunto il picco intorno al 1997 e l’UNAIDS ha lanciato una spinta globale per assicurarsi che il 90% delle persone con HIV ricevesse una diagnosi entro il 2020 e che il 90% di queste persone avesse accesso alle cure.

Quando le persone ricevono una diagnosi di HIV, possono accedere a cure che possono ridurre la carica virale e prevenire la trasmissione dell’HIV. Secondo UNAIDS, a livello globale, 1,5 milioni di persone hanno ricevuto una diagnosi di HIV nel 2020 rispetto ai 3 milioni nel 1997. Donne e ragazze hanno rappresentato il 50% di queste diagnosi nel 2020.

Mentre le donne hanno rappresentato meno di un terzo delle nuove diagnosi nel Regno Unito nel 2020, i dati pubblicati dall’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito il 2 dicembre 2021, mostrano che le persone eterosessuali hanno rappresentato la maggior parte delle nuove diagnosi di HIV nel Regno Unito nel 2020.

Le cifre hanno mostrato che del numero totale di persone che hanno ricevuto una diagnosi di HIV in Inghilterra nel 2020, il 45% erano uomini gay e bisessuali e il 49% erano persone eterosessuali. Il numero totale di persone che hanno ricevuto una diagnosi di HIV in Inghilterra nello stesso anno è stato di 2.630.

Il numero di nuove diagnosi tra uomini gay e bisessuali è sceso da 1.500 nel 2019 a 890 nel 2020, con un calo del 41% anno su anno. Le diagnosi nelle persone eterosessuali sono scese da 1.310 nel 2019 a 1.010 nel 2020, con un calo del 23%. È importante notare che i test nelle cliniche di salute sessuale sono diminuiti del 30%.

Il test dell’HIV è sceso del 33% tra le persone eterosessuali e del 7% tra gli uomini gay e bisessuali.

In un’intervista telefonica, Liam Beattie, funzionario delle relazioni pubbliche presso il Terrence Higgins Trust, un ente di beneficenza per l’HIV e la salute sessuale del Regno Unito, ha detto Notizie mediche oggi che i blocchi hanno avuto un impatto significativo sull’accesso alle cliniche di salute sessuale e, quindi, sui test nel Regno Unito

“Abbiamo visto quel calo significativo dei servizi di salute sessuale, quindi [testing] è diminuito di oltre la metà durante i periodi, ma abbiamo visto un aumento dei test online. Ma in termini di scomposizione all’interno dei dati demografici, abbiamo visto che i test online sono significativamente più popolari tra gli uomini gay e bisessuali che tra gli uomini eterosessuali, ad esempio. Quindi, non stiamo vedendo lo stesso livello di entusiasmo che potremmo voler vedere per i test online eseguiti su tutti i dati demografici che devono essere testati”.

Cosa c’è dietro i cambiamenti?

L’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito ha concluso che mentre la riduzione delle nuove diagnosi di HIV tra uomini gay e bisessuali era probabilmente dovuta a una “vera riduzione della trasmissione”, la riduzione dei nuovi [diagnoses] tra le persone eterosessuali era probabilmente dovuto a un calo dei test.

Nel suo rapporto, l’agenzia ha anche osservato che i farmaci per la profilassi pre-esposizione (PrEP) per la protezione dall’HIV sono diventati disponibili per la prima volta tramite il servizio sanitario nazionale del Regno Unito nell’ottobre 2020. Ciò ha fatto seguito a uno studio IMPACT di 3 anni che ha reso il trattamento disponibile a decine di persone. di migliaia di persone a maggior rischio di contrarre l’HIV tra ottobre 2017 e luglio 2020.

Tuttavia, il 96% delle persone che assumevano la PrEP come parte del processo IMPACT erano uomini gay e bisessuali, con le donne che rappresentavano solo il 3% dei partecipanti e l’1,5% che si identificava come africano nero.

La PrEP è stata un “punto di svolta”, ha affermato Beattie, che ha sottolineato i dati presentati di recente che suggerivano che la disponibilità della PrEP aveva dimezzato le possibili infezioni nel 2021.

Tuttavia, “Stiamo vedendo che i gruppi più colpiti da ciò sono uomini gay e bisessuali, e non li vediamo alla portata dell’accesso tra le altre popolazioni colpite dall’HIV”, ha affermato.

La professoressa Katharina Hauck, professoressa di Economia sanitaria all’Imperial College di Londra, è stata più riservata nell’analisi della causa del calo dei contagi.

Lei disse MNT in un’intervista: “Ho trovato interessante, in effetti, fino a che punto l’Agenzia per la sicurezza sanitaria si sia spinta nell’interpretazione di queste tendenze, che potrebbero essere associazioni o potrebbero essere effetti causali, molto difficili da dire, senza fare una corretta analisi statistica dei dati . Penso che se fossi stato io, sarei stato più attento [when] interpretare i dati”.

Ha sottolineato che confrontare gli uomini che hanno rapporti sessuali con uomini e persone eterosessuali non è stato di aiuto, poiché i comportamenti sessuali, l’aderenza al trattamento e altri fattori differivano tra i gruppi e durante la pandemia.

Nel 2019, il governo del Regno Unito si è impegnato a ridurre la trasmissione dell’HIV nel Regno Unito a zero entro il 2030. Sebbene queste tendenze siano promettenti, Beattie ha sottolineato che molte persone con HIV avevano smesso di ricevere cure durante la pandemia e si erano perse dal sistema. È necessario lavorare per raggiungere queste persone ora, ha affermato.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here