Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Le cose da fare e da non fare per sostenere qualcuno in...

Le cose da fare e da non fare per sostenere qualcuno in una crisi di salute mentale

0
3

Nessuno, nemmeno il più energico tra noi, ha una scorta illimitata di risorse emotive.

Ma so quanto vorremmo averlo fatto. Quando qualcuno che amiamo è alle prese con la sua salute mentale, spesso il nostro istinto è quello di buttarci nella mischia… ma senza pensare al tipo di supporto che offriamo, rischiamo di esaurirci.

Se stai leggendo questo, probabilmente sai cosa intendo.

Nella mia storia, sono stato sia la persona in crisi che il sostenitore. E so in prima persona che quando qualcuno tocca il fondo, è difficile non essere travolti dall’intensità. A volte ci dimentichiamo di noi stessi. Andiamo all-in, solo per ritrovarci impoveriti e risentiti.

Ho scritto questo perché, avendo visto entrambi i lati, so quanto possa essere difficile.

Fa male dare a qualcuno fino all’ultimo grammo di compassione che hai, solo per trovarlo ancora immobilizzato dalla sua disperazione, che non sembra migliorare.

So anche cosa vuol dire avere un amico che ti abbandona nella tua ora più buia, confermando la tua paura che tu sia, in effetti, “troppo”.

Ma ecco la verità: non devi sacrificarti per sostenere qualcun altro. E no, non sei “troppo” per aver bisogno del sostegno delle persone che ami. Entrambe queste cose sono vere.

Tuttavia, dobbiamo essere attenti a come entriamo nel nostro ruolo di sostenitori, affinché queste cose si sentano vere per tutti.

Se ti stai chiedendo da dove cominciare, queste cose da fare e da non fare possono offrire un modello per mostrarti più compassionevole, sia verso te stesso che verso la persona amata.

DA FARE: avere un piano dall’inizio

Se sai che qualcuno è in crisi, è molto probabile che abbia bisogno di qualcosa di più del tuo supporto e ne avrà bisogno a lungo termine, compreso quello dei professionisti.

La persona amata avrà bisogno di una solida rete di assistenza e di un piano se le cose dovessero degenerare. Per fortuna, è qualcosa che può essere organizzato in anticipo.

Questo è un AVVOLGIMENTO!

Molti professionisti della salute mentale raccomandano che le persone abbiano un piano d’azione per il recupero del benessere (WRAP). Questo può includere:

  • numeri di telefono di un terapeuta, psichiatra e altri operatori sanitari o guaritori pertinenti
  • informazioni di contatto di familiari e amici che possono offrire supporto
  • numeri di telefono per numeri di emergenza locali e organizzazioni di salute mentale
  • indirizzi per centri di emergenza e pronto soccorso
  • un elenco di fattori scatenanti e forme di cura di sé da provare quando la persona amata viene attivata
  • un programma di risorse della comunità, come gruppi di supporto online, riunioni in 12 fasi, ecc.

La persona amata dovrebbe condividere questo piano con la sua rete di supporto.

Se la loro rete sembra limitata (o è limitata solo a te), lavora insieme per vedere quali risorse puoi trovare, comprese queste opzioni terapeutiche convenienti e questa guida “scegli la tua avventura”.

NON: prendere decisioni senza il loro consenso

C’è un presupposto comune che non ci si possa fidare delle persone che stanno lottando con la loro salute mentale per prendere le proprie decisioni.

Ma la maggior parte delle volte, questo semplicemente non è vero. Quando possibile, dovremmo coinvolgere la persona amata in tutte le decisioni che la riguardano.

Questo è particolarmente vero quando stiamo considerando di prendere decisioni che potrebbero traumatizzarli ulteriormente. Gli incontri con gli agenti di polizia, compresi i controlli del benessere o del benessere, possono essere terrificanti e, in alcuni casi, sono diventati mortali, in particolare per i neri e le persone di colore.

È meglio familiarizzare con i team di crisi locali e contattare la persona amata e gli altri nel loro sistema di supporto in anticipo per determinare la linea d’azione più sicura in caso di emergenza.

Se qualcuno ha chiamato il 911, prendi le seguenti precauzioni per ridurre il danno:

  • Richiedi un funzionario addestrato in intervento di crisi (CIT).
  • Fornire quante più informazioni possibili all’operatore, compresa la diagnosi, i sintomi e la natura dell’emergenza.
  • Se temi che la persona amata possa provocare intenzionalmente un ufficiale a sparare con la sua arma (noto anche come “suicidio da parte di un poliziotto”), ripeti queste informazioni al centralino più volte per garantire che quelli sul posto ne siano consapevoli e non facciano fuoco.
  • Invia un sostenitore nelle vicinanze per incontrarli sul posto per intervenire con calma e garantire che la situazione non si aggravi da entrambe le parti.

Anche se il 911 è già stato chiamato, vale comunque la pena contattare le risorse di emergenza locali. Controlla e vedi se possono mandare qualcuno a mediare qualsiasi incontro con la polizia che accade.

Si prega di ricordare che c’è nessuna garanzia che la persona amata sarà al sicuro se viene chiamato il 911. Si sa che accadono tragedie. L’ammissione volontaria alle cure ospedaliere sarà sempre l’opzione più sicura.

In tali emergenze, sei responsabile di prendere quante più precauzioni possibili per garantire il miglior risultato possibile.

FARE: stabilire aspettative ragionevoli in anticipo

Evita di esagerare o di offrire alti livelli di supporto a tempo indeterminato. Puoi farlo assicurandoti che la persona amata capisca le tue aspettative nei suoi confronti in questo momento.

Se ti aspetti che siano in terapia, ad esempio, puoi chiedere se hanno intenzione di trovare un terapeuta ed entro quale lasso di tempo (supponendo, ovviamente, che abbiano accesso). Se ti aspetti che non sarai l’unica persona su cui si affidano per il supporto emotivo, chiedi chi altro fa parte della loro squadra e come puoi aiutarli ad accedere al supporto aggiuntivo.

Se ti aspetti che cerchino un livello di assistenza più elevato se le cose non migliorano, lavora insieme per determinare quando sarebbe e come sarebbe.

NON: Colpa o vergogna

Può essere allettante criticare i nostri cari quando non stanno facendo le scelte che faremmo noi stessi.

Ad esempio, la persona amata potrebbe nascondere le informazioni al proprio terapeuta, usare alcol o droghe per far fronte o prendere decisioni impulsive che sembrano peggiorare le cose.

Tuttavia, la colpa e la vergogna raramente motivano le persone a modificare i loro comportamenti.

Ciò di cui la persona amata ha bisogno più di ogni altra cosa è amore incondizionato e considerazione positiva. Piuttosto che criticare le loro scelte, è meglio estendere il supporto che possono poi scegliere di accettare se si sentono in grado di farlo.

Ad esempio, per una persona cara che sta lottando con l’alcol, potresti dire: “Ehi, ho notato che stai bevendo molto più del solito e la cosa mi preoccupa. Posso aiutarti a trovare alcune risorse e supporto a riguardo?”

Aiutarli a fare scelte migliori per il proprio benessere farà molto più bene che svergognarli per i modi in cui scelgono di farcela.

DA FARE: dai un nome chiaro alle tue esigenze e ai tuoi limiti

Ti è permesso avere dei limiti. In effetti, dovresti davvero. Sapere quali sono i tuoi limiti può aiutarti a prevenire l’assunzione di troppe cose e il burnout.

Tuttavia, è difficile stabilire dei limiti di cui non sapevi di aver bisogno. E molti di noi non sanno quali sono i nostri limiti finché non vengono messi alla prova.

Per aiutarti a determinare di cosa potresti aver bisogno e dove potrebbero essere i tuoi limiti, prova a completare queste frasi pensando alla persona amata:

DA NON FARE: personalizzare il loro comportamento

Nessuno sceglie di essere in crisi, e una crisi di salute mentale lo è non un riflesso accurato di chi è qualcuno.

Definire qualcuno in base alle sue difficoltà può avere un impatto profondo sul modo in cui interiorizza ciò che sta accadendo e sulla sua capacità di riprendersi.

Un mio ex amico una volta ha descritto il supporto in un episodio depressivo come “essere risucchiato dentro [my] mondo.” Definendo “il mio mondo” come oscuro e disperato, mi sono sentito come se la depressione fosse al centro di ciò che ero e che fossi un peso per le persone che amo.

Le nostre parole hanno un enorme impatto sulle altre persone. Se vogliamo che le persone abbiano fiducia in se stesse e nella loro capacità di vivere una vita piena, dobbiamo essere consapevoli di come inquadriamo le loro lotte.

Una crisi di salute mentale lo fa non definire chi è qualcuno, ma piuttosto, è un periodo di tempo temporaneo che può sopportare con il supporto di chi gli sta intorno.

DA FARE: praticare una rigorosa cura di sé

Questo è un ritornello comune, lo so, ma vale la pena ripeterlo: l’abbondanza di cura di sé è fondamentale quando sosteniamo qualcuno in crisi.

Può essere particolarmente utile quando lo programmiamo in anticipo, così sappiamo quando anticipare una pausa e possiamo proteggere quel tempo impostando i nostri limiti di conseguenza.

La cura di sé ha un aspetto diverso per tutti, ma considera le attività che ti fanno sentire riposato, rilassato, ricaricato e ripristinato. Può essere utile tenere un diario su questo se non sei sicuro di quali potrebbero essere queste attività!

NON FARE: Aspetta che il tuo risentimento si accumuli

Non aspettare di essere risentito, esaurito e stufo prima di praticare la cura di te stesso e prenderti il ​​tempo necessario per ricaricarti.

Se avessi un tubo che perde nel seminterrato, non aspetteresti che il tuo seminterrato si allaghi per ripararlo, vero?

Allo stesso modo, dovremmo prenderci cura di noi stessi e mostrarci costantemente per noi stessi per assicurarci di poterci mostrare per gli altri.

FARE: gentilmente un passo indietro quando è necessario

Le cose succedono. E a volte, abbiamo raggiunto il nostro limite in ciò che possiamo offrire agli altri.

Non sei una persona cattiva per aver bisogno di fare un passo indietro e prenderti cura della tua salute mentale, ma farlo in modo premuroso può assicurarti di non fare danni involontari quando ti allontani.

NON FARLO: Fantasma, ignorali o evitali

Potresti leggere questo e pensare: “Aspetta, fantasma? Chi lo fa?”

Non è raro che qualcuno possa scegliere di evitare o scartare una persona che sta lottando perché è troppo sopraffatta per continuare a interagire con loro. A volte, quando le persone hanno raggiunto il loro punto di rottura, prendono decisioni davvero sfortunate.

La mia speranza, ovviamente, è che tutto ciò che ho condiviso sopra ti aiuti a evitare del tutto di raggiungere questo punto. Ma se dovessi arrivare lì, devo sottolineare quanto sia importante non abbandonare semplicemente qualcuno che è in crisi.

Per uno, questo può fare un danno incredibile. Trattare una persona cara come usa e getta può essere dannoso e la perdita improvvisa di qualcuno a cui tengono può innescarsi in uno stato già vulnerabile.

Un evento importante della vita, inclusa la fine di una relazione significativa, può essere molto dannoso per la salute mentale di qualcuno.

Dico questo non per impedirti di porre fine a una relazione che ti sta ferendo, ma piuttosto per ricordarti di essere premuroso su come procedere.

L’acronimo sopra (TACT) è applicabile tanto alla fine di una relazione quanto al prendersi una pausa.

Considera i tempi, sii responsabile e trasparente e, se possibile, controlla più tardi per avere una conversazione per elaborare ciò che è successo, con la speranza che entrambi otteniate una chiusura.

Entrambi meritate cure e supporto. Se porre fine a quella relazione è l’unica strada da percorrere, assicurati di farlo con rispetto, dignità e premura, ove possibile.

Sostenere qualcuno in crisi non è mai facile

Puoi aspettarti un intero spettro di emozioni (molto valide): di tutto, dal dolore alla rabbia, dalla speranza alla disperazione.

Ma come qualcuno che c’è stato, posso dire con sicurezza che non mi sono mai pentito di essermi presentato per qualcuno che aveva bisogno di me. E come colui che era in crisi, non ho mai, mai dimenticato la gentilezza che le persone mi hanno mostrato nel mio momento più buio.

Spero che dopo aver letto questo, tu abbia un’idea più chiara di come procedere in modo responsabile e autorizzato, uno che ti permetta di allacciare in modo sicuro la tua maschera di ossigeno prima di raggiungere quella di qualcun altro.

Ti meriti di stare bene mentre sostieni gli altri. E quando siamo intenzionali su come ci presentiamo, possiamo esserlo.


Sam Dylan Finch è uno scrittore, praticante di psicologia positiva e stratega dei media a Portland, in Oregon. È il caporedattore di salute mentale e condizioni croniche di Healthline e co-fondatore di Collettivo di resilienza queer, una cooperativa di wellness coaching per persone LGBTQ+. Puoi dire ciao su Instagram, Twitter, Facebook, o scopri di più su SamDylanFinch.com.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here