foto di coltivatori che lavorano in un campo
Le persone che svolgono lavori fisicamente impegnativi come l’agricoltura possono avere un rischio maggiore di deterioramento cognitivo. Credito immagine. Thomas Barwick/Getty Images.
  • Le persone con un livello costantemente elevato di attività fisica professionale hanno maggiori probabilità di sviluppare demenza o deterioramento cognitivo lieve, afferma un nuovo studio.
  • Gli autori dello studio chiedono lo sviluppo di strategie di protezione cognitiva per le persone che svolgono tali lavori.
  • Le persone che svolgono lavori con una quantità intermedia di attività fisica corrono un rischio maggiore di deterioramento cognitivo lieve. Questo può spesso portare alla demenza.

Se il tuo lavoro comporta un elevato livello di attività fisica, potresti avere un rischio maggiore di demenza o di deterioramento cognitivo lieve (MCI), suggerisce un nuovo studio, pubblicato su The Lancet Regional Health – Europa.

Le persone con un elevato livello di attività fisica professionale hanno un rischio di demenza del 15,5%, rispetto al rischio del 9% per le persone il cui lavoro comporta un basso livello di attività fisica, afferma lo studio.

Lo studio ha anche scoperto che le persone il cui lavoro richiede un livello intermedio di attività fisica professionale corrono un rischio più elevato di deterioramento cognitivo lieve, ma non di demenza di per sé.

Lo studio è un’analisi dei dati della quarta ondata, 2017-2019, dello studio HUNT4 70+, una delle più grandi raccolte di dati sulla demenza. Comprendeva 7.005 persone che vivevano nella contea di Trøndelag in Svezia, di età compresa tra 33 e 65 anni. Dei partecipanti allo studio, il 49,8% erano donne.

Gli autori definiscono l’attività fisica professionale come “[p]svolgere attività fisiche che richiedono un uso considerevole delle braccia e delle gambe e muovere tutto il corpo, come arrampicarsi, sollevare pesi, stare in equilibrio, camminare, chinarsi e maneggiare materiali”.

Hanno valutato l’attività fisica professionale su una scala da uno a cinque, dove uno rappresenta la quantità minima di tale attività e cinque la quantità massima.

Alcune delle occupazioni più comuni tra i partecipanti allo studio esposti ad attività fisica intensiva nei loro ruoli erano la vendita al dettaglio, l’assistenza infermieristica e l’agricoltura.

Una prospettiva sul corso della vita sul rischio di demenza

L’autore corrispondente dello studio, il dottor Vegard Skirbekk, ha spiegato a Notizie mediche oggi che lo scopo dello studio era comprendere meglio i rischi della malattia di Alzheimer e delle demenze correlate nel corso della vita.

“Comprensione [Alzheimer’s disease and related dementias] I rischi in una prospettiva che copre tutto l’arco della vita possono essere importanti sia per il pubblico in generale che per i fornitori di servizi sanitari. Le cause della demenza in età avanzata potrebbero plausibilmente essere trovate in età precoce”, ha affermato il dottor Skirbekk.

La dottoressa Roseanne Freak-Poli, epidemiologa del corso della vita e ricercatrice senior presso la Monash University in Australia, non coinvolta in questa ricerca, ha approvato l’approccio del corso della vita dello studio, affermando che fornisce una “comprensione più completa di come le storie professionali influenzano le capacità cognitive”. salute.”

Allo stato attuale, ha osservato, “sappiamo che è probabile che l’intensità dell’attività fisica del nostro lavoro diminuisca con l’avanzare dell’età, quindi osservare l’intero corso della vita fornisce una comprensione migliore rispetto alla misurazione in un solo momento”.

Il coach per la salute del cervello Ryan Glatt, direttore del programma FitBrain presso il Pacific Neuroscience Institute, anch’egli non coinvolto nella ricerca, ha affermato di essere molto interessato ai risultati dello studio riguardanti il ​​legame tra attività fisica professionale intermedia e MCI.

Riguardo al motivo per cui le persone con attività professionale intermedia hanno maggiori probabilità di sperimentare il MCI, il dottor Skirbekk ha affermato: “Crediamo che sia in larga misura una questione di grado; maggiori sono gli sforzi fisici, maggiori saranno i rischi nel corso della vita”.

“Che si tratti di MCI o di demenza, non penso che questo articolo sia abbastanza sensibile da stabilirlo”, ha osservato Glatt. “Si tratta di un sondaggio molto ampio. È semplicemente una specie di segnale.”

Cofattori potenzialmente in gioco

Nella loro analisi i ricercatori hanno considerato l’istruzione, il reddito, lo stato civile, la salute e i fattori legati allo stile di vita.

“Penso che ciò che questo in realtà potrebbe segnalare sia una relazione tra il tipo di persone e gli status sociodemografici che svolgono questi tipi di lavori”, ci ha detto Glatt.

Gli stessi autori scrivono che “l’associazione tra professioni [physical activity] e il deterioramento cognitivo in età avanzata potrebbe essere confuso dalle differenze nello stato socioeconomico”.

Inoltre, Glatt ha chiesto: “È possibile che lavori più impegnativi dal punto di vista fisico, diciamo i lavori edili, possano essere più stressanti? Sì, assolutamente. Esiste la possibilità di esposizione a determinate tossine ambientali in determinati lavori che potrebbero comportare attività fisica?

Le persone che svolgono lavori fisicamente intensivi possono ridurre il rischio di demenza?

“Non penso che potrei semplicemente andare da qualcuno e dire: ‘Ehi, penso che dovresti trovarti un lavoro d’ufficio perché questo lavoro ti farà venire la demenza'”, ha detto Glatt.

Quindi, cosa può fare una persona con un lavoro fisicamente impegnativo per proteggere la propria salute cognitiva?

Il dottor Skirbekk ha affermato: “noi crediamo che quando si ha autonomia e si possono fare delle pause, oltre ad avere un senso di controllo sulle proprie esigenze fisiche, si possono ridurre i rischi”.

Nel frattempo, ha aggiunto il dottor Skirbekk, seguendo i consigli standard per i fattori di rischio di demenza ha senso: “Evitare il fumo, il consumo eccessivo di alcol, l’isolamento sociale, [prevent or treat] alto [blood pressure]diabete, depressione, [avoid] inattività fisica, utilizzare apparecchi acustici in caso di problemi di udito e ridurre l’esposizione all’inquinamento atmosferico”.

Glatt ha suggerito di assicurarsi di fare esercizio fisico strutturato nel tempo libero, anche se il lavoro è fisicamente impegnativo. Ha raccomandato l’esercizio aerobico, l’allenamento della forza e l’esercizio motorio neurale.

Il sonno, ha detto, è fondamentale anche per la salute cognitiva: “Molte persone hanno teorizzato e ricercato che quando gli individui sono più attivi fisicamente e cognitivamente, aumenta la fame e la voglia di dormire”.

È anche vero, ha detto, che questo studio fa parte di conversazioni più ampie che dobbiamo avere. “I rischi professionali sono davvero interessanti, le esposizioni ambientali sono interessanti, lo stress lavorativo è interessante: la relazione tra ciò che è positivo e ciò che è negativo in un lavoro.”

Ha chiesto “più ricerca occupazionale su quali tipi di lavori contribuiscono alla longevità, nonché ai risultati sulla salute”.

“E penso che se saremo in grado di comprendere meglio le relazioni tra questi fattori – come l’attività fisica, lo stress e l’attività cognitiva – spero che riusciremo a comprendere ancora un altro fattore che potrebbe contribuire al percorso di salute del cervello di qualcuno.”

–Ryan Glatt