La Nigeria ordina il rilascio di Sowore e Dasuki dopo ordini del tribunale: procuratore generale

0
64

ABUJA – Il procuratore generale della Nigeria martedì ha ordinato il rilascio su cauzione di un ex candidato alla presidenza e di un ex consigliere per la sicurezza nazionale, in riconoscimento degli ordini del tribunale per il loro rilascio.

L'ex candidato presidenziale Omoyele Sowore parla ai media dopo essere stato rilasciato su cauzione dal governo nigeriano, ad Abuja, in Nigeria, il 24 dicembre 2019. REUTERS / Afolabi Sotunde

La mossa ha seguito le crescenti pressioni interne e internazionali sul governo nigeriano affinché si attenga agli ordini del tribunale.

La sicurezza dello stato ha ignorato diverse ordinanze del tribunale per il rilascio dell'ex consigliere Sambo Dasuki, detenuto dal 2015. Ha anche suscitato proteste all'inizio di questo mese quando ha arrestato nuovamente l'attivista ed ex candidato presidenziale Omoyele Sowore poche ore dopo il suo rilascio su cauzione.

"I due imputati sono tenuti a rispettare i termini della loro cauzione e ad astenersi dal compiere qualsiasi atto contrario alla pace pubblica e alla sicurezza nazionale, nonché al processo in corso che si svolgerà secondo le leggi del paese", Il procuratore generale e ministro della giustizia Abubakar Malami ha dichiarato in una nota.

Il governo ha accusato Dasuki, che ha prestato servizio sotto l'ex presidente Goodluck Jonathan, di frode con 68 milioni di dollari di spese per la difesa. Si è dichiarato non colpevole. (Bit.ly/34Oy9Ip)

A Dasuki è stata concessa la cauzione più volte, ma il governo ha rifiutato di rilasciarlo. Nel 2016, un giudice del tribunale della Comunità economica degli Stati dell'Africa occidentale (ECOWAS) ha ordinato il suo rilascio, affermando che la sua detenzione era illegale e arbitraria. (Bit.ly/376wxv8)

Sowore, che ha anche fondato il sito web di notizie Sahara Reporter, è stato arrestato per la prima volta ad agosto. Si è dichiarato non colpevole di accuse di tradimento, riciclaggio di denaro e molestie al presidente.

Il video di Sowore che urlava e urlava mentre veniva lottato a terra da funzionari della sicurezza in tribunale, solo poche ore dopo la sua prima liberazione su cauzione, è stato diffuso ampiamente sui social media in Nigeria e a livello internazionale.

"Mentre sono grato per i rapporti sulla lunga attesa di Yele su cauzione, la mia preoccupazione numero uno è per la sua sicurezza", ha dichiarato la moglie di Sowore, Opeyemi Sowore, in un comunicato via e-mail. "Rimaniamo risoluti sul fatto che Yele venga espulso da tutte le accuse prive di fondamento."

Lunedì, la Commissione nazionale per i diritti umani del governo ha invitato l'amministrazione a rispettare le sentenze del tribunale.

Sei membri del Congresso degli Stati Uniti, tra cui il leader della minoranza del Senato Chuck Schumer, hanno anche scritto a Malami il 20 dicembre che erano "profondamente preoccupati che la procedura legale stabilita e lo stato di diritto" non fossero seguiti nel caso di Sowore.

Anche il gruppo di difesa nigeriano SERAP ha salutato la mossa, ma ha invitato il governo a rilasciare altri che ha descritto come ingiustamente detenuto, tra cui la giornalista Agba Jalingo.

"Il governo non può continuare a scegliere a quali ordini del tribunale obbedire", ha detto.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here