La Corea del Nord avverte che gli Stati Uniti potrebbero "pagare caro" per le critiche sui diritti umani

0
69

SEOUL – La Corea del Nord si è scagliata contro gli Stati Uniti per aver contestato il suo record sui diritti umani sabato, dicendo che le "parole maligne" di Washington avrebbero solo aggravato le tensioni sulla penisola coreana, secondo quanto riportato dall'agenzia di stampa statale KCNA.

La dichiarazione del KCNA, attribuita a un portavoce del ministero degli Esteri, avvertiva che se gli Stati Uniti avessero osato contestare il sistema di governo del Nord citando problemi sui diritti umani, avrebbero "pagato caro".

Mercoledì l'Assemblea generale delle Nazioni Unite ha condannato le violazioni "di lunga data e in corso" della Corea del Nord dei diritti umani in una risoluzione annuale sponsorizzata da dozzine di paesi tra cui gli Stati Uniti, che l'inviato U.N. di Pyongyang ha respinto.

La dichiarazione del Ministero degli Esteri nordcoreano è la prima volta da quando l'inviato speciale degli Stati Uniti per la Corea del Nord, Stephen Biegun, ha esortato pubblicamente lunedì Pyongyang a tornare ai colloqui. Non c'è stata una risposta diretta dalla Corea del Nord all'approvazione di Biegun.

Il segretario alla Difesa degli Stati Uniti Mark Esper ha dichiarato venerdì di essere fiducioso che gli Stati Uniti possano ricominciare la diplomazia con la Corea del Nord, mentre il tempo passa alla scadenza dichiarata di fine anno della Corea del Nord per le nuove concessioni statunitensi nei colloqui sul suo arsenale nucleare.

La Corea del Nord ha ripetutamente chiesto agli Stati Uniti di abbandonare la sua "politica ostile" prima di altri colloqui.

Ma la tensione è aumentata nelle ultime settimane mentre Pyongyang ha condotto una serie di test sulle armi e ha condotto una guerra di parole con il presidente degli Stati Uniti Donald Trump.

Alcuni esperti sostengono che lo stato solitario potrebbe prepararsi per un test intercontinentale di missili balistici che potrebbe rimetterlo su un percorso di confronto con gli Stati Uniti.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here