Home Notizia Mondo In che modo la stimolazione cerebrale profonda può aiutare le persone con...

In che modo la stimolazione cerebrale profonda può aiutare le persone con malattia di Parkinson

0
23

Un uomo indossa occhiali blu che riflettono le scansioni cerebrali
I ricercatori continuano a indagare sulle origini della malattia di Parkinson nel cervello. LIBRERIA FOTOGRAFICA TEK IMAGE/SCIENCE/Getty Images
  • Una nuova ricerca indica che la stimolazione cerebrale profonda è efficace a lungo termine per le persone con malattia di Parkinson in fase avanzata.
  • La stimolazione cerebrale profonda ha dimostrato di essere una terapia efficace per la malattia di Parkinson, ma la sua efficacia a lungo termine rispetto ai farmaci era precedentemente sconosciuta.
  • Non esiste una cura conosciuta per il morbo di Parkinson, ma la ricerca è in corso.

Una nuova ricerca condotta in Germania mostra che la stimolazione cerebrale profonda potrebbe avere un impatto positivo sulla qualità della vita delle persone affette da morbo di Parkinson in fase avanzata.

I ricercatori dell’Università di Colonia hanno confrontato due gruppi di persone affette da malattia di Parkinson: uno trattato tramite stimolazione cerebrale profonda del nucleo subtalamico e uno trattato con farmaci standard.

Dopo un periodo di follow-up di 5 anni, i ricercatori hanno riferito che la qualità della vita è rimasta stabile nel gruppo trattato con stimolazione cerebrale profonda, mentre è diminuita nel gruppo che aveva ricevuto farmaci standard.

I risultati sono stati pubblicato oggi nella rivista medica JAMA.

Due esperti intervistati da Notizie mediche oggi affermano che la ricerca è un’ulteriore prova che la stimolazione cerebrale profonda è una terapia efficace per le persone a cui è stata diagnosticata la malattia di Parkinson.

La malattia di Parkinson e il cervello

Alcuni sintomi della malattia di Parkinson si manifestano in diverse parti del corpo. Tuttavia, i sintomi motori hanno origine nel cervello, quando le cellule nervose del mesencefalo muoiono.

“Sappiamo che la malattia colpisce i neuroni dopaminergici nel cervello, quindi le cellule cerebrali che producono dopamina stanno lentamente degenerando”, ha spiegato il dottor David Charles, professore e vicepresidente di neurologia e direttore medico del Vanderbilt Telehealth presso il Vanderbilt University Medical Center di New York. Tennessee.

“Per quanto riguarda la causa di questa degenerazione, ci sono molte teorie, ma la causa tipica della malattia di Parkinson rimane un mistero”, ha detto Charles, che non è stato coinvolto nello studio.

Anche se non esiste una comprensione definitiva delle cause della malattia di Parkinson, le sue origini nel cervello significano che la stimolazione cerebrale profonda può essere un trattamento efficace.

La stimolazione cerebrale profonda è stata approvata per la prima volta dalla Food and Drug Administration statunitense nel 1997 e rimane uno standard terapeutico ampiamente utilizzato per le persone affette da malattia di Parkinson.

“L’efficacia terapeutica è stata ben documentata e negli Stati Uniti è coperta da tutte le principali assicurazioni commerciali. Si tratta di una terapia comprovata e provata che avvantaggia pazienti opportunamente selezionati”, ha detto Charles Notizie mediche oggi.

Risultati importanti per la ricerca sulla malattia di Parkinson

Charles e i suoi colleghi hanno studiato la stimolazione cerebrale profonda per le persone con Parkinson allo stadio iniziale, mentre lo studio condotto in Germania ha confrontato persone con stadi avanzati della malattia.

“La mia impressione di questo rapporto è eccellente”, ha detto Charles. “Penso che risolvano bene i limiti del disegno dello studio da loro utilizzato e quindi penso che i loro risultati siano molto utili per la comunità del Parkinson.”

Il dottor Jean-Philippe Langevin, neurochirurgo e direttore del programma di neurochirurgia riparativa e stimolazione cerebrale profonda per il Pacific Neuroscience Institute presso il Providence Saint John’s Health Center in California, è d’accordo.

“Questo è uno studio importante, rigoroso e importante”, ha detto Langevin, che non è stato coinvolto nello studio Notizie mediche oggi.

Langevin ha aggiunto che studi precedenti avevano dimostrato l’efficacia della stimolazione cerebrale profonda rispetto alla terapia standard, ma rimaneva una domanda: la stimolazione cerebrale profonda avrebbe mantenuto la sua superiorità a lungo termine o alla fine avrebbe mostrato rendimenti decrescenti?

“Questo studio ha esaminato i risultati e la qualità della vita del paziente cinque anni dopo l’intervento chirurgico”, ha spiegato Langevin. “Gli autori riferiscono che la qualità della vita è mantenuta nel [deep brain stimulation] coorte, ma che peggiora nel gruppo di terapia medica. La differenza nella qualità della vita era legata a migliori prestazioni motorie [deep brain stimulation]in modo che i pazienti possano svolgere le loro attività della vita quotidiana.”

Mostrare sostegno alle persone con Parkinson

La stimolazione cerebrale profonda può essere una terapia efficace per le persone che vivono con la malattia di Parkinson, ma ciò non cambia il fatto che la malattia è una condizione devastante.

Non esiste una cura conosciuta e i sintomi peggiorano progressivamente con il tempo.

Una diagnosi di Parkinson spesso significa che una persona potrebbe non essere in grado di dedicarsi ai propri hobby o attività abituali, ha affermato Langevin. Ciò influisce sulla loro indipendenza e rende particolarmente importante il sostegno di familiari, amici e persone care.

“Il paziente potrebbe aver bisogno di aiuto con le attività di base della vita quotidiana come fare il bagno e vestirsi”, ha detto Langevin. “La malattia di Parkinson è una condizione che trasforma la vita e che minaccia le capacità di vita indipendente e la qualità della vita del paziente”.

Le cause alla base della malattia di Parkinson sono avvolte nel mistero, ma i ricercatori stanno cercando di ottenere una comprensione più sfumata.

“Ci sono molte diverse linee di ricerca in corso e una linea molto interessante sta cercando di comprendere le influenze genetiche che possono predisporre qualcuno alla malattia di Parkinson. Un’altra area in qualche modo correlata è la terapia genica che potrebbe in qualche modo affrontare qualsiasi scoperta nella categoria della genetica”, ha affermato Charles.

“Esiste anche una terapia cellulare, in cui esploriamo la possibilità di impiantare cellule nel cervello che aiuterebbero le persone affette da Parkinson”, ha aggiunto. “Per una persona con Parkinson appena diagnosticato, la notizia è buona. Abbiamo terapie disponibili per il Parkinson e sono in corso molteplici linee di solida ricerca”.