primo piano della mano che raggiunge il modello dell'elica del DNA
Un approccio terapeutico con nanofarmaci potrebbe migliorare i risultati nel carcinoma ovarico? Credito immagine: PER Images/Stocky.
  • Circa 314.000 donne in tutto il mondo hanno avuto un cancro alle ovaie nel 2020.
  • Attualmente non esiste una cura per il cancro ovarico.
  • I ricercatori dell’Università di Tel Aviv in Israele hanno svelato un nuovo potenziale trattamento per il cancro ovarico utilizzando nanofarmaci a base di RNA.
  • Hanno riportato un tasso di sopravvivenza dell’80% nei modelli animali.

Il cancro ovarico è l’ottavo tumore più comune nelle donne in tutto il mondo, che colpisce quasi 314.000 donne a livello globale nel 2020.

Attualmente non esiste una cura per il cancro ovarico e i medici trattano la condizione con una combinazione di chemioterapia, chirurgia, immunoterapia, radioterapiae altre terapie mirate.

Ora i ricercatori dell’Università di Tel Aviv in Israele hanno svelato un nuovo potenziale trattamento per il cancro alle ovaie Nanofarmaci a base di RNA. I ricercatori hanno riportato un tasso di sopravvivenza dell’80% nei modelli animali.

Lo studio è stato recentemente pubblicato sulla rivista I progressi della scienza.

Cos’è il cancro alle ovaie?

Il cancro ovarico si verifica quando le cellule vicino o all’interno del ovaie sviluppano ripetutamente mutazioni nel loro DNA. Questo fa sì che crescano e si moltiplichino molto più velocemente di quanto dovrebbero normalmente, creando infine un tumore.

Potrebbero non esserci segni di cancro ovarico nella sua fase iniziale. Alcuni sintomi comuni del cancro ovarico includono:

  • sanguinamento vaginale
  • pressione e/o dolore nell’addome inferiore o nella pelvi
  • gonfiore
  • dolore alla schiena
  • minzione e/o alterazioni intestinali

  • stanchezza
  • perdita di appetito
  • perdita di peso inspiegabile
  • nausea e/o indigestione.

Chiunque può contrarre il cancro alle ovaie. Tuttavia, ci sono alcuni fattori di rischio che possono aumentare le possibilità di una persona di sviluppare la malattia. Questi includono:

  • storia famigliare di cancro alle ovaie o al seno
  • storia personale di cancro al seno
  • età — la maggior parte dei casi si sviluppa dopo la menopausa
  • avere figli più avanti nella vita
  • non aver mai avuto una gravidanza
  • subire terapia ormonale sostitutiva
  • obesità
  • fumare.

Cosa sono i nanofarmaci a base di RNA?

Le nanoparticelle sono particelle di materia estremamente piccole che misurano tra 1 e 100 nanometri di diametro. Nelle applicazioni mediche, le nanoparticelle vengono utilizzate come trasportatori microscopici per la somministrazione di farmaci e terapie geniche.

Queste nanoparticelle possono anche essere utilizzate per fornire Terapia dell’RNA. Questo era visto in precedenza nel Vaccini COVID-19 a base di mRNA che utilizzava un nanocarrier chiamato nanoparticelle lipidiche.

Inoltre, studi precedenti hanno esaminato l’uso della nanomedicina basata su RNA per altri tipi di cancro, tra cui cancro ai polmoni, linfoma, cancro colorettaleE cancro renale.

Utilizzo di nanofarmaci per curare il cancro alle ovaie

Secondo la dott.ssa Sushmita Chatterjee, borsista post-dottorato nel laboratorio del prof. Dan Peer presso la Shmunis School of Biomedicine and Cancer Research dell’Università di Tel Aviv e autrice principale di questo studio, i nanofarmaci, come le nanoparticelle lipidiche, hanno la capacità di incapsulare sequenze brevi o lunghe di acidi ribonucleici (RNA).

“Gli RNA possono svolgere varie funzioni; [for instance,] l’RNA breve può silenziare espressione genica,” lei disse Notizie mediche oggi. “Questi RNA specifici della sequenza possono scindere l’mRNA e vengono chiamati siRNA.”

Il dottor Chatterjee ha detto un Studio di screening basato su RNAi ha mostrato che la proteina CKAP5 (proteina associata al citoscheletro) è il bersaglio terapeutico con il maggior potenziale nel trattamento del mieloma multiplo, indicando il significato di questa proteina.

“Da quando suona CKAP5 [an] ruolo importante durante mitosi [a process of cellular division]abbiamo ipotizzato che il silenziamento terapeutico di [the] CKAP5 [gene that encodes this protein] potrebbe mostrare vulnerabilità selettiva nelle cellule tumorali con elevata instabilità genomica”, ha continuato.

“Per eseguire il nostro studio, abbiamo utilizzato il silenziamento mediato da nanoparticelle siRNA-lipidiche CKAP5 poiché il siRNA è altamente specifico ed efficiente per silenziare i bersagli genici e attualmente le nanoparticelle lipidiche sono in prima linea nella consegna dell’RNA.

Il dottor Chatterjee ha aggiunto che l’uso di siRNA contro CKAP5che includeva l’incapsulamento in nanoparticelle lipidiche, aiuta a fornire un lento rilascio del carico utile di siRNA, una migliore penetrazione nelle cellule tumorali e mostra gli effetti meno tossici.

Come un nanofarmaco può mettere a tacere CKAP5

Per questo studio, la dott.ssa Chatterjee e il suo team hanno identificato una mutazione geneticamente instabile resistente sia alla chemioterapia che all’immunoterapia nei tessuti del cancro ovarico. Usando un modello animale, hanno preso di mira queste cellule con il nanofarmaco a base di RNA progettato per silenziare CKAP5.

Alla conclusione dello studio, gli scienziati hanno riportato un tasso di sopravvivenza dell’80% nei modelli animali.

Il dottor Chatterjee ha dichiarato di essere sorpreso di vedere un tasso di sopravvivenza dell’80% per quattro motivi principali.

“In primo luogo, l’inibizione della crescita delle cellule tumorali è molto impegnativa poiché le cellule tumorali sviluppano vari meccanismi per combattere gli effetti dei farmaci”, ha spiegato. “In secondo luogo, il siRNA porta al silenziamento transitorio del gene bersaglio e i tumori possono ripresentarsi una volta terminati gli effetti mediati dal siRNA”.

“In terzo luogo, il nostro modello era un tumore ovarico chemioresistente che lo è [a] forma di cancro altamente aggressiva”, ha continuato il dottor Chatterjee. “E quarto, la maggior parte dei geni ha funzioni ridondanti, cioè [that]In [the] assenza di un gene, la sua funzione può essere svolta da un altro gene.

“A causa di tutti questi motivi, è molto difficile ottenere un’inibizione significativa della crescita tumorale silenziando un solo gene. Perciò [the] l’osservazione dell’80% di sopravvivenza è stata in realtà un momento eureka per noi.
– Dott. Sushmita Chatterjee

I prossimi passi di questa ricerca

Riflettendo sui prossimi passi di questa ricerca, il Dr. Chatterjee ha affermato di essere “molto ottimista e positivo” riguardo ai risultati ottenuti in merito CKAP5.

“Tuttavia sarà importante identificare il gruppo di pazienti in cui CKAP5 il silenziamento può portare a migliori effetti terapeutici “, ha osservato. “Ad esempio, lo abbiamo dimostrato nel nostro studio CKAP5 il silenziamento porta alla vulnerabilità selettiva nelle cellule tumorali con elevata instabilità genomica. Sarà importante stabilirlo ulteriormente in ambito clinico”.

La dottoressa Chatterjee ha affermato che lei e il suo team vorrebbero indagare sui benefici terapeutici di CKAP5 silenziamento in combinazione con terapie molecolari mirate.

“Poiché la maggior parte delle pazienti con carcinoma ovarico viene diagnosticata in fase avanzata, sarà anche interessante indagare sugli effetti terapeutici di CKAP5 silenziamento in a metastatizzato/ modello di cancro in fase avanzata”, ha aggiunto. “Può anche essere vantaggioso sviluppare a CRISPRsistema basato su CKAP5 terapia del silenzio”.

Perché abbiamo bisogno di nuove terapie

Dopo aver esaminato questo studio, il dottor Hyo Park, ginecologo oncologo presso il Women’s Health and Wellness Institute del Saint John’s Cancer Institute, che non era coinvolto nello studio, ha detto MNT è sempre entusiasta di vedere nuovi sviluppi terapeutici nel trattamento del cancro ovarico.

“[The] la maggior parte delle cellule tumorali ovariche alla fine svilupperà resistenza alla chemioterapia e solo la metà delle pazienti con carcinoma ovarico sono candidate per nuove opzioni terapeutiche mirate come gli inibitori di PARP», ha spiegato.

“Sfortunatamente, finora i farmaci immunoterapici non hanno avuto lo stesso successo nel trattamento del cancro ovarico rispetto ad altri tumori solidi O tumori liquidi,” lei ha aggiunto.

Superare le sfide

“Ciò che rende impegnativo lo sviluppo di nuovi farmaci terapeutici per il cancro ovarico è che il cancro ovarico è relativamente stabile dal punto di vista genetico e non porta molte mutazioni mirate”, ha continuato il dott. Park.

“Questo studio è particolarmente intrigante perché i ricercatori hanno identificato un nuovo potenziale obiettivo di trattamento: CKAP5 – e ha dimostrato un promettente nuovo approccio – la consegna mediata da LNP di siRNA che silenzia genicamente – per mettere a tacere questo bersaglio e causare la morte delle cellule tumorali “, ha aggiunto.

MNT ha anche parlato con il dottor Krishnansu Tewari, un ginecologo oncologo presso il MemorialCare Todd Cancer Institute Women’s Specialty Center presso il Long Beach Medical Center di Long Beach, in California, che non è stato coinvolto nello studio, di questa ricerca. Il dottor Tewari era più incline alla cautela.

“La mia prima reazione a questo studio è che si tratta di uno studio di laboratorio e c’è ancora molta strada da fare prima di poterlo considerare un trattamento praticabile ed efficace per il cancro ovarico”, ha affermato. “Poiché la tecnica silenzia i geni associati ai microtubuli, potrebbe essere potenzialmente utile per eventuali tumori durante la replicazione del DNA”.

“[The] il prossimo passo è sviluppare ulteriormente la metodologia per fornire RNA silenzianti ai pazienti e forse chiarire i tumori per i quali questo potrebbe essere potenzialmente efficace “, ha aggiunto il dott. Tewari. “I ricercatori hanno selezionato il cancro ovarico ma non avevano un bersaglio molecolare specifico per il cancro ovarico”.