Il sopravvissuto allo tsunami dell'Aceh spera che la prossima generazione imparerà le lezioni

0
68

BANDA ACEH, Indonesia – Armilla Yanti stava tornando dal suo normale viaggio domenicale al mercato in questa città indonesiana quando un'ondata di tsunami si è schiantata a terra. Lei e i suoi genitori sono sopravvissuti, ma le sue due sorelle sono state uccise in quel fatidico giorno del 26 dicembre 2004. Per quindici anni, rivive spesso gli eventi traumatici quando racconta la sua storia ai visitatori del Museo Aceh Tsunami, dove lavora come guida.

I visitatori camminano attraverso un corridoio mentre visitano il Museo Tsunami di Aceh a Banda Aceh, Indonesia, 19 dicembre 2019. REUTERS / Oviyandi Emnur

Nel fare ciò, spera di diffondere le lezioni apprese dalla sua esperienza straziante, come l'importanza dei sistemi di allarme rapido e la fuga in altura quando viene generato un allarme o se c'è un terremoto.

"Da quando ho sperimentato il trauma dello tsunami, quando incontro i visitatori condivido le mie esperienze … in modo che non dimenticheranno mai", ha detto il 44enne. Il museo in cui lavora, costruito per commemorare il disastro, ha anche un centro educativo e funge da rifugio per disastri.

Più di 230.000 persone sono state uccise in Indonesia, Sri Lanka, India, Tailandia e altri nove paesi dopo un terremoto di magnitudo 9,1 al largo della costa indonesiana della provincia di Aceh che ha provocato uno tsunami alto fino a 17,4 metri (57 piedi).

La provincia di Aceh settentrionale ha subito il peso del disastro, dove sono stati uccisi in totale 128.858 e altri 37.087 sono ancora elencati come dispersi, secondo i dati compilati dal governo e dalle agenzie di aiuto.

Molti hanno perso la vita semplicemente perché c'erano poche informazioni su cosa fare.

"Dico sempre alle giovani generazioni se vivi o vicino alle aree della spiaggia come noi, e se c'è un forte terremoto dopo che lo shock si è fermato, scappi via", ha dichiarato Mundiyah binti Sahan, 70 anni, che vende souvenir vicino a un luogo dove una barca bagnata a terra dallo tsunami rimane alloggiata in cima a un edificio.

Funzionari locali affermano di aver compiuto maggiori sforzi per mitigare lo tsunami e educare le comunità.

Quasi tutti i villaggi della provincia hanno almeno un edificio danneggiato dallo tsunami, che serve a ricordare il potere distruttivo delle onde. Più di 25.600 edifici rimangono nella "zona rossa" che è considerata soggetta a tsunami, liquefazione e inondazioni, secondo i lavori pubblici di Banda Aceh e l'agenzia di edilizia urbana.

Al museo, la studentessa dell'asilo Bima al Farizi non ha esitato quando le è stato chiesto cosa dovesse fare in caso di terremoto e tsunami.

"Dovremmo correre su un terreno più elevato", ha detto.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here