Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Il riposo a letto può prevenire complicazioni prima e dopo il parto?

Il riposo a letto può prevenire complicazioni prima e dopo il parto?

0
21

Jamie Grill/Getty Images

Le ultime settimane di gravidanza – e le prime dopo la nascita del bambino – sono scomode, a volte anche dolorose. Ti fanno male i fianchi, ti fa male la schiena, probabilmente hai bruciore di stomaco e la tua pancia è sempre in modo.

Poi, quando arriva il bambino, tutto il tuo corpo lo sente. E il dolore sì non andare via durante la notte.

Anche questi periodi di tempo non sono privi di rischi. Il distacco della placenta, la preeclampsia e la coagulazione sono tutte possibili complicazioni.

Storicamente, il parto è stato un momento pericoloso. Ecco perché, da secoli, medici e guaritori consigliano spesso di “sdraiarsi” verso la fine della gravidanza o dopo la nascita del bambino. Ma è una buona idea?

Cosa significa mentire?

Stare sdraiati è talvolta chiamato confinamento pre o post partum. È una pratica in cui una persona incinta limita i propri movimenti prima e dopo il parto al fine di ridurre il rischio di complicazioni durante la gravidanza o dopo il parto, come travaglio pretermine o sanguinamento.

Spesso comporta il riposo a letto, trascorrendo la maggior parte della giornata a letto o sdraiato su un divano. A volte, potrebbe significare confinamento in un letto in ospedale, collegato a monitor.

Il riposo a letto prima della nascita del bambino era prescritto abbastanza regolarmente nella medicina occidentale per le persone che avevano gravidanze a rischio più elevato.

Stare sdraiati dopo la nascita del bambino è una pratica culturale ancora abbracciata in alcune parti del mondo oggi.

Storia della pratica

Nella medicina cinese, sdraiarsi è una tradizione chiamata Zuo Yue Zi – o “seduto il mese” – e risale alla dinastia Han in Cina.

Secondo la tradizione, i nuovi genitori ei loro neonati sarebbero rimasti confinati all’interno in modo che i loro corpi potessero guarire. Seguirebbero anche altre regole, come nessun visitatore, nessun lavaggio e restrizioni dietetiche.

Zuo Yue Zi rimane oggi una pratica popolare nell’est e nel sud-est asiatico, così come tra le comunità di immigrati negli Stati Uniti.

Per migliaia di anni, altre culture e paesi in tutto il mondo hanno praticato pratiche culturali postpartum simili per incoraggiare la guarigione e l’allattamento al seno in modo che il bambino potesse sopravvivere (poiché la formula non esisteva ancora).

Negli Stati Uniti, fino alle guerre mondiali, era consuetudine per i genitori che hanno partorito rimanere in un letto d’ospedale per circa una settimana dopo il parto. Ma per i genitori che potevano permettersi di stare a letto più a lungo, spesso continuava anche dopo essere tornati a casa.

Principi di base del mentire e come farlo

In generale, sdraiarsi implica limitare i movimenti rimanendo a letto o seduti per la maggior parte della giornata.

Da lì, le regole variano. Oggi è raro che venga prescritto il riposo a letto completo a causa dei rischi (ne parleremo più avanti), ma il medico potrebbe consigliarti di dedicare più tempo al riposo e di mantenere l’attività fisica un po’ più leggera, come fare brevi passeggiate invece di attività faticose.

Trascorrere il mese nella cultura tradizionale cinese implica restare a casa, oltre a seguire altre regole, come ad esempio non:

  • la doccia
  • mangiare verdure crude
  • bere acqua fredda
  • fare sesso
  • salire le scale
  • avere visitatori

Stare sdraiati previene davvero le complicazioni?

Probabilmente no. La maggior parte degli esperti suggerisce che il rigoroso riposo a letto non previene il travaglio pretermine né riduce il rischio di preeclampsia.

Tuttavia, i medici potrebbero ancora prescrivere riposo e attività ridotta a casa.

Chiederti di programmare i tempi di riposo o evitare certi tipi di attività faticose potrebbe essere utile in alcuni casi. Ad esempio, il riposo a letto potrebbe essere prescritto se hai un problema con la placenta o la cervice o se aspetti più bambini.

Dopo il parto, ci sono anche prove che prendersi almeno un po’ di tempo nelle prime 2 settimane per riprendersi a casa può aiutarti a guarire e legare con il tuo bambino, riducendo potenzialmente la depressione postpartum. In altre parole, prendersela comoda e lasciare che la famiglia e gli amici si prendano cura di te è una buona cosa.

Ci vorranno anche circa 6 settimane prima che il medico ti autorizzi per l’attività sessuale.

Ma dovresti comunque alzarti e muoverti, anche dopo un taglio cesareo, per ridurre il rischio di coaguli di sangue.

Mentire può fare del male?

In breve, sì. Specialmente se il tuo mentire è rigoroso (cioè, passi più tempo ad essere inattivo che attivo).

Quando le guerre mondiali hanno ridotto la quantità di tempo in cui le persone sono rimaste in ospedale dopo il parto, ha portato a una diminuzione dei casi di “Gamba da latte”, che era il nome dato ai coaguli di sangue che iniziavano nelle gambe e spesso si trasformavano in coaguli che hanno viaggiato fino ai polmoni.

Questo ha senso: i coaguli di sangue sono una delle complicanze più pericolose prima e dopo il parto.

Secondo il Centro per la prevenzione e il controllo delle malattie, un coagulo di sangue nei polmoni, o embolia polmonare, è una delle cause più comuni di decessi legati alla gravidanza negli Stati Uniti. E questo rischio è ancora più alto se hai avuto un taglio cesareo.

In effetti, la ricerca del 2014 suggerisce che il rischio di coaguli di sangue rimane fino a 12 settimane dopo aver avuto un bambino, il che potrebbe portare a infarti, ictus o embolie polmonari. Esercizio può aiutare ridurre quel rischio, però.

Inoltre, sdraiarsi può aumentare il rischio di altre complicazioni legate alla salute fisica e mentale.

Uno studio del 2014 delle donne cinesi ha scoperto che limitare l’attività fisica per un mese era dannoso per la salute muscolare e cardiovascolare. Lo studio ha anche scoperto che ha portato ad un aumento dei tassi di depressione postpartum.

Uno studio del 2015 delle madri cinesi-americane a New York City ha suggerito che stare seduti il ​​mese (sdraiato) ha aiutato le madri a tornare al loro peso pre-gravidanza. Ma ha anche scoperto che questo potrebbe portare a colesterolo alto, alti livelli di glucosio nel sangue e causare “estrema tristezza”. Ci sono stati ritardi nella lattazione e in alcuni casi l’introduzione anticipata di solidi.

Riposo a letto prima la nascita del bambino può anche comportare rischi reali per la salute, compresi i coaguli di sangue, nonché:

  • depressione
  • ansia
  • basso peso alla nascita nel bambino
  • recupero più lento dopo la nascita
  • ossa e muscoli indeboliti

Può aggravare anche i sintomi tipici della gravidanza, come bruciore di stomaco, stitichezza e gonfiore, e aumentare le possibilità di diabete gestazionale.

Ecco perché il Collegio Americano di Ostetrici e Ginecologi (ACOG) non raccomanda il riposo a letto tradizionale prima o dopo la nascita del bambino, perché l’attività fisica è così importante per la salute delle donne in gravidanza.

L’asporto

Prenderla con calma verso la fine della gravidanza e dopo la nascita del bambino può essere una buona idea: il tuo corpo sta attraversando molto.

Ma in generale, troppa inattività non fa bene. Può aumentare le tue possibilità di sviluppare un coagulo di sangue e avere un impatto sulla tua salute fisica e mentale.

Questo è il motivo per cui il riposo a letto completo non è più raccomandato, anche se il medico potrebbe ancora dirti di riposare quando puoi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here