Il potente capo dell'esercito dell'Algeria muore al punto cruciale della crisi politica

0
70

ALGERI – Il potente capo dell'esercito algerino, che quest'anno ha guidato la risposta dello stato alle proteste di massa, è morto improvvisamente di infarto il lunedì, e un probabile successore è rapidamente emerso dalla stessa vecchia guardia che i manifestanti vogliono spazzare via.

FOTO FILE: il tenente generale dell'esercito algerino Ahmed Gaed Salah partecipa alla cerimonia del giuramento del neoeletto presidente algerino Abdelmadjid Tebboune ad Algeri, Algeria, 19 dicembre 2019. Foto scattata il 19 dicembre 2019. REUTERS / Ramzi Boudina

Il tenente generale Ahmed Gaed Salah era diventato la figura più visibile in Le Pouvoir – il "potere", in quanto gli algerini descrivono la loro élite al potere segreta, contribuendo a far cadere il presidente di lunga data Abdelaziz Bouteflika in aprile.

Come capo dello staff militare, la sua strategia era quella di sostituire Bouteflika e i suoi alleati mantenendo invariata la struttura essenziale del potere e permettendo alle proteste di continuare, sperando di aspettare i manifestanti.

Enormi folle hanno continuato a inondare le strade per gran parte del 2019 per chiedere un cambiamento radicale alla leadership, inattaccabile dalle dimissioni di Bouteflika e dall'arresto di molti dei suoi aiutanti e alleati con accuse di corruzione.

Il movimento di protesta nei principali paesi esportatori di petrolio e gas non ha leader o organizzazioni formali. Ma tra le sue principali richieste durante i raduni settimanali è stato che l'esercito si allontana dal suo ruolo politico centrale dall'indipendenza dell'Algeria dalla Francia del 1962, con i manifestanti che spesso recitano: "Uno stato civile, non uno militare".

Con l'avanzare dell'anno, i manifestanti hanno anche chiesto sempre più a Gaed Salah di dimettersi, soprattutto dopo aver spinto forte per le elezioni in sostituzione di Bouteflika che consideravano illegittime mentre la vecchia guardia continuava a dominare.

Il nuovo presidente, Abdelmadjid Tebboune, nominò rapidamente il capo delle forze di terra, il generale Said Chengriha, come nuovo capo dello staff ad interim per sostituire Gaed Salah.

Chengriha, 74 anni, appartiene alla stessa generazione di potenti generali di Gaed Salah, che aveva 79 anni, entrambi uomini che hanno iniziato la loro carriera nelle forze di guerriglia che insorsero contro il dominio coloniale francese.

“La gerarchia dell'esercito è unificata e andrà avanti dopo Gaed Salah come prima. L'esercito algerino è un blocco unico, non sotto l'influenza di un generale ma con il consenso come motore ", ha detto un generale in pensione che ha chiesto di non essere nominato.

MOMENTO CRITICO

La morte di Gaed Salah è arrivata in un momento critico nella risposta dello stato ai disordini. L'esercito aveva spinto per l'elezione di un nuovo presidente come un grande passo nella sua strategia per ripristinare un ordine normale in cui ricopriva un ruolo centrale.

Sebbene i manifestanti volessero che Gaed Salah si dimettesse e che l'esercito si allontanasse dalla politica, alcune figure di spicco del loro movimento hanno applaudito alla decisione dei militari di non schiacciare violentemente le loro manifestazioni.

"(Gaed Salah) ha mantenuto la sua promessa di salvare il sangue degli algerini durante un periodo difficile", ha detto su Facebook Islam Benatia, una figura di spicco nel movimento di protesta.

Il funerale dovrebbe svolgersi martedì, un giorno in cui gli studenti del grande paese nordafricano hanno organizzato proteste settimanali per gran parte dell'anno.

Il movimento di protesta sta ancora discutendo la propria risposta all'offerta di dialogo del presidente Tebboune. Ha respinto la sua elezione con un voto a cui le cifre ufficiali hanno mostrato che solo il 40% degli elettori ha preso parte.

Sebbene Tebboune si sia presentato come indipendente, molti manifestanti lo vedono come un burattino per i militari e immediatamente dopo la sua imprecazione televisiva la scorsa settimana ha abbracciato Gaed Salah e gli ha assegnato un ordine di merito.

MASSA FUORI PRODUZIONE

Settimane dopo le proteste scoppiate all'inizio di quest'anno, il discorso televisivo di Gaed Salah che esortava Bouteflika a smettere rapidamente ha portato alle dimissioni del leader veterano dopo 20 anni in carica.

L'esercito ha quindi sostenuto una serie di arresti di alleati e uomini d'affari di Bouteflika in una campagna anticorruzione che ha anche funzionato come una purga dei rivali dell'esercito all'interno del sistema al potere.

Gaed Salah ricevette l'addestramento militare nell'Unione Sovietica e divenne capo delle forze di terra dell'Algeria nel 1994, all'inizio della guerra civile tra lo stato e gli insorti islamisti che uccisero 200.000 persone.

Bouteflika lo nominò capo dell'esercito dieci anni dopo. Negli ultimi 15 anni ha consolidato la forza militare all'interno dell'élite al potere, aiutando Bouteflika ad affrontare il servizio di intelligence un tempo dominante.

Quando Bouteflika e i suoi alleati furono estromessi quest'anno, il ruolo centrale dell'esercito divenne più pronunciato e Gaed Salah emerse come la figura più potente del paese.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here