fiale contenenti gel
Un metodo di somministrazione del gel potrebbe aiutare a migliorare l’efficacia dell’immunoterapia contro il cancro al cervello? Credito immagine: Bloomberg Creative/Getty Images.
  • Il glioblastoma è una forma di cancro al cervello che ha tassi di sopravvivenza molto bassi.
  • Ciò è in parte dovuto al fatto che i tumori del glioblastoma sfuggono al rilevamento da parte del sistema immunitario e si diffondono in modo aggressivo.
  • Molti recenti miglioramenti nei tassi di sopravvivenza al cancro sono dovuti all’uso di immunoterapie, ma è difficile che queste attraversino la barriera emato-encefalica per curare il cancro al cervello.
  • I ricercatori hanno ora creato un gel che può essere iniettato nella cavità tumorale rimasta dopo l’intervento chirurgico. Il gel, che contiene immunoterapie per aiutare il sistema immunitario a uccidere eventuali cellule tumorali residue, è stato testato sui topi.

Sebbene i tassi di mortalità per cancro stiano complessivamente migliorando, ci sono ancora alcuni tipi di cancro che hanno una scarsa sopravvivenza. Uno di questi tumori è il glioblastoma, un tipo di tumore al cervello che colpisce cellule astrocitarie nel cervello.

La dottoressa Aung Bajaj, oncologa medica ed ematologa dell’Arizona Oncology, non coinvolta in questo studio, ha detto Notizie mediche oggi che “il glioblastoma multiforme è considerato il tipo più aggressivo di tumore al cervello e i pazienti a cui viene diagnosticato il glioblastoma multiforme in genere vivono circa 1-2 anni”.

“Viene trattata con resezione chirurgica seguita da una combinazione di radioterapia e chemioterapia. Se il tumore viene asportato al massimo, la prognosi tende ad essere migliore. Tuttavia, la massima resezione non è sempre possibile a causa delle sue proprietà infiltrative, in cui il glioblastoma multiforme coesiste con il normale tessuto cerebrale e un intervento chirurgico esteso per la rimozione completa potrebbe compromettere la funzione neurologica di un paziente”, ha osservato.

Necessità stringente di nuove terapie

Portare le chemioterapie nel cervello è difficile a causa della barriera emato-encefalica, che impedisce alle molecole di una certa dimensione di raggiungere il cervello.

Una forma di terapia somministrata per il glioblastoma sono i wafer di Gliadel, che sono piccoli cerotti che rilasciano lentamente una forma di chemioterapia nella cavità lasciata dall’intervento, aggirando il problema posto dalla barriera emato-encefalica.

Le immunoterapie hanno notevolmente migliorato i tassi di sopravvivenza al cancro per molti altri tipi di cancro, ma la barriera emato-encefalica ha reso difficile replicare questo successo per il cancro al cervello, spiega il dott. Bajaj: “La barriera emato-encefalica limita il passaggio di farmaci terapeutici che attraversano il cervello. Pertanto, progettare molecole immunoterapiche o antineoplastiche che attraversino efficacemente la barriera emato-encefalica è stato difficile”.

In un recente studio condotto dal dottor Honggang Cui, professore associato della Johns Hopkins University, i ricercatori hanno dimostrato che un tipo di gel che avevano sviluppato contenente agenti immunoterapici migliorava la sopravvivenza nei modelli murini.

I risultati dello studio appaiono in Atti dell’Accademia Nazionale delle Scienze.

Un idrogel potrebbe essere la risposta?

I ricercatori hanno sviluppato un idrogel, un tipo di gel composto principalmente da acqua, a cui hanno aggiunto paclitaxel, un farmaco chemioterapico che aumenta il numero di un tipo di cellula immunitaria chiamata macrofagi, insieme a anti CD47.

L’anti-CD47 è un farmaco immunoterapico che blocca un recettore sulle cellule tumorali che impedisce alla cellula di essere distrutta dal sistema immunitario, incoraggiando così i macrofagi a distruggere le cellule tumorali.

Per lo studio, topi di età compresa tra le otto e le dieci settimane a cui era stato introdotto il glioblastoma nel cervello sono stati sottoposti a intervento chirurgico di resezione per rimuovere il tumore. Un altro gruppo di topi che aveva il glioblastoma non ha ricevuto un intervento chirurgico.

Il gruppo di topi che ha ricevuto un intervento chirurgico, ha avuto un idrogel contenente farmaco iniettato nella cavità lasciata dall’intervento chirurgico, e un altro gruppo ha avuto un idrogel che non conteneva alcun farmaco iniettato nella cavità. I topi che non hanno subito un intervento chirurgico per rimuovere il tumore hanno iniettato il gel direttamente nel sito del glioblastoma.

L’uso di un gel piuttosto che di un diverso sistema di somministrazione, come la semplice iniezione dei farmaci in acqua, era importante per mantenere i farmaci nel sito, ha spiegato il dottor Cui a Notizie mediche oggi:

“Con il gel, quando passano dalla soluzione al gel, ha un’ottima ritenzione locale, rimarrà dove l’hanno messo […] Quindi il gel terapeutico consentirà loro di rimanere dove sono messi e, cosa ancora più importante, rimangono qui e possono rilasciare gradualmente e lentamente i composti di rilascio.

I ricercatori hanno dimostrato che il gel si è formato nella cavità tumorale che è rimasto dopo 10 minuti e si è scoperto che si biodegradava gradualmente nell’arco di 45 giorni.

Hanno scoperto che la dimensione del tumore che rimaneva nel cervello era significativamente ridotta nei topi che avevano ricevuto il gel contenente l’immunoterapia rispetto al gel di controllo.

Tasso di sopravvivenza del 100% nei topi

I ricercatori non solo hanno osservato che il tumore era significativamente ridotto, ma hanno anche dimostrato che i topi sottoposti a intervento di resezione e sottoposti all’immunoterapia contenente idrogel avevano un tasso di sopravvivenza del 100%.

Questo rispetto a solo il 25% dei topi che non hanno ricevuto l’immunoterapia. La chirurgia è risultata essenziale poiché l’applicazione del gel direttamente nel cervello senza la rimozione chirurgica del tumore ha portato a un tasso di sopravvivenza del 50%.

Questo documento dimostrativo ha mostrato che l’uso dell’idrogeno nella cavità tumorale ha portato alla creazione di un “microambiente tumorale immunostimolante e innesca una risposta delle cellule T antitumorali”, ha spiegato il dott. Manmeet S. Ahluwalia, capo del dipartimento medico oncologia, direttore scientifico e vicedirettore del Miami Cancer Institute, che non era coinvolto nella ricerca.

Disse MNT che: “In sintesi, questo approccio terapeutico può aiutare a migliorare i risultati per i pazienti con glioblastoma ricorrente. Questo nuovo approccio rivoluzionario della terapia a base di idrogel, sebbene molto lontano dalla pratica clinica, comporta un potenziale significativo per migliorare i risultati del trattamento e la sopravvivenza del paziente”.