Home Notizia Mondo I ricercatori fanno luce sulle antiche radici della sclerosi multipla

I ricercatori fanno luce sulle antiche radici della sclerosi multipla

0
17

collage di ricercatore con microscopio e illustrazione storica
Possono i corpi antichi rivelare alcuni dei segreti della sclerosi multipla? Disegnato da MNT: Fotografia di ER Productions Limited/Getty Images e DEA PICTURE LIBRARY/Getty Images.
  • La sclerosi multipla (SM) non ha cura e colpisce quasi 3 milioni di persone in tutto il mondo.
  • Sebbene gli esperti non conoscano la causa precisa della SM, essa ha una componente genetica.
  • Un nuovo studio utilizza il DNA antico per tracciare i geni del rischio di SM nel corso di migliaia di anni.
  • I ricercatori scoprono collegamenti affascinanti tra antichi cambiamenti nello stile di vita e geni correlati alla SM.

La sclerosi multipla (SM) è una condizione neurodegenerativa progressiva guidata dal sistema immunitario. Nello specifico, il sistema immunitario attacca e distrugge erroneamente il rivestimento dei nervi, chiamato guaina mielinica.

Nel corso del tempo, man mano che viene rimossa sempre più mielina, i nervi non riescono più a trasmettere i loro segnali, portando a sintomi mentali e fisici.

Questi sintomi includono problemi alla vista, perdita di sensibilità e debolezza muscolare. Man mano che la malattia progredisce, la disabilità diventa sempre più pronunciata.

La cosa preoccupante è che, sebbene la SM sia più comune nel Nord Europa, la sua prevalenza è in aumento a livello globale. Oggi, colpisce una stima 2,8 milioni di persone.

Gli scienziati non sanno ancora perché le persone sviluppano la SM e attualmente non esiste una cura.

Tuttavia, un affascinante studio recente fa luce sull’evoluzione delle basi genetiche della condizione e potrebbe, in futuro, aiutare a procedere verso trattamenti migliori.

Sclerosi multipla e rischio genetico

Sebbene gli scienziati stiano ancora lavorando per comprendere le ragioni precise per cui la SM colpisce alcune persone, i fattori di rischio genetici svolgono un ruolo importante.

I ricercatori hanno già identificato più di 200 regioni genetiche legate al rischio di SM, la maggior parte delle quali sono associate a geni che codificano per proteine ​​associate al sistema immunitario. Dato che la SM è una condizione autoimmune, questo forse non sorprende.

Il quadro, però, è complesso. Non tutti coloro che presentano una variante genetica associata alla SM sviluppano la condizione. Ad esempio, la variante genetica con il legame più forte con la SM, chiamata HLA-DRB1*15:01 — aumenta il rischio di tre volte, ma finora la nostra comprensione dei fattori di rischio genetici spiega solo circa il 30% del rischio di SM di un individuo.

Sembra quindi che i fattori ambientali, comprese le infezioni, potrebbero innescare eventi all’interno del corpo che alla fine portano alla SM nelle persone con predisposizione genetica. Tuttavia, allo stato attuale, ci sono molte lacune nella nostra comprensione.

Un nuovo affascinante studio sulla rivista Natura indaga l’evoluzione di alcune di queste varianti genetiche correlate alla SM. È importante sottolineare che aiuta a rispondere a una domanda di vecchia data: perché la SM è molto più diffusa nelle persone con origini nordeuropee?

Perché i nordeuropei corrono un rischio maggiore di SM?

Per indagare, i ricercatori hanno confrontato circa 410.000 campioni genetici provenienti dai partecipanti alla Biobanca britannica identificati come “britannici bianchi” con quasi 5.000 campioni antichi.

Questi antichi campioni di DNA provenivano da ossa e denti di persone che vivevano in Asia e in Europa occidentale fino a 34.000 anni fa.

Con questi dati, potrebbero mappare la genesi e il percorso delle varianti del rischio di SM attraverso le popolazioni umane. Per prima cosa hanno individuato le varianti genetiche più significative del gene a rischio di SM: HLA-DRB1*15:01 – in un individuo neolitico italiano vissuto intorno al 5.800 a.C.

A partire dal 5.300 a.C. circa, la sua prevalenza aumentò tra il popolo Yamanya. Gli Yamanya vivevano nelle regioni steppiche dell’odierna Ucraina, nella Russia sud-occidentale e nel Kazakistan occidentale.

Gli esperti ritengono che gli Yamanya siano gli antenati genetici dei moderni abitanti dell’Europa nordoccidentale.

Questi primi allevatori di bestiame si spostarono costantemente verso ovest in Europa, portando HLA-DRB1*15:01 al seguito. Ciò aiuta a spiegare perché, ancora oggi, le persone nel Nord Europa corrono un rischio maggiore di sviluppare la SM rispetto ad altre popolazioni.

Perché il gene del rischio SM persiste?

L’evoluzione seleziona varianti genetiche che conferiscono tratti specifici favorevoli alla sopravvivenza di un organismo e alla sua capacità di riprodursi.

Si potrebbe immaginare che un gene che triplica il rischio di sviluppare una malattia debilitante e potenzialmente fatale come la SM non venga selezionato. Allora perché la prevalenza di questa variante genetica è aumentata nella popolazione del Nord Europa, per poi persistere per millenni?

Gli autori dello studio suggeriscono che quando HLA-DRB1*15:01 arrivato sulla scena, potrebbe aver impartito alcuni benefici a questi antichi popoli.

Spiegano che durante il tardo Neolitico e l’età del bronzo, il rischio di malattie infettive aumentava. Ciò è dovuto in parte all’aumento della densità di popolazione.

Allo stesso tempo, lo stretto contatto degli Yamanya con il bestiame li ha aperti a una serie di nuovi agenti patogeni che gli esseri umani raramente avrebbero incontrato prima che gli umani addomesticassero gli animali.

Come spiegano i ricercatori, questo maggiore contatto con nuovi e vecchi agenti patogeni avrebbe fatto sì che alcune varianti nei geni responsabili del controllo del sistema immunitario avrebbero potuto conferire un vantaggio evolutivo che prima non avevano. Potrebbero anche esserci stati molteplici effetti potenziali di queste varianti genetiche nel corso della vita di un individuo.

Ad esempio, i ricercatori lo hanno dimostrato HLA-DRB1*15:01 aiuta a proteggere dalla tubercolosi, che all’epoca era probabilmente un rischio crescente poiché poteva essere trasmessa dagli animali. Ma rende anche i portatori più suscettibili a una forma di lebbra.

Al di là HLA-DRB1*15:01gli scienziati hanno studiato una serie di altre localizzazioni genetiche associate alla SM, scoprendo che molte erano anche collegate alla “protezione contro un’ampia gamma di sfide infettive”.

Ciò include infezioni come quelle da virus Epstein-Barr, parotite, varicella, influenza e polmonite.

Risultati “sorprendenti” migliorano la comprensione della SM

In conclusione, un cambiamento significativo nello stile di vita di queste persone ha comportato una maggiore esposizione agli agenti patogeni, portando ad una maggiore prevalenza di varianti di rischio di SM nelle popolazioni del Nord Europa, poiché conferiva protezione alle infezioni da questi agenti patogeni.

Il coautore dello studio, il dottor William Barrie, dell’Università di Cambridge nel Regno Unito, ha spiegato in un comunicato stampa:

“Questi risultati ci hanno stupito tutti. Forniscono un enorme passo avanti nella nostra comprensione dell’evoluzione della SM e di altre malattie autoimmuni. Mostrare come gli stili di vita dei nostri antenati abbiano influenzato il rischio di malattie moderne evidenzia semplicemente quanto siamo destinatari di antichi sistemi immunitari in un mondo moderno”.

Notizie mediche oggi hanno discusso i risultati dello studio con il dottor Michael Sy, professore associato di neurologia clinica presso l’Università della California, Irvine, che non era coinvolto in questa ricerca.

Lo ha detto il dottor Sy MNT era molto entusiasta delle complesse implicazioni sui geni evidenziati nello studio. “Poiché questi geni di rischio sembrano influenzare il sistema immunitario, questo studio rafforza l’ipotesi che i geni che conferiscono un vantaggio nella lotta alle infezioni aumentano anche il rischio di malattie autoimmuni”, ha osservato.

“Per esempio, un altro Natura Un articolo pubblicato nel 2022 ha mostrato che coloro che portavano un gene a rischio per la malattia di Crohn – un’altra malattia autoimmune – avevano maggiori probabilità di sopravvivere alla peste nera”, ha sottolineato.

MNT ha parlato anche con la dottoressa Barbara S. Giesser, neurologa e specialista in SM del Pacific Neuroscience Institute del Providence Saint John’s Health Center in California, non coinvolta nello studio, del motivo per cui i suoi risultati sono importanti.

Il dottor Giesser lavora con persone affette da SM sin dagli anni ’80. Lei ha spiegato che: “[n]Il danno nervoso nella SM è causato da un attacco del sistema immunitario al sistema nervoso centrale.“

“Gran parte del sistema immunitario è sotto controllo genetico, quindi qualsiasi nuova comprensione del progetto genetico della SM consentirà un’ulteriore comprensione di come viene attivato questo processo e potrebbe portare a terapie più precise ed efficaci”, ha aggiunto.

“Comprendere le origini della SM potrebbe un giorno aiutare a identificarla prima e a prevenire in modo più efficace qualsiasi danno al sistema nervoso centrale”, ha osservato anche il dottor Sy.

Gli scienziati dietro lo studio intendono ora ampliare ulteriormente la loro ricerca per indagare sulle antiche origini di altre condizioni neurodegenerative, come l’Alzheimer e il morbo di Parkinson.

Gli autori sperano che queste intuizioni genetiche contribuiscano a modellare i futuri interventi medici per queste condizioni difficili da trattare.