Home Notizia Mondo I fondi di caffè potrebbero essere la chiave per prevenire l’Alzheimer e…

I fondi di caffè potrebbero essere la chiave per prevenire l’Alzheimer e…

0
60

Una persona che prepara il caffè americano versando l'acqua su un filtro di carta
Gli scienziati ritengono che un composto presente nei fondi di caffè potrebbe essere utilizzato per prevenire i disturbi neurodegenerativi. Matthew Spaulding/Stocksy
  • Un nuovo studio mostra i Carbon Quantum Dots (CACQD) a base di acido caffeico)a base di fondi di caffè, potrebbe essere in grado di proteggere il cervello da disturbi neurodegenerativi come l’Alzheimer o il Parkinson.
  • La ricerca suggerisce che le proprietà antinfiammatorie e antiossidanti dell’acido caffeico possono aiutare a combattere gli effetti dello stile di vita e dei fattori ambientali che aumentano il rischio di tali disturbi.
  • Adottare abitudini di vita sane, come seguire una dieta nutriente, fare esercizio regolarmente, dormire a sufficienza, ecc., può aiutare a ridurre al minimo il rischio di sviluppare disturbi neurodegenerativi.

I disturbi neurologici, che includono disturbi neurodegenerativi, hanno un impatto approssimativo 15% della popolazione mondialee sono la causa principale di problemi di salute fisica e cognitiva in tutto il mondo.

I ricercatori hanno scoperto che i Carbon Quantum Dots (CACQD) a base di acido caffeico, prodotti dai fondi di caffè, possono avere la capacità di proteggere il cervello dagli effetti negativi di alcuni disturbi neurodegenerativi.

Secondo un nuovo studio, i CACQD hanno dimostrato di essere efficaci quando il disturbo neurodegenerativo è causato dallo stile di vita e da fattori ambientali, tra cui età, obesità ed esposizione ai pesticidi.

I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Ricerca ambientale.

Cosa sono i punti quantici di carbonio?

“I punti quantici di carbonio (CQD) sono nanoparticelle ‘di dimensioni ridotte’ (2-10 nm secondo alcuni standard, fino a 20 nm secondo altri e chiamate semplicemente nanomateriali di carbonio se sono inferiori a 100 nm) che sono sintetizzate da precursori contenenti carbonio come come bucce di frutta, carta straccia e persino salmone”, ha detto il dottor Mahesh Narayan, autore senior dello studio e biofisico presso il Dipartimento di Chimica e Biochimica dell’Università del Texas a El Paso. Notizie mediche oggi.

“Non si trovano così come sono ma devono essere sintetizzati. Abbiamo utilizzato un approccio chimicamente amichevole (chimica verde) che imitava la cottura in acqua calda, consentendo all’acido caffeico di essere ricarbonizzato in punti quantici di carbonio derivati ​​dall’acido caffeico (CACQD). Come già detto, possono essere preparati anche utilizzando altri rifiuti organici”, ha spiegato.

I benefici dell’acido caffeico per la salute del cervello

Quando si parla di neurodegenerazione, ci sono diversi fattori da prendere in considerazione.

“Le proteine ​​si ripiegano male e, separatamente, vengono generati i radicali liberi. Entrambi gli eventi causano danni neuronali, lesioni e morte”, ha affermato il dottor Narayan. “I CQD (CACQD qui) prevengono sia il ripiegamento errato delle proteine ​​sia l’eliminazione dei radicali liberi e quindi mostrano meccanismi indipendenti di intervento e protezione neuronale”.

“[Carbon Quantum Dots] sono probabilmente efficaci in molte forme sporadiche (idiopatiche) di neurodegenerazione come il Parkinson, l’Alzheimer, la demenza a corpi di Lewy con demenza, la demenza a corpi di Lewy, ma sono improbabili in disturbi genetici o familiari come la piccola percentuale di persone con Parkinson familiare e Alzheimer o quelli con la malattia di Huntington (causata da mutazioni nella proteina di Huntington).”
— Dottor Mahesh Narayan

Poiché l’acido caffeico ha la capacità di combattere i radicali liberi, che possono portare allo stress ossidativo, e il cervello è suscettibile allo stress ossidativo, può essere uno strumento utile per la gestione delle condizioni neurodegenerative.

“L’acido caffeico ha proprietà antiossidanti e antinfiammatorie. Lo stress ossidativo e l’infiammazione contribuiscono alla morte cellulare in qualsiasi organo”, ha affermato la dott.ssa Natalia Pessoa Rocha, assistente professore presso il Dipartimento di Neurologia presso la McGovern Medical School presso UTHealth Houston, che non è stata coinvolta nello studio.

“Tuttavia, le cellule cerebrali sono più vulnerabili allo stress ossidativo e all’infiammazione rispetto alle cellule di altri organi (a causa dell’elevato consumo di ossigeno del cervello e del contenuto ricco di lipidi). Le cellule cerebrali hanno una capacità molto limitata di rigenerarsi e qualsiasi strategia in grado di prevenire la morte neuronale è particolarmente rilevante per il cervello”, ha spiegato.

Il caffè può aiutare a curare la demenza?

Sebbene questi risultati siano promettenti, è importante prestare attenzione quando si interpretano i risultati di questo studio.

“In particolare, è stato testato solo in vitro, un passo di ricerca essenziale ma incipiente. Hanno usato cellule SH-SY5Y, che sono cellule di neuroblastoma”, ha detto il dottor Pessoa Rocha. “Questi sono ampiamente utilizzati come modelli in vitro di malattie neurodegenerative, ma non possiamo presumere che gli effetti sul cervello saranno gli stessi. Inoltre, le malattie neurodegenerative (ND) sono complesse e multifattoriali”.

“Hanno dimostrato (di nuovo, in vitro) gli effetti dei CACQD sull’inibizione parziale delle proteine ​​che formano l’amiloide e sull’eliminazione dei radicali liberi (cioè proprietà antiossidanti). In realtà, lo studio è molto più focalizzato sulle proprietà chimiche (sintesi e caratterizzazione dei punti quantici dell’acido caffeico) che sull’uso clinico (o addirittura preclinico). Credo che volessero giustificare l’uso dei CACQD sintetizzati dimostrando che potevano essere potenzialmente usati per il trattamento [neurodegenerative diseases]”, ha continuato il dottor Pessoa Rocha.

“[The researchers] hanno testato il potenziale preventivo (non terapeutico) perché hanno testato gli effetti sulla morte cellulare quando le cellule venivano pretrattate con CACQD (prima hanno esposto le cellule ai CACQD, solo dopo hanno indotto le cellule a degenerare), ha spiegato ulteriormente il dott. Pessoa Rocha.

“Studi precedenti hanno già dimostrato il proprietà neuroprotettive del caffè e dei suoi componenti. Molti studi epidemiologici hanno riportato che il consumo di caffè riduce il rischio di demenza, ictus e morbo di Alzheimer e ha un impatto positivo sulla progressione della malattia di Parkinson. Lo studio attuale dimostra i potenziali meccanismi che spiegano i risultati epidemiologici”.
— Dott.ssa Natalia Pessoa Rocha

Tuttavia, “siamo molto lontani dal dire che i CACQD possano essere usati per trattare le malattie neurodegenerative”, ha sottolineato il dottor Pessoa Rocha.

La diagnosi precoce è importante per le malattie neurodegenerative

“I sintomi clinici (e quindi la diagnosi clinica) dei disturbi neurogenerativi iniziano anni o addirittura decenni dopo l’inizio dei processi fisiopatologici”, ha affermato il dottor Pessoa Rocha.

“A causa della capacità molto limitata (o nessuna capacità) dei neuroni di rigenerarsi, i trattamenti modificanti la malattia devono concentrarsi sulla prevenzione della disfunzione neuronale/morte neuronale. E questa è la sfida più grande [neurogenerative disorder] ricerca: come selezionare i pazienti per gli studi clinici con una diagnosi ma non troppo tardi per ottenere la modificazione della malattia? lei chiese.

Per aiutare a prevenire lo sviluppo di disturbi neurodegenerativi, gli esperti raccomandano di adottare abitudini sane.

“Mangia una dieta sana con molta frutta e verdura biologica (senza pesticidi ed evita cibi industrializzati!), mantieni la salute cardiovascolare, dormi bene, “fai lavorare” il tuo cervello (impegnati in compiti cognitivi, socializza, goditi la vita!) E bevi caffè , perché no?” ha detto il dottor Pessoa Rocha.