Home Notizia Mondo Gli ormoni sessuali possono svolgere un ruolo chiave nello sviluppo della malattia...

Gli ormoni sessuali possono svolgere un ruolo chiave nello sviluppo della malattia di Alzheimer…

0
21

Una coppia di anziani si abbraccia su un ponte sopra uno stagno
Uno studio suggerisce che gli ormoni sessuali svolgono un ruolo importante nello sviluppo della malattia di Alzheimer. Lorado/Getty Images
  • Circa 32 milioni di persone nel mondo soffrono della malattia di Alzheimer.
  • Circa due terzi di tutti i casi di Alzheimer colpiscono le donne.
  • I ricercatori dell’Università dell’Ontario Occidentale hanno scoperto che gli ormoni sessuali femminili svolgono un ruolo significativo nel modo in cui la malattia di Alzheimer si manifesta nel cervello.

In un nuovo studio, i ricercatori dell’Università dell’Ontario Occidentale hanno scoperto che gli ormoni sessuali femminili svolgono un ruolo significativo nel modo in cui la malattia di Alzheimer si manifesta nel cervello.

Lo studio appare in Alzheimer e demenza: il giornale dell’Associazione Alzheimer.

Di 32 milioni di persone a livello globale convivono con un tipo di demenza chiamato morbo di Alzheimer. Di quel numero, circa due terzi sono donne.

Sebbene i ricercatori abbiano alcune teorie sul motivo per cui le donne hanno maggiori probabilità di avere la malattia di Alzheimer rispetto agli uomini, le ragioni biologiche sottostanti rimangono sconosciute.

Perché le donne hanno maggiori probabilità di sviluppare la malattia di Alzheimer?

Ci sono alcuni motivi per cui i ricercatori ritengono che le donne corrano un rischio maggiore di sviluppare la malattia di Alzheimer rispetto agli uomini.

Il primo è la longevità, poiché le donne tendono a vivere più a lungo degli uomini. Nei paesi ad alto reddito, le donne tendono a vivere 5,2 anni in più rispetto agli uomini e 3,8 anni in più nei paesi a basso reddito.

Un altro fattore potrebbe essere la genetica. Uno studio pubblicato nell’ottobre 2022 ha identificato un gene specifico sul Cromosoma X che migliora l’accumulo di proteina tau nel cervello. Poiché le femmine hanno due cromosomi X, possono avere una maggiore probabilità di avere livelli più elevati di proteina tau nel cervello, che è considerata una delle principali proteine cause della malattia di Alzheimer.

E gli scienziati ritengono anche che le donne possano essere più inclini a sviluppare la malattia di Alzheimer a causa di diversi ormoni. Una ricerca sui topi pubblicata nel marzo 2022 ha scoperto che i livelli dell’ormone follicolo-stimolante (FSH), che aumentano durante la perimenopausa, sono collegati a Rischio Alzheimer.

Una ricerca presentata nel 2023 ha rilevato che le donne in menopausa che soffrono di frequenti vampate di calore durante il sonno avevano un rischio maggiore di malattia di Alzheimer.

Come gli ormoni sessuali femminili influenzano lo sviluppo dell’Alzheimer

Notizie mediche oggi ha parlato con la Dott.ssa Vania Prado, professoressa presso i Dipartimenti di Fisiologia, Farmacologia, Anatomia e Biologia Cellulare presso la Schulich School of Medicine & Dentistry e scienziata presso il Robarts Research Institute presso l’Università dell’Ontario Occidentale, e autrice senior di questo studio.

Il dottor Prado ha affermato che il team ha deciso di esaminare il possibile ruolo degli ormoni sessuali femminili nello sviluppo della malattia di Alzheimer a causa dei cambiamenti chimici nel cervello che possono influenzare e contribuire a patologia amiloide — uno dei tratti distintivi della malattia di Alzheimer.

“Uno dei fattori importanti che contribuiscono alla regolazione della patologia precoce sono le cellule cerebrali che secernono acetilcolina”, ha spiegato il dottor Prado MNT. “Ci sono prove che queste cellule cerebrali possono funzionare in modo diverso e rispondono anche agli ormoni sessuali estradiolo. Lo sapevamo fin dall’inizio”.

“Quando abbiamo esaminato la relazione tra acetilcolina e patologia di Alzheimer, abbiamo scoperto che i topi maschi e femmine avevano risposte diverse.

Tuttavia[,] uomini e donne con Alzheimer presentavano un profilo simile. Quindi la domanda è diventata: perché ci sono queste differenze tra topi e esseri umani? Gli ormoni sessuali, a causa dell’età in cui normalmente usiamo i topi, sono diventati il ​​principale sospettato”.

– Dott.ssa Vania Prado

L’estradiolo può influenzare l’accumulo “tossico” di amiloide nel cervello?

Per questo studio, la Dott.ssa Prado e il suo team si sono concentrati sull’ormone sessuale femminile estradiolo, che aiuta a mantenere il sistema riproduttivo di una donna e svolge un ruolo significativo nella maturazione e nel rilascio degli ovociti durante il ciclo mestruale.

Secondo i ricercatori, il neuroni colinergici che producono acetilcolina – che è essenziale per la normale memoria e cognizione – sono vulnerabili ai danni derivanti dall’accumulo di beta-amiloide nel cervello, collegato al morbo di Alzheimer.

Attraverso vari test e analisi di immagini su un modello murino di topi maschi e femmine e scansioni cerebrali di esseri umani più anziani, i ricercatori hanno scoperto che quando era presente estradiolo, la relazione tra acetilcolina e amiloide tossica veniva persa.

Ma quando gli ormoni sessuali furono eliminati, la relazione fu collegata, aumentando potenzialmente la patologia di Alzheimer. Ciò è particolarmente degno di nota, hanno detto i ricercatori, per quanto riguarda i livelli di estradiolo diminuire nelle donne in postmenopausa.

“Siamo rimasti sorpresi dal fatto che nei topi femmina la risposta fosse molto diversa rispetto ai topi maschi e diversa da quella degli esseri umani, sia uomini che donne. La differenza era probabilmente dovuta agli ormoni femminili, che sono probabilmente bassi nelle donne con Alzheimer”.

– Dott.ssa Vania Prado

Per quanto riguarda il modo in cui l’estradiolo può influenzare l’accumulo di proteina beta-amiloide nel cervello, il dottor Prado ha affermato che non è ancora del tutto chiaro.

“Ci sono prove che bassi livelli di estradiolo possono influenzare il modo in cui le cellule immunitarie rispondono all’amiloide nel cervello”, ha continuato. “Ci sono anche prove che la perdita di estradiolo aumenta la patologia amiloide”.

Approfondimenti sui fattori sesso-specifici e sull’Alzheimer

Notizie mediche oggi ha parlato di questo studio anche con la dottoressa Verna Porter, neurologa e direttrice del dipartimento Demenza, morbo di Alzheimer e disturbi neurocognitivi presso il Providence Saint John’s Health Center di Santa Monica, California.

Come medico che cura pazienti di sesso femminile ad alto rischio di malattia di Alzheimer, ha affermato di trovare questo studio di grande interesse.

“I risultati presentati nello studio forniscono preziose informazioni sul ruolo dei fattori sesso-specifici, in particolare sull’impatto dell’estradiolo e della segnalazione colinergica, nella malattia di Alzheimer.

La comprensione di questi fattori può influenzare in modo significativo il modo in cui approccio la valutazione del rischio e le discussioni con le pazienti di sesso femminile, in particolare quelle nella fascia di età perimenopausale. Nelle future discussioni con le mie pazienti, utilizzerò questi risultati per fornire un approccio più personalizzato e informativo alla valutazione e alla gestione del rischio di Alzheimer”.

– Dott.ssa Verna Porter

Il dottor Porter ha affermato che questi risultati potrebbero anche portare alla necessità di sottolineare l’importanza di considerare lo stato ormonale del paziente, compreso lo stadio della menopausa e il ruolo dell’estradiolo, nel valutare il rischio di Alzheimer.

“Ciò sarebbe particolarmente rilevante per le donne in perimenopausa, poiché lo studio suggerisce che l’estradiolo può avere un impatto sulla relazione tra la segnalazione colinergica e la patologia amiloide”, ha aggiunto.

“Per le persone nella fascia di età perimenopausale, dovremmo continuare a sottolineare l’importanza di monitorare la salute cognitiva e considerare le modifiche dello stile di vita, come il mantenimento stimolazione cognitiva e un dieta sanache sono stati associati a un ridotto rischio di malattia di Alzheimer”, ha affermato il dottor Porter.