Home Notizia Mondo Gli inibitori JAK più comuni nel trattamento dell’artrite sono efficaci, secondo uno...

Gli inibitori JAK più comuni nel trattamento dell’artrite sono efficaci, secondo uno studio

0
18

Una paziente visita un medico
Un nuovo studio ha confrontato quattro comuni inibitori JAK per il trattamento dell’artrite reumatoide e non ha riscontrato differenze significative in termini di sicurezza o efficacia. FG Commercio/Getty Images
  • I ricercatori hanno confrontato l’efficacia e la sicurezza di quattro inibitori JAK, un farmaco usato per trattare l’artrite reumatoide (RA).
  • Secondo i ricercatori, tra i quattro farmaci non sono state osservate differenze significative in termini di efficacia o sicurezza.
  • Oltre l’85% dei partecipanti ha continuato ad assumere il farmaco durante i sei mesi dello studio.

L’artrite reumatoide è una malattia autoimmune e infiammatoria, secondo l’ Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC). Le cellule immunitarie attaccano per errore i tessuti sani, solitamente nel rivestimento dell’articolazione, causando infiammazione.

In genere, vengono colpite le articolazioni delle mani, dei polsi e delle ginocchia. Può causare dolore cronico, instabilità e deformità. L’AR può anche colpire organi come polmoni, cuore e occhi.

I farmaci biologici modificanti la malattia (bDMARD) disponibili riducono efficacemente l’attività della malattia e ottengono la remissione. Tuttavia, i pazienti li ricevono tramite iniezione endovenosa o sottocutanea.

Gli inibitori JAK sono un altro tipo di farmaci antiartrite reumatoide che possono essere assunti per via orale. Possono anche ritardare la progressione della malattia.

In genere, il trattamento per l’artrite reumatoide inizia con i DMARD convenzionali. Se la risposta non è soddisfacente, secondo una revisione del 2022 potrebbero essere raccomandati bDMARD o inibitori JAK.

Questi farmaci sono più specifici nel colpire i marcatori infiammatori e più efficaci nell’indurre la remissione e una ridotta attività della malattia.

In un nuovo studio pubblicato il 1 novembre in Reumatologiaricercatori in Giappone hanno completato uno studio retrospettivo confrontando l’efficacia e la sicurezza di quattro inibitori JAK per il trattamento dell’artrite reumatoide (RA):

  • tofacitinib (TOFA)
  • baricitinib (BARI)
  • peficitinib (PEF)
  • upadacitinib (UPA)

I ricercatori non hanno rilevato alcuna differenza significativa in termini di efficacia o sicurezza tra i quattro inibitori JAK valutati.

Il coautore dello studio, il dottor Shinya Hayashi del Dipartimento di Chirurgia Ortopedica presso la Scuola di Medicina dell’Università di Kobe, in Giappone, ha detto Notizie mediche oggi:

“Diversi articoli hanno dimostrato l’efficacia e la sicurezza delle differenze tra gli inibitori della JAK”. Tuttavia, tali rapporti non hanno corretto il background dei pazienti. Per prima cosa abbiamo confrontato l’efficacia degli inibitori JAK dopo la corrispondenza del background dei pazienti. L’efficacia e la sicurezza di TOF, BAR, PEF e UPA non erano significativamente differenti per il trattamento dei pazienti con artrite reumatoide”.

Cosa fanno gli inibitori JAK per l’artrite reumatoide?

Sono stati curati 622 pazienti in sette importanti ospedali universitari del Giappone. Sono stati trattati con inibitori JAK e monitorati per gli effetti collaterali, il miglioramento della malattia e se volevano continuare a prendere i farmaci.

I ricercatori hanno utilizzato il Clinical Disease Activity Index, il valore della proteina C-reattiva e il questionario di valutazione della salute modificato per misurare l’efficacia dei farmaci dopo sei mesi di utilizzo.

Secondo un comunicato stampa, i ricercatori hanno scoperto che circa 1 paziente su 3 con artrite reumatoide ha raggiunto la remissione, mentre 3 su 4 hanno raggiunto una bassa attività della malattia.

I ricercatori hanno notato che dopo sei mesi, oltre l’80% dei soggetti assumeva ancora farmaci inibitori della JAK. I tassi di fidelizzazione su sei mesi includevano:

  • Complessivamente – 85,4%
  • TOFA – 87,4%
  • BARI – 89,5%
  • PEF – 82,8%
  • UPA – 83%.

“I professionisti medici possono sentirsi a proprio agio nella scelta degli inibitori JAK se un paziente ha fallito il trattamento con bDMARD”, ha osservato il dott. Hayashi.

Quali sono gli effetti collaterali degli inibitori JAK?

È stato segnalato un piccolo numero di eventi avversi tra i pazienti che utilizzavano inibitori JAK per trattare l’artrite reumatoide.

A tal fine, la FDA avviso scatola nera sugli inibitori della JAK indica diversi rischi per la salute, compreso un aumento del rischio di eventi cardiovascolari. Questi includono:

  • infezioni batteriche, virali e fungine
  • infezioni opportunistiche, come la tubercolosi
  • tasso più elevato di linfoma, cancro ai polmoni, trombosi, embolia polmonare, trombosi venosa e arteriosa

I singoli inibitori della JAK potrebbero avere ulteriori effetti collaterali.

Sono necessarie ulteriori ricerche sulla popolazione AR più ampia

Sebbene lo studio presentasse alcuni punti di forza notevoli, come l’utilizzo di contesti reali piuttosto che studi controllati per determinare l’efficacia e la sicurezza degli inibitori JAK, presentava alcune limitazioni.

Innanzitutto, i ricercatori non hanno esaminato attentamente il legame tra gli effetti collaterali e la sospensione del farmaco.

Inoltre, a causa del numero limitato di partecipanti, i ricercatori non hanno potuto generalizzare i risultati alla più ampia popolazione di AR.

La durata dell’osservazione è stata di sole 24 settimane e sono necessari ulteriori studi con durate più lunghe.

Infine, gli scienziati non hanno monitorato i cambiamenti nel dosaggio durante il periodo di studio.

Quali cambiamenti nello stile di vita possono aiutare con l’artrite reumatoide?

Il dolore cronico associato all’artrite reumatoide può colpire le persone in molti modi: a livello personale, sociale ed economico.

Secondo a Rapporto 2022alcuni fattori legati allo stile di vita sono associati alla gravità del dolore cronico, come:

  • inattività fisica
  • fatica
  • sonno scarso
  • dieta malsana
  • fumare

Ha detto il dottor Klee Bethel, direttore della gestione interventistica del dolore e della medicina rigenerativa presso l’Università di Sonoran MNT che gli esercizi delicati sono più adatti alle persone con artrite reumatoide.

Il dottor Bethel ha raccomandato i seguenti esercizi delicati per l’artrite reumatoide:

  • a piedi
  • ballare
  • yoga
  • Tai Chi

Se convivi con l’artrite reumatoide e provi disagio con qualsiasi forma di movimento, chiedi al tuo medico indicazioni sugli esercizi che meglio si adattano alle tue esigenze.