Gli europei rafforzano la posizione dell'Iran ma evitano le sanzioni: i diplomatici

0
68

PARIGI / WASHINGTON – I partiti europei all'accordo nucleare iraniano potrebbero innescare un processo di risoluzione delle controversie a gennaio per costringere Teheran a respingere le violazioni, ma si fermerebbero a corto di fretta per ripristinare le sanzioni statunitensi che ucciderebbero l'accordo, hanno detto i diplomatici.

FOTO FILE: Una bandiera iraniana sventola di fronte al quartier generale dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (AIEA) a Vienna, Austria, 9 settembre 2019. REUTERS / Leonhard Foeger / File Photo

L'Iran ha criticato la Gran Bretagna, la Francia e la Germania per non essere riuscito a salvare il patto del 2015 proteggendo l'economia di Teheran dalle sanzioni statunitensi, reintrodotte dallo scorso anno quando Washington è uscito dall'accordo tra l'Iran e sei grandi potenze.

L'obiettivo dell'accordo era estendere il tempo in cui l'Iran avrebbe dovuto accumulare abbastanza materiale fissile per una bomba atomica, se ne avesse cercato uno – qualcosa a volte chiamato "tempo di sblocco" – a circa un anno da 2-3 mesi. Gli europei sono allarmati dalle ultime mosse di Teheran che inizieranno a mangiare fino a quel momento.

Washington vuole costringere l'Iran a negoziare un accordo più ampio che includa le sue attività nucleari, il programma missilistico balistico e l'influenza regionale.

In reazione alla "massima pressione" di Washington, l'Iran, un nemico degli Stati Uniti da molto tempo, ha gradualmente ridotto i suoi impegni nell'ambito dell'accordo, tra cui la ripresa dell'arricchimento dell'uranio nel suo impianto sotterraneo di Fordow e l'arricchimento in rapida accelerazione con macchine centrifughe avanzate vietate dall'accordo.

Il 6 gennaio l'Iran prenderà ulteriormente le distanze dal rispetto dell'accordo, secondo i funzionari iraniani, per amplificare i suoi avvertimenti sulle terribili conseguenze del rinnovo delle sanzioni statunitensi.

Sei diplomatici europei e occidentali hanno affermato che il cosiddetto E3 di Gran Bretagna, Francia e Germania avevano concordato in linea di principio di iniziare il processo, anche se avrebbero comunque aspettato di vedere quanto fossero significativi gli ultimi passi dell'Iran prima di prendere una decisione finale.

"L'avvio del processo ha lo scopo di risolvere i problemi e salvare l'accordo", ha affermato una fonte diplomatica europea. "Non è automatico che seguiranno le sanzioni U.N. Se decidessimo di farlo (reimporre le sanzioni statunitensi) significherebbe che abbiamo deciso di mettere il chiodo finale nella bara. ”

Secondo i termini dell'accordo del 2015, se una parte ritiene che un'altra non stia rispettando i propri impegni, può sottoporre la questione a una commissione congiunta composta da Iran, Russia, Cina, le tre potenze europee e l'Unione europea.

Hanno quindi 15 giorni per risolvere le loro differenze, ma possono scegliere di estendere il periodo per consenso tra tutte le parti.

Tuttavia, se non viene esteso, il processo si intensifica e alla fine può portare alla reimposizione di sanzioni che erano in vigore in base alle precedenti risoluzioni delle Nazioni Unite – note come "snapback" – a meno che il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite non avesse deciso diversamente.

I diplomatici hanno affermato che, a meno che le imminenti violazioni dell'Iran non varchino una soglia inaccettabile, gli europei si concentrerebbero sull'estensione del processo piuttosto che sulla spinta verso sanzioni. Non è chiaro quale sia il punto di rottura per le potenze europee.

SNAPBACK USA?

"Questo non è un passo che vogliamo fare, ma le azioni dell'Iran ci stanno lasciando poche opzioni se non quella di rispondere entro i parametri dell'accordo", ha detto l'inviato britannico all'ONU Karen Pierce.

"Dovremmo essere costretti lungo il percorso di innescare il DRM (meccanismo) lo faremmo al fine di trovare una via diplomatica con l'obiettivo di proteggere l'accordo".

Tre diplomatici hanno affermato che l'E3, in particolare la Francia, sta facendo pressioni su Russia e Cina per farli salire a bordo per mostrare unità tra i cinque, anche se Mosca e Pechino si oppongono all'avvio del processo per ora.

Un alto funzionario iraniano coinvolto nei colloqui nucleari ha dichiarato all'Iran di essere stato informato che l'E3 voleva lanciare il meccanismo.

“Se lo fanno, l'Iran agirà di conseguenza. Se vogliono salvare questo accordo, devono mantenere le promesse, altrimenti l'Iran prenderà ulteriori provvedimenti ", ha aggiunto, aggiungendo che gli europei sono stati vittime di bullismo da parte degli Stati Uniti.

Gli europei potrebbero anche arretrare se l'Iran non dovesse agire a gennaio. Sperano che la prima transazione nell'ambito di un canale commerciale umanitario a cui hanno lavorato per più di un anno possa essere una piccola carota per convincere Teheran a rivalutare la sua posizione.

In concomitanza con la mossa europea, il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha emesso un ragionamento giuridico visto da Reuters secondo cui gli Stati Uniti possono attivare le disposizioni di "snapback" dell'accordo nucleare nonostante abbiano ritirato l'accordo, una posizione che potrebbe aumentare la pressione sul Gli europei devono farlo.

"Non esiste un legame diretto tra i due (la mossa europea e il ragionamento legale degli Stati Uniti), ma abbiamo sempre chiarito che vogliamo che gli europei tornino alle sanzioni", ha detto un funzionario degli Stati Uniti. "Questo continua ad essere il caso."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here