Home Notizia Mondo Trattamenti per l’Alzheimer: i rischi degli anticorpi monoclonali possono…

Trattamenti per l’Alzheimer: i rischi degli anticorpi monoclonali possono…

0
26

Un tecnico di laboratorio femminile in un laboratorio
I ricercatori hanno esaminato da vicino i trattamenti con anticorpi monoclonali per la malattia di Alzheimer. Hernandez e Sorokina/Stocksy
  • I ricercatori riferiscono che il rischio derivante dall’utilizzo di trattamenti con anticorpi monoclonali per curare la malattia di Alzheimer potrebbe superare i benefici che offrono.
  • Gli scienziati hanno sviluppato anticorpi monoclonali per le persone affette da Alzheimer sulla base della teoria che i depositi di amiloide potrebbero contribuire alla malattia e che questi trattamenti possono eliminare i depositi.
  • Sebbene i ricercatori abbiano notato miglioramenti nei test di laboratorio con questi trattamenti, hanno affermato che ci sono stati solo miglioramenti minimi nelle persone e che i rischi potenziali superavano tali miglioramenti.

Secondo una meta-analisi completata dai ricercatori dell’American Academy of Family Physicians, i rischi dei trattamenti con anticorpi monoclonali per le persone con malattia di Alzheimer potrebbero superare i benefici.

I ricercatori hanno individuato 19 pubblicazioni che valutavano gli effetti di otto anticorpi monoclonali con 23.202 partecipanti.

Hanno riferito che né il funzionamento generale né quello quotidiano delle persone che utilizzavano i trattamenti mostravano prove di miglioramento oltre le differenze minime.

“Questo è un articolo molto importante perché man mano che emergono nuovi trattamenti per la malattia di Alzheimer, è fondamentale che i pazienti e le loro famiglie comprendano se questi trattamenti si applicano a loro e quali sono i potenziali benefici e danni”, ha affermato il dottor Mike Gorenchtein, medico. presso la Northwell Health specializzato in medicina geriatrica e non coinvolto nello studio.

“Questa meta-analisi ha esaminato otto diversi anticorpi monoclonali, che funzionano in modo leggermente diverso l’uno dall’altro e hanno dimostrato livelli variabili di risposte benefiche ed effetti collaterali”, ha detto Gorenchtein Notizie mediche oggi. “La Food and Drug Administration (FDA) statunitense ha approvato l’uso di lecanemab e aducanumab per la malattia di Alzheimer, preferibilmente per i pazienti con deterioramento cognitivo lieve (decadimento della memoria con indipendenza funzionale complessiva) e demenza precoce (deficit di memoria più gravi con dipendenza funzionale). “

Cosa sono gli anticorpi monoclonali?

Gli anticorpi monoclonali sono stati sviluppati sulla base della teoria secondo cui i depositi di amiloide fanno parte del percorso causale nello sviluppo della malattia di Alzheimer.

Questi farmaci hanno lo scopo di ridurre i depositi di amiloide.

Gli anticorpi sono proteine ​​create per aiutare a combattere le malattie, secondo il Società americana contro il cancro. Si attaccano a un antigene, molecole che innescano una risposta immunitaria.

Quando gli scienziati identificano l’antigene responsabile dell’Alzheimer o di altre malattie, possono riprogettare gli anticorpi che prendono di mira un determinato antigene. Una volta che si attaccano all’antigene, possono aiutare il sistema immunitario ad attaccare altre cellule contenenti l’antigene.

Potenziali rischi con gli anticorpi monoclonali

“Gli effetti collaterali più comuni del trattamento con anticorpi monoclonali sono le anomalie dell’imaging correlate all’amiloide (ARIA), di cui l’edema cerebrale e il sanguinamento intracerebrale sono i più gravi e pericolosi per la vita”, ha affermato Gorenchtein. “L’incidenza di questi effetti collaterali differisce tra gli anticorpi monoclonali.”

I ricercatori hanno riferito che gli anticorpi monoclonali possono causare edema cerebrale ed emorragia. Questi rischi per la salute erano legati a farmaci specifici.

  • La droga bapineuzumab è stato associato ad un aumento significativo della mortalità.
  • I farmaci lecanemab, aducanumab e donanemab erano associati ad ARIA-H, microemorragie cerebrali, sanguinamenti minori nel cervello ed emosiderosi.
  • ARIA-E, con sintomi quali mal di testa, confusione, vomito e disturbi visivi o dell’andatura, era significativamente aumentato nei pazienti che avevano ricevuto lecanemab e donanemab.

La FDA ha approvato questi farmaci principalmente sulla base di miglioramenti alle misurazioni di laboratorio come l’imaging medico e i biomarcatori.

Tuttavia, i ricercatori hanno affermato che gli anticorpi monoclonali hanno fornito solo piccoli benefici sulle capacità cognitive e funzionali, molto al di sotto di quanto sarebbe considerato clinicamente significativo.

“Sulla base di questa ricerca, non consiglierei l’uso di anticorpi monoclonali per il trattamento dell’Alzheimer”, ha detto il dottor Mark Ebell, professore all’Università della Georgia e uno degli autori principali dello studio. Notizie mediche oggi. “Ma penso che sia importante che i pazienti e i loro caregiver siano pienamente informati sui benefici limitati, sui danni potenziali significativi e sugli alti costi di questi farmaci. Dovrebbe essere chiaro che in media, dopo 18-24 mesi, la maggior parte dei pazienti e di chi li assiste non noterebbe il beneficio”.

Gorenchtein non è d’accordo. Ha detto che i trattamenti possono essere utili a volte. Nelle circostanze appropriate, ha affermato che i pazienti dovrebbero essere informati su tutti i tipi di trattamenti disponibili.

“Discuterei quindi queste opzioni terapeutiche con pazienti il ​​cui deterioramento cognitivo è lieve, che sono in gran parte funzionalmente indipendenti e che possono partecipare attivamente al processo decisionale sul trattamento”, ha affermato. “Un forte sostegno sociale, aspettative realistiche, aderenza ai programmi di trattamento e un attento monitoraggio sono altrettanto imperativi. Non consiglierei questi trattamenti a pazienti con declino cognitivo avanzato e che dipendono in gran parte dal punto di vista funzionale dai loro caregiver”.

Tuttavia, sottolinea che lo studio avrebbe potuto fornire ulteriori informazioni.

“Attualmente, il trattamento con anticorpi monoclonali è ampiamente raccomandato per i pazienti con deterioramento cognitivo lieve o stadi iniziali della malattia di Alzheimer per un beneficio ottimale”, ha affermato Gorenchtein. “Potrebbe aver aggiunto ulteriore valore se questa meta-analisi si fosse concentrata specificamente su questi pazienti per una maggiore rilevanza per la popolazione clinicamente trattata”.

Ricerca e trattamenti attuali per la malattia di Alzheimer

I ricercatori hanno affermato che le precedenti revisioni dei trattamenti con anticorpi monoclonali presentavano difetti significativi.

Ad esempio, hanno notato che alcune revisioni includevano studi di fase 1 e 2 che utilizzavano dosi diverse da quelle degli studi successivi. I ricercatori delle revisioni precedenti inoltre non hanno interpretato i risultati utilizzando differenze minime clinicamente significative negli esiti dei pazienti.

“Esistono diversi farmaci che possono aiutare a rallentare il tasso di declino cognitivo. Tre di questi farmaci sono inibitori della colinesterasi (donepezil, rivastigmina e galantamina): spesso rappresentano la prima linea per i pazienti con deterioramento cognitivo lieve e demenza da lieve a moderata”, hanno scritto i ricercatori.

“Poiché attualmente non esiste una cura per la malattia di Alzheimer, la gestione avviene in gran parte attraverso una combinazione di educazione del paziente e di chi si prende cura di lui, servizi di supporto, modifiche comportamentali e dello stile di vita e farmaci per migliorare la qualità della vita”, ha detto Gorenchtein. “In alcune persone, possono causare effetti collaterali come nausea, vomito, diarrea, perdita di peso e rallentamento del battito cardiaco.”

“La memantina è un altro farmaco che funziona attraverso un meccanismo diverso e può essere aggiunto agli inibitori della colinesterasi nei casi di demenza più avanzata o se i pazienti non tollerano gli inibitori della colinesterasi”, ha aggiunto Gorenchtein. “Può causare vertigini e peggioramento della confusione in alcune persone.”

“Il trattamento dei problemi comportamentali nella malattia di Alzheimer, che spesso sono più preoccupanti dei sintomi cognitivi, è solitamente una combinazione di terapia comportamentale, educazione della famiglia e del caregiver e farmaci”, ha detto. “Si preferisce un approccio non farmacologico per limitare il carico di pillole e gli effetti collaterali dei farmaci. Se i pazienti sviluppano sintomi comportamentali gravi come la depressione, possono essere utilizzate più classi di farmaci antidepressivi come gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI).

“Negli stadi avanzati della demenza, i pazienti possono sviluppare agitazioni e deliri, che vengono trattati con modifiche comportamentali e, in alcuni casi, con farmaci per i deliri”, ha aggiunto Gorenchtein.