Fame “senza precedenti” in Libano mentre la crisi del carburante aumenta i costi del cibo

0
19

Le famiglie saltano i pasti e rinunciano ai beni di prima necessità mentre la paralizzante crisi del carburante in Libano fa salire alle stelle i prezzi del cibo.

Mohammad esamina la lunga lista di clienti che sono in debito con il piccolo negozio di alimentari in cui lavora [Kareem Chehayeb/Al Jazeera]

Beirut, Libano – Mohammad siede nel piccolo negozio di alimentari dove lavora e sfoglia le pagine di un taccuino pieno di una lunga lista di clienti indebitati con il negozio mentre una crescente crisi di carburante ha portato i prezzi del cibo a salire alle stelle.

“Sempre più persone stanno lottando con i soldi e ci chiedono di lasciarli pagare più tardi”, dice ad Al Jazeera il rifugiato siriano di 30 anni di Deraa.

“Dobbiamo cercare di essere pazienti con loro. Le cose sono peggiorate molto con la crisi del carburante durante l’estate”.

Il negozio si trova nel cuore del quartiere semi-industriale Karantina di Beirut, a due passi dal porto distrutto.

Molti degli scaffali del negozio erano ancora ben forniti, perché le persone si concentrano semplicemente sulle necessità domestiche, dice Mohammad.

“Quindi, come puoi vedere, nessuno sta comprando il caffè”, spiega, indicando dozzine di barattoli sugli scaffali.

“La maggior parte delle persone va a prendere pane, verdure e quei latticini nel frigorifero laggiù”.

Ma anche molti prodotti alimentari di base non erano più accessibili: fa fatica a vendere l’olio d’oliva mentre il suo prezzo è salito alle stelle.

Mohammad pesa un sacco di patate. Dice che i clienti visitano meno spesso e acquistano meno di una volta [Kareem Chehayeb/Al Jazeera]

La crisi alimentare del Libano non è uno sviluppo recente. Il World Food Programme (WFP) ha stimato che i prezzi del cibo sono aumentati del 628% in soli due anni, aggravando la crisi economica del Libano, che ha fatto precipitare tre quarti della sua popolazione nella povertà e ha svalutato la sterlina libanese di circa il 90%.

Tuttavia, la crisi alimentare è notevolmente peggiorata negli ultimi mesi a causa della carenza di carburante e dell’aumento dei prezzi.

Il governo libanese ha gradualmente revocato le sovvenzioni per il carburante da giugno e ha aumentato i prezzi della benzina quattro volte in meno di un mese nel tentativo di far fronte a gravi carenze. Allo stesso tempo, ha lottato per avviare un programma di carte prepagate per sostituire i sussidi.

Nel frattempo, il Libano è stato sempre più colpito da estesi blackout poiché l’elettricità fornita dallo stato è scesa quasi a zero, mentre anche i prezzi del carburante diesel per i generatori privati ​​sono saliti alle stelle, se il carburante può essere trovato in primo luogo.

“I nostri prezzi del cibo stanno diventando più cari perché dobbiamo pagare molto di più perché il fornitore privato di generatori tenga conto degli aumenti del prezzo del carburante”, dice Mohammad, scuotendo la testa incredulo.

“E tutti i nostri prodotti, in quei cestini laggiù, sono diventati soprattutto più costosi perché il ragazzo che ce li consegna dal mercato ortofrutticolo deve pagare di più per la benzina”.

Il ministero dell’Economia libanese ha annunciato all’inizio di questa settimana di aver aumentato il prezzo del pane per la sesta volta quest’anno, in parte a causa dell’indebolimento della valuta locale, ma anche a causa della crisi della benzina e del carburante mentre i costi di trasporto sono aumentati vertiginosamente.

“I prezzi del carburante e della benzina continuano ad aumentare, quindi prevediamo che i prezzi del cibo continueranno a salire”, ha detto ad Al Jazeera il portavoce del WFP Rasha Abou Dargham.

Ad aprile, il WFP ha fornito assistenza alimentare a una persona su sei in Libano. Dopo che la crisi del carburante è peggiorata, ora ne supportano uno su quattro.

Mohammad lavora per circa 10 ore al giorno nel negozio per un reddito modesto e una piccola indennità per acquistare prodotti alimentari dal negozio che ammonta a poco meno di 900.000 sterline libanesi (47 dollari).

Con il suo stipendio e un po’ di aiuto da enti di beneficenza potrebbe quasi pagare l’affitto e alcune altre spese, quindi ha dovuto scendere a compromessi sul cibo che mangia e ora salta un pasto ogni giorno.

Secondo l’UNHCR, è tra il 67 per cento dei rifugiati siriani in Libano che ora saltano i pasti.

“Sicuramente non mangio più carne – questo è fuori questione”, ha detto Mohammad. “Ma per fortuna, non riesco più a cavarmela con due pasti al giorno.”

“Cerchiamo di portare lo yogurt ai bambini”

A due isolati di distanza, Walaa, fuggita in Libano dalla Siria circa cinque anni fa, si prende cura della figlia e dei tre figli nel loro angusto appartamento di due stanze al piano terra. I bambini non sono andati a scuola e hanno trascorso la maggior parte del loro tempo in casa. Suo figlio di 12 anni, il maggiore, siede in silenzio a guardare i suoi fratelli. Walaa ha detto che pesa solo 17 chilogrammi.

È mezzogiorno passato e i bambini non hanno ancora fatto colazione. “Cerchiamo di assicurarci che i bambini abbiano due pasti al giorno”, ha detto.

Il marito di Walaa pota alberi nel centro di Beirut, ma ha faticato a lavorare per tutte le ore che faceva dopo essere stato ferito nell’esplosione del porto di Beirut più di un anno fa. Soffriva di fratture multiple alle ossa e trauma cranico.

La modesta cucina di Walaa a Beirut ha poco cibo da vendere mentre i prezzi schizzano alle stelle [Kareem Chehayeb/Al Jazeera]

Ha cercato di svolgere vari lavori giornalieri per aiutare, ma la famiglia era in ritardo con l’affitto e l’aumento dei prezzi del cibo ha ulteriormente ridotto il loro budget già ristretto.

“Ora compriamo solo pane, pasta, riso e cerchiamo di ottenere cipolle, pomodori e patate quando possibile”, ha detto Walaa. “Cerchiamo di dare ai bambini yogurt e formaggio una o due volte al mese perché a loro piace molto”.

La famiglia ha anche fatto ricorso all’acqua del rubinetto, poiché l’acqua in bottiglia è diventata sempre più costosa, cosa che secondo Walaa ha fatto ammalare i bambini.

Carne e frutta sono diventate insostenibili per la famiglia, ma una volta al mese compreranno il pollo.

“È come un’occasione celebrativa quando succede”, ha detto con un sospiro. E per questo crede che i bambini siano stanchi e letargici.

“Si stancano quando facciamo brevi passeggiate.”

‘Immerso nella povertà’

I rifugiati siriani impoveriti sono stati particolarmente colpiti dalla crisi.

Secondo l’UNHCR, si stima che il 90% dei rifugiati siriani in Libano viva ora in condizioni di estrema povertà, con una percentuale più ampia del 36% nel Paese.

“Ciò significa che non possono permettersi quelli che consideriamo i prodotti alimentari di base per la sopravvivenza”, ha spiegato Abou Dargham del WFP. “E questo non include carne, né latticini”.

Il governo libanese, ora guidato dal primo ministro miliardario Najib Mikati, spera di rinnovare i negoziati con il Fondo monetario internazionale per un programma di ripresa e di ricevere aiuti economici dalla comunità internazionale.

Gli esperti hanno affermato che potrebbero volerci anni prima che l’economia si riprenda, con il Libano che ha bisogno di sradicare decenni di corruzione sistematica e ristrutturare un’economia inefficiente.

Nel frattempo, le organizzazioni umanitarie e gli enti di beneficenza stanno lottando per tenere il passo con l’aumento della domanda, mentre il governo libanese rimane a corto di liquidità. Le Nazioni Unite hanno recentemente affermato che la fame potrebbe essere una “realtà in crescita” per migliaia di persone.

Abou Dargham ha affermato che questa crisi della fame è “senza precedenti” e ha colpito anche centinaia di migliaia di famiglie libanesi che non si preoccupavano mai di mettere il cibo in tavola.

“Abbiamo triplicato la nostra assistenza, ma l’aumento è graduale”, ha detto.

“Le persone che una volta non hanno mai avuto problemi a mettere il cibo in tavola sono improvvisamente precipitate nella povertà”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here