Home Notizia Mondo COVID-19: la ricerca smaschera l’impatto ambientale dei DPI

COVID-19: la ricerca smaschera l’impatto ambientale dei DPI

0
70

In 11 paesi, nella prima metà della pandemia di COVID-19 sono stati raccolti circa 2 milioni di DPI disseminati. Credito immagine: Andrey Nekrasov/Barcroft Media tramite Getty Images
  • I dispositivi di protezione individuale (DPI) sono stati una parte essenziale degli sforzi per ridurre la diffusione di SARS-CoV-2 e prevenire il COVID-19 tra gli operatori sanitari e il pubblico in generale.
  • L’aumento dell’uso dei DPI durante la pandemia di COVID-19 ha portato all’aumento dei rifiuti di DPI, come maschere, guanti e salviette.
  • Una nuova ricerca ha scoperto che negli 11 paesi studiati, il numero di maschere che sono finite come rifiuti è aumentato di 84 volte rispetto ai livelli pre-pandemia.
  • I ricercatori sottolineano che gli individui e i governi devono considerare l’impatto ambientale dell’uso dei DPI pur garantendo la sicurezza pubblica.

La pandemia di COVID-19 ha colpito tutti i settori della vita. Persone, organizzazioni e governi hanno cercato di adattare il comportamento per stare al sicuro e ridurre al minimo il rischio di infezione. Una particolare area di interesse è stata la protezione, più comunemente attraverso l’uso di dispositivi di protezione individuale (DPI), come maschere e guanti.

Quando le persone utilizzano correttamente i DPI, possono ridurre il rischio di gravi malattie o lesioni. Tuttavia, è anche fondamentale considerare l’impatto dei DPI sull’ambiente.

Un recente studia nel diario Sostenibilità della natura ha scoperto che i rifiuti di mascherine, guanti e salviette sono aumentati dalla pandemia di COVID-19.

Lo studio raccomanda che le politiche relative alle pandemie includano misure per gestire i rifiuti di DPI. Ciò può aiutare a ridurre gli impatti ambientali negativi derivanti dalla cattiva gestione dei DPI.

Gli usi dei dispositivi di protezione individuale

L’Occupational Safety and Health Administration (OSHA) osserva che i DPI possono aiutare a prevenire malattie e lesioni. Le persone utilizzeranno diversi tipi di DPI in base alla situazione e alla necessità di protezione.

Il Food and Drug Administration (FDA) aiuta a regolare il modo in cui i produttori fabbricano i DPI per garantire che funzionino correttamente. I DPI possono aiutare a prevenire che materiali infettivi entrino sulla pelle, sugli occhi e sul naso di una persona. Quando le persone usano correttamente i DPI, possono aiutare a ridurre il rischio di diffondere una malattia da una persona all’altra.

Esempi di DPI includono:

  • maschere
  • guanti
  • schermi facciali
  • occhiali
  • indumenti protettivi, come camici

Il Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) attualmente raccomanda che gli operatori sanitari che trattano le persone con COVID-19 indossino maschere, camici, guanti e protezioni per gli occhi N-95 come schermi facciali o occhiali.

Il CDC ha anche raccomandazioni generali relative all’uso della maschera da parte del pubblico in generale. Attualmente, raccomanda che tutte le persone di età superiore ai 2 anni indossino maschere negli spazi pubblici interni.

Sebbene l’obiettivo principale del CDC sia stato la vaccinazione, promuove ancora attività come l’uso di maschere. Ad esempio, in un recente post su Facebook, il CDC discute uno studio che dimostra l’efficacia del vaccino. L’agenzia sostiene quanto segue:

“Proteggi te stesso e la tua comunità vaccinandoti completamente, ricevendo la dose di richiamo quando consigliata e impegnandoti nelle misure di prevenzione consigliate (come indossare maschere o distanziamento fisico in luoghi pubblici al chiuso dove la diffusione è elevata o sostanziale).”

Altri paesi hanno sviluppato raccomandazioni simili riguardo alle maschere durante la pandemia.

COVID-19, DPI e ambiente

I ricercatori dello studio hanno esaminato i cambiamenti nei livelli dei rifiuti rispetto alle raccomandazioni e agli annunci dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e alle politiche e alla legislazione adottate da 11 paesi.

I ricercatori hanno raccolto dati da Francia, Germania, Belgio, Paesi Bassi, Spagna, Regno Unito, Svezia, Stati Uniti, Canada, Australia e Nuova Zelanda sui livelli dei rifiuti da settembre 2019 a ottobre 2020.

Hanno usato l’app “Litterati” per raccogliere i loro dati, misurando in particolare il livello di rifiuti da maschere, guanti e salviette.

Da quando l’OMS ha dichiarato il COVID-19 una pandemia il 30 gennaio 2020, i ricercatori hanno osservato un aumento dei rifiuti relativi a tutti i tipi di DPI.

La quantità di rifiuti relativi ai guanti ha registrato un picco iniziale e poi un calo fino a circa il doppio dei livelli pre-pandemia.

C’è stato anche un graduale aumento dei rifiuti di salviette da marzo ad agosto. L’importo è poi sceso a circa il doppio dei livelli pre-pandemia.

Il principale punto di interesse è stato l’aumento dei rifiuti da mascherine. La lettiera delle mascherine è aumentata di 84 volte rispetto ai livelli pre-pandemia.

Prima della pandemia, non c’erano quasi rifiuti legati alle mascherine.

L’autore dello studio Dr. Keiron P. Roberts ha spiegato a Notizie mediche oggi:

“Per gli 11 paesi studiati da settembre 2019 a ottobre 2020, abbiamo riportato [an over] Aumento di 80 volte della proporzione di mascherine rispetto ai rifiuti raccolti. Questo rappresenta un quasi [8,400%] aumento.”

I ricercatori sono stati quindi in grado di esaminare l’adozione di specifiche politiche COVID-19 in diversi paesi e come queste politiche fossero correlate all’aumento dei rifiuti di DPI.

Una risorsa è stata l’Oxford University Coronavirus Government Response Tracker. Hanno esaminato specificamente le politiche dei paesi relative all’uso di maschere e alle restrizioni di viaggio relative ai blocchi.

Hanno scoperto che i rifiuti di maschere sono aumentati dopo l’introduzione della legislazione sulle maschere.

“Laddove era presente la legislazione sulle maschere, abbiamo osservato un aumento significativo della percentuale di rifiuti di maschere. Il rapporto aiuta a supportare i resoconti aneddotici che abbiamo visto troppo spesso l’anno scorso e fornisce alcune giustificazioni sul motivo per cui questi elementi hanno iniziato a essere più visibili”, ha detto il dott. Roberts a MNT.

I DPI riutilizzabili e il corretto smaltimento saranno fondamentali

Nel complesso, lo studio fornisce prove del fatto che l’uso dei DPI può avere un impatto sull’ambiente, sulle infrastrutture e sulle persone, in particolare quando le persone non smaltiscono correttamente i DPI usati.

Ciò potrebbe portare alle seguenti conseguenze:

  • I DPI disseminati potrebbero diffondere SARS-CoV-2 ad altri poco dopo la rimozione
  • può intasare i sistemi fognari e inquinare aree, come torrenti e fiumi
  • può servire come rischio di soffocamento o problema di intrappolamento per gli animali
  • può aiutare a diffondere agenti patogeni e inquinamento

I ricercatori riconoscono che il loro studio rischia bias di osservazione e altri possibili errori, come la mancanza di un metodo standard per la raccolta dei rifiuti. Ma i loro risultati nel complesso mostrano un aumento dei rifiuti legati al COVID-19 e all’uso dei DPI.

Poiché l’uso delle mascherine probabilmente continuerà, il rischio di rifiuti di mascherine rimarrà, sottolinea lo studio.

Per questo motivo, i ricercatori incoraggiano l’adozione di politiche e comportamenti che possono aiutare a ridurre i rifiuti dei DPI.

Ad esempio, agenzie e governi possono incoraggiare gli articoli riutilizzabili ove possibile e fornire appositi contenitori per lo smaltimento nelle aree in cui sono richieste maschere monouso.

Il Dr. Roberts ha offerto la seguente raccomandazione:

“Andando avanti e alla luce delle restrizioni più stringenti e dei requisiti per le mascherine in tutto il mondo, dobbiamo garantire l’uso continuato delle mascherine evitando che diventino rifiuti. Questa è una doppia responsabilità dei governi e del pubblico. Con i governi che forniscono messaggi e istruzione forti sullo smaltimento di maschere e altri oggetti, oltre a supportare le aziende per aiutare i clienti e i clienti a gettare le loro maschere dopo l’uso, [they will essentially help] fornire le strutture nel posto giusto per fare la cosa giusta”.

Tuttavia, il Dr. Roberts alla fine ha notato che la responsabilità spetta alle persone che fanno scelte intelligenti e scelgono di non gettare rifiuti.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here