Home Notizia Mondo Cambiamenti personalizzati nello stile di vita potrebbero migliorare il profilo di rischio...

Cambiamenti personalizzati nello stile di vita potrebbero migliorare il profilo di rischio dell’Alzheimer…

0
78

ciclista e pedone sulle strisce pedonali
Agire sui fattori di rischio legati allo stile di vita della demenza potrebbe ridurre drasticamente il rischio. Credito immagine: Oliver Nasteski/Stocksy.
  • Si prevede che il numero di persone nel mondo che vivono con la malattia di Alzheimer raggiungerà i 153 milioni entro il 2050.
  • Sebbene non sia ancora noto un modo definitivo per prevenire la malattia, i ricercatori sanno che le modifiche alla salute e allo stile di vita possono aiutare a ridurre il rischio di una persona.
  • I ricercatori dell’Università della California – San Francisco (UCSF) hanno scoperto che i cambiamenti personalizzati nella salute e nello stile di vita possono essere in grado di ritardare e persino prevenire la perdita di memoria nelle persone ad alto rischio di malattia di Alzheimer.

I ricercatori stimano il numero di persone che vivono con la malattia di Alzheimer a livello globale da raggiungere 153 milioni entro il 2050gli scienziati hanno lavorato recentemente per sviluppare nuove prevenzioni e trattamenti per questo tipo di demenza.

Poiché la causa esatta della malattia di Alzheimer è ancora sconosciuta, attualmente non esiste un modo definitivo per prevenire la malattia.

Tuttavia, ricerche precedenti mostrano alcuni benefici salutari modifiche dello stile di vita può aiutare a ridurre il rischio di una persona per la condizione, incluso a dieta sanaregolare esercizio fisicodormire abbastanza, restare socialmente connessoe gestire problemi di salute come ipertensione E diabete che può aumentare il rischio di una persona malattia cardiovascolare.

A questa conoscenza si aggiunge un nuovo studio condotto da ricercatori dell’Università della California – San Francisco (UCSF) secondo cui i cambiamenti personalizzati nella salute e nello stile di vita potrebbero essere in grado di ritardare e persino prevenire perdita di memoria nelle persone ad alto rischio di malattia di Alzheimer.

Lo studio è stato recentemente pubblicato sulla rivista JAMA Medicina Interna.

Modifiche personalizzate dello stile di vita per ridurre il rischio di Alzheimer

Ha detto la Dott.ssa Kristine Yaffe, vicepresidente e professoressa presso i Dipartimenti di Neurologia, Psichiatria, Epidemiologia e Biostatistica dell’UCSF, nonché prima autrice e ricercatrice principale di questo studio Notizie mediche oggi hanno deciso di studiare l’effetto di un approccio personalizzato alla salute e allo stile di vita perché, sebbene i medici conoscano i fattori di rischio legati allo stile di vita per la malattia di Alzheimer, non è chiaro se la riduzione di tali fattori di rischio porti a un miglioramento delle capacità cognitive.

“È difficile convincere le persone a cambiare salute e comportamento”, ha continuato il dottor Yaffe. “La nostra ipotesi era che un approccio personalizzato, in cui vengono valutati i fattori di rischio individuali delle persone – non una misura per tutti – e la persona può scegliere i propri obiettivi e i modi per migliorare il proprio fattore di rischio – ad esempio il sonno, l’attività fisica, l’impegno sociale – che noi sarebbe in grado di ridurre il rischio e questo si tradurrebbe in una migliore cognizione”.

“Nessuno ha provato questo approccio prima e abbiamo scoperto che potevamo migliorare i fattori di rischio e le capacità cognitive anche se ciò si è verificato durante il COVID”, ha aggiunto. “Inoltre, ci sono solo pochi studi che hanno dimostrato benefici cognitivi con interventi su questi fattori di salute e stile di vita”.

Sebbene i cambiamenti generalizzati nella salute e nello stile di vita possano certamente essere efficaci, coloro che sono meno motivati ​​ad apportare tali modifiche possono beneficiare di un piano personalizzato.

Un piano personalizzato di modificazione della salute e dello stile di vita consente a una persona di farsi carico della propria salute specificando quali aree desidera modificare.

E poiché ogni persona è diversa, un approccio personalizzato consente ai consulenti medici di adattare i propri suggerimenti a una persona piuttosto che a tutte le persone.

Uno studio pubblicato nel giugno 2021 ha rilevato che le persone ricevono consigli nutrizionali personalizzati migliorato il loro apporto alimentare più di quelli che ricevono consigli dietetici generalizzati.

Un altro studio pubblicato nel giugno 2021 ha riferito che coloro che hanno seguito un piano nutrizionale personalizzato hanno sperimentato un miglioramento delle abitudini di vita e riduzioni nel peso corporeo e nel BMI.

Una ricerca pubblicata nell’ottobre 2019 ha scoperto che i consigli personalizzati sullo stile di vita forniti agli anziani hanno contribuito a migliorare la resilienza e la motivazione e hanno contribuito a fornire una riduzione della percentuale di grasso corporeo e della circonferenza dei fianchi, rispetto a coloro che hanno ricevuto consigli generici sullo stile di vita.

Fattori di rischio legati allo stile di vita per la demenza

Per lo studio, la dottoressa Yaffe e il suo team hanno reclutato 172 partecipanti allo studio di età compresa tra 70 e 89 anni. Tutti i partecipanti presentavano almeno due degli otto fattori di rischio di demenza all’inizio dello studio di 2 anni.

Questi fattori di rischio includevano:

  • inattività fisica
  • ipertensione non controllata
  • diabete non controllato
  • sonno scarso
  • uso di farmaci da prescrizione associati al rischio di declino cognitivo
  • sintomi depressivi elevati
  • isolamento sociale
  • essere un fumatore attuale.

La metà dei partecipanti ha ricevuto un coaching personalizzato da un infermiere e un coach sanitario e gli è stato permesso di selezionare fattori di rischio specifici per i quali desideravano aiuto.

Questi partecipanti hanno ricevuto sessioni di coaching ogni pochi mesi per rivedere i loro obiettivi. Durante la pandemia gli incontri sono passati da di persona a telefonici.

All’altra metà dei partecipanti allo studio veniva inviato per posta ogni 3 mesi materiale educativo generale sulla riduzione del rischio di demenza.

Miglioramento del 74% della funzione cognitiva

Dopo 2 anni, i ricercatori hanno scoperto che i partecipanti che avevano ricevuto un coaching personalizzato hanno sperimentato un modesto incremento nei test cognitivi, pari a un miglioramento del 74% rispetto al gruppo non personalizzato.

Inoltre, il gruppo di coaching personalizzato ha avuto anche un miglioramento del 145% nei fattori di rischio e un miglioramento dell’8% nella qualità della vita rispetto al gruppo non personalizzato.

“Siamo stati entusiasti di vedere una differenza così grande nei gruppi”, ha detto il dottor Yaffe. “Ciò fornisce una prova chiara del fatto che se si riescono a ridurre questi fattori di rischio modificabili con questo approccio personalizzato, si possono migliorare le capacità cognitive e prevenire il declino che molto probabilmente preverrebbe la malattia di Alzheimer”.

Approcci non farmacologici alla prevenzione del rischio di demenza

MNT ha anche parlato di questo studio con la dottoressa Shannel Kassis Elhelou, ricercatrice di geropsicologia e neuropsicologia presso i programmi Brain Wellness and Lifestyle Programs del Pacific Neuroscience Institute a Santa Monica, California.

La dottoressa Elhelou, che non è stata coinvolta nella ricerca, ha affermato di trovare questi risultati promettenti e incoraggianti in quanto suggeriscono che interventi personalizzati sulla salute e sullo stile di vita possono avere un impatto positivo sul funzionamento cognitivo negli anziani ad alto rischio di malattia di Alzheimer, il che potrebbe potenzialmente aprire nuove strade per approcci non farmacologici.

Questi risultati potrebbero influenzare il modo in cui gli operatori discutono gli interventi sulla salute e sullo stile di vita con i loro pazienti ad alto rischio di malattia di Alzheimer, optando per un approccio personalizzato anziché un approccio unico per tutti. Inoltre, gli operatori sanitari potrebbero essere più propensi a indirizzare i propri pazienti a coach sanitari [who] può rispondere a bisogni e preferenze specifici, nonché fornire assistenza con la motivazione per aderire ai cambiamenti dello stile di vita.

– Dott.ssa Shannel Kassis Elhelou

La Dott.ssa Elhelou ha affermato che le piacerebbe che la ricerca futura su questo argomento continuasse ad esplorare l’efficacia di ulteriori approcci non farmacologici come il training cognitivo e la gestione dello stress.

“Inoltre, sarebbe utile condurre studi più ampi e a lungo termine per convalidare ulteriormente l’efficacia degli interventi personalizzati e degli approcci non farmacologici nel ritardare o prevenire il declino cognitivo nei soggetti a rischio di Alzheimer”, ha aggiunto.