Una persona tiene in mano un barattolo di vetro pieno di pillole.
Due statine ampiamente utilizzate possono essere ugualmente efficaci nel prevenire infarti e ictus. Willie B. Thomas/Getty Images
  • Due statine importanti, la rosuvastatina e l’atorvastatina, sono ugualmente efficaci nel ridurre infarti, ictus e decessi per tutte le cause, secondo un nuovo studio.
  • I risultati indicano che la rosuvastatina abbassa il colesterolo un po’ più dell’atorvastatina, ma comporta anche un rischio maggiore di sviluppare diabete e cataratta.
  • Solo un terzo dei partecipanti allo studio erano donne, quindi il rischio derivante dall’assunzione di queste statine dovrà essere oggetto di ricerche future.

Le due statine più potenti prescritte per la malattia coronarica sono rosuvastatina e atorvastatina. Secondo un nuovo studio, entrambi sono ugualmente efficaci nel ridurre la probabilità di ictus, attacchi cardiaci e mortalità. I due farmaci, tuttavia, differiscono in un paio di aspetti critici.

La rosuvastatina sembra svolgere un lavoro migliore nel ridurre i livelli di colesterolo, ma è associata ad un aumento del rischio di diabete e cataratta.

L’abbassamento dei livelli di colesterolo LDL – il colesterolo “cattivo” – è un importante obiettivo terapeutico nel trattamento della malattia coronarica e la rosuvastatina può quindi essere la statina di scelta per molti.

Per le persone considerate a rischio di diabete, tuttavia, l’atorvastatina può rappresentare l’opzione più sicura.

Lo studio ha coinvolto 4.400 persone in una sperimentazione condotta in 12 ospedali in tutta la Corea del Sud. I partecipanti sono stati divisi in due gruppi, a ciascuno dei quali è stata somministrata rosuvastatina o atorvastatina tra settembre 2016 e novembre 2019. Alla fine, 4.341 individui hanno completato lo studio.

L’età media dei partecipanti era di 65 anni, con una deviazione standard di 10 anni, e il 27,9% erano donne.

Lo studio è pubblicato in Il BMJ.

Confronto tra rosuvastatina e atorvastatina

Gli esiti primari a cui i ricercatori erano interessati erano l’infarto, l’ictus, la morte per tutte le cause e la necessità di rivascolarizzazione coronarica, in cui il flusso sanguigno di una persona verso un’area del cuore deve essere ripristinato. Per tutti questi risultati, le due statine hanno funzionato più o meno allo stesso modo.

Circa l’1,5% del gruppo rosuvastatina e l’1,2% del gruppo atorvastatina hanno avuto attacchi di cuore. Circa l’1,1% e lo 0,9% dei due gruppi, rispettivamente, hanno avuto un ictus. Per il 2,6% e il 2,3% di entrambi i gruppi, i ricercatori hanno registrato decessi per tutte le cause. Circa il 5,3% contro il 5,2% dei gruppi necessitava di rivascolarizzazione coronarica.

Gli autori dello studio erano preoccupati anche per la sicurezza, per il monitoraggio degli episodi di diabete di nuova insorgenza, di ricoveri ospedalieri per insufficienza cardiaca, di tromboembolismo polmonare o di trombosi venosarivascolarizzazione endovascolare dovuta a malattia delle arterie perifericheintervento chirurgico sull’aorta, malattia renale allo stadio terminale, interruzione di uno dei farmaci a causa di intolleranza, intervento di cataratta e una combinazione di valori di laboratorio anormali.

Il gruppo rosuvastatina aveva una probabilità maggiore, 7,2%, di sviluppare il diabete di tipo 2 rispetto al gruppo atorvastatina, 5,3%. Avevano anche maggiori probabilità di richiedere un intervento di cataratta, 2,5% contro 1,5%.

“Sebbene ci fossero piccole differenze tra le due statine per quanto riguarda il diabete e la cataratta, le differenze erano tutte statisticamente significative”, ha detto il ricercatore senior dello studio, il dottor Myeong-Ki Hong, professore di cardiologia presso il Yonsei University College of Medicine. Notizie mediche oggi.

“In una considerazione comparativa del profilo medico di un paziente e delle strategie di riduzione del rischio, sarebbe probabilmente un fattore importante”, ha affermato la dott.ssa Jayne Morgan, cardiologa e direttrice esecutiva dell’educazione sanitaria e comunitaria presso la Piedmont Healthcare Corporation di Atlanta, GA, che non era coinvolto nello studio.

Il Prof. Hong ha osservato che questi due risultati non erano del tutto sorprendenti, poiché uno studio precedente aveva osservato anche un aumento del diabete con rosuvastatina, e un altro aveva notato un aumento degli interventi chirurgici di cataratta.

L’aspetto positivo è che nel gruppo rosuvastatina i livelli di colesterolo LDL erano inferiori rispetto al gruppo atorvastatina, rispettivamente da 1,8 a 1,9 mmol/L.

“È necessaria un’attenta interpretazione dei risultati del nostro studio. Il nostro studio non supporta [a] un certo tipo di statina rispetto ad un’altra statina. Vogliamo sottolineare che, mentre i benefici cardiovascolari tra i due potenti tipi di statine erano comparabili, ciascuna statina ha punti di forza e di debolezza diversi per quanto riguarda l’abbassamento del colesterolo LDL, il diabete di nuova insorgenza e la cataratta”.
— Prof. Myeong-Ki Hong

Come funzionano le statine?

Le statine, originarie dei funghi, sono ampiamente prescritte per abbassare il colesterolo e prevenire le malattie coronariche.

Secondo uno studio del 2023, il loro utilizzo è salito alle stelle del 149% dal 2013. È stimato che, nel 2018-2019, c’erano 92 milioni di persone che assumevano statine negli Stati Uniti, e da allora tale numero è probabilmente aumentato in modo significativo.

“Le statine possono sia ridurre che ritardare la deposizione di placche aterosclerotiche nelle arterie coronarie. Ciò diminuisce l’accumulo e la probabilità di occlusione delle arterie coronarie critiche che forniscono ossigeno al cuore, e quindi diminuisce il rischio di attacchi cardiaci”.
– Dott.ssa Jayne Morgan

Non è ben compreso esattamente come le statine mantengano le arterie sane, sebbene a Studio del 2023 potrebbe risolvere il mistero.

Lo studio afferma che le statine impediscono che il DNA strettamente legato, chiamato cromatina, nelle cellule endoteliali che rivestono i vasi sanguigni venga allentato da una proteina, YAP, che altrimenti porterebbe a cambiamenti nell’espressione genica che le indurrebbero a trasformarsi in cellule mesenchimali meno flessibili e funzionali. .

Qual è il legame tra diabete e cataratta?

“Il diabete stesso può portare a cambiamenti strutturali nel cristallino dell’occhio che possono poi portare alla cataratta”, ha affermato il dottor Morgan. “Ciò è dovuto alla durata dell’esposizione dell’occhio a livelli elevati di glucosio/zucchero nel sangue nel tempo.”

“In effetti, la retinopatia diabetica è una complicanza ben nota dei diabetici che può causare cecità. Mentre la cataratta è una parte inevitabile dell’invecchiamento per molti, i diabetici hanno uno sviluppo accelerato della cataratta in giovane età che porta ad un accumulo di depositi sul cristallino dell’occhio”.
– Dott.ssa Jayne Morgan

“Il nostro studio fornisce approfondimenti sull’importanza di un monitoraggio meticoloso e di interventi appropriati sullo stile di vita per mitigare il rischio di nuova insorgenza di diabete o cataratta nei pazienti con malattia coronarica quando si utilizza rosuvastatina rispetto ad atorvastatina”, ha affermato il Prof. Hong.

Gli effetti delle statine sulla menopausa non sono chiari

La dottoressa Morgan ha detto che alcune limitazioni nello studio la fanno riflettere. Innanzitutto, include solo i cittadini dell’Asia orientale provenienti dalla Corea, senza alcuna rappresentanza di altri gruppi razziali.

Ha inoltre sottolineato che solo un terzo dei partecipanti erano donne e la loro età non è chiara dallo studio.

“I lipidi elevati sono un fattore di rischio accertato per le malattie cardiache. Le malattie cardiache sono la prima causa di morte tra le donne in tutto il mondo e la loro incidenza dislipidemia aumenta con l’invecchiamento della donna, con cambiamenti particolarmente negativi al momento della menopausa. La diminuzione degli estrogeni è stata associata a cambiamenti negativi nei profili lipidici delle donne, causando la perdita di cardioprotezione”, ha osservato il dottor Morgan.

Il Dr. Morgan ha inoltre sottolineato che lo studio non ha monitorato l’osteoporosi nelle donne in menopausa.

“Inoltre, i farmaci per abbassare il colesterolo, e le statine in particolare, possono avere un beneficio – o un rischio – per le donne in menopausa di sviluppare l’osteoporosi, a seconda della dose”, ha detto.