Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi WFH non è l'equilibrio lavoro-vita che speravo

WFH non è l'equilibrio lavoro-vita che speravo

0
70

Sono una mamma freelance casalinga per un bambino di 1 anno, quindi direi che un'altalena è più simile.

Lavorare part-time da casa come scrittore freelance potrebbe sembrare l'ultimo lavoro da sogno di una nuova mamma. Posso impostare le mie ore, non c'è bisogno di correre fuori dall'asilo ogni mattina e non devo mai preoccuparmi di trovare tempi (o posti confortevoli) per pompare durante la giornata lavorativa.

Tranne che è ancora molto più difficile di quanto mi aspettassi.

Quando ero incinta di mio figlio Eli, supponevo che mi sarei preso 3 mesi di riposo dopo il parto e poi sarei tornato al lavoro.

Ma nel giro di un mese dopo averlo avuto, avevo già voglia di ricominciare. Avevo bisogno di qualcosa per distogliere la mia mente dall'ansia schiacciante postpartum con cui avevo a che fare.

Inoltre, redattori e clienti venivano già da me con offerte per incarichi e ho iniziato a sentirmi sotto pressione. Temevo che continuare a rifiutare il lavoro sarebbe stato un male per la mia attività, che avevo impiegato 7 anni per costruire.

Congedo di maternità quasi esiste

Quindi, invece di "ufficialmente" tornare dal congedo di maternità, ho iniziato a prendere 1 o 2 incarichi alla volta e ho cercato di farli fare ogni volta che potevo.

Ma ecco la cosa che non avevo realizzato prima di avere un figlio: la maggior parte dei bambini, quando sono svegli, non si limiteranno a passare il tempo per 8 ore a guardarti mentre digiti.

Quindi, se sei a casa con uno e stai cercando di lavorare, devi avere l'assistenza dei bambini o pianificare di fare le cose mentre dormono.

Ho finito per fare entrambe le cose. All'inizio scrivevo mentre Eli era nascosto nella sua fascia per bambini Solly, o se ero davvero fortunato, se si fosse addormentato accanto a me nel letto.

Ma non ho mai fatto più di 30 minuti di lavoro alla volta prima che si svegliasse e desiderasse allattare al seno, o voler essere scosso, rimbalzato o cantato.

L'assistenza all'infanzia è fondamentale, ma difficile da trovare

Quando Eli aveva dai 2 ai 3 mesi e mi sentivo più a mio agio nel lasciarlo per un po ', mia madre veniva due volte a settimana a guardarlo. Ma non è stato per giorni interi come avevo immaginato durante la mia gravidanza.

Per concentrarmi sul mio lavoro, avevo bisogno di uscire di casa dove non avrei sentito piangere Eli. Quindi andrei in un bar. Ma da quando allattavo, dovevo comunque pompare ogni paio d'ore. Cosa che non puoi davvero fare in un bar.

E poi c'è il pompaggio

Quindi mi pomperei subito prima di uscire e stavo lontano finché le mie tette potevano gestirlo, di solito 3 o 4 ore al massimo.

Una volta tornato a casa, di solito dovevo allattare subito, e il pensiero di ripartire per lavorare di più mi faceva sentire in colpa. Quindi quello era quello.

La pressione per continuare ad assumere incarichi in modo da poter continuare a fare soldi e rimanere sui radar degli editori significava che di solito avevo molto più lavoro di quello che avrei potuto fare in due scatti di 4 ore.

Così ho continuato a intrufolarmi in pezzi di scrittura mentre Eli faceva un sonnellino nei giorni in cui mia madre non veniva.

Ma a 3 o 4 mesi, faceva solo un pisolino mentre lo tenevo in braccio. Quindi mi sarei letteralmente seduto in una stanza buia, cullandolo in un braccio e digitando con la mia mano libera.

Sembra quasi dolce e accogliente guardarlo indietro quasi un anno dopo. Ma al momento mi è sembrato uno dei punti più bassi della mia vita.

Trovare tasche di produttività

Le cose sono migliorate quando è diventato un po 'più grande. Una volta che aveva programmato un pisolino prevedibile e dormito felicemente nella sua culla, potevo contare su 2 o 3 ore tranquille ogni giorno per lavoro.

Una volta che andava a fare un sonnellino, correvo direttamente sul mio laptop e restavo lì fino a quando non si svegliava.

Anche io e mio marito inizieremmo a scambiare turni. Dato che aveva anche un programma flessibile, avrebbe guardato Eli per alcune ore, alcuni giorni alla settimana.

Certo, ci sono stati ancora molti giorni in cui mi sono anche svegliato molto presto per esaminare un arretrato di e-mail o prendermi cura delle fatture. E ci sono state molte notti in cui mi sarei precipitato a finire una storia entro la scadenza dopo che Eli sarebbe andato a letto.

Questa routine acciottolata mi ha permesso di lavorare circa 25 ore alla settimana.

Era molto meno delle 40-50 ore a settimana in cui lavoravo prima che nascesse. Ma ora che sapevo quanto fosse prezioso il mio tempo, sono diventato molto più produttivo che la mia produzione è stata quasi la stessa. (Quasi.)

Un vero movimento alternato tra vita lavorativa e vita privata

Il rovescio della medaglia di tutta questa magistrale efficienza? Le mie giornate sono state fondamentalmente un frenetico avanti e indietro tra prendersi cura di un bambino e correre per fare il maggior lavoro possibile senza quasi il tempo di riposare … o fare qualsiasi altra cosa.

A differenza delle altre mie amiche di mamma che erano a casa, non ero veramente libero per Eli e per incontrarli per i ritrovi o il pranzo nel parco.

Le persone spesso guardano al lavoro da casa come mezzo per raggiungere un migliore equilibrio tra lavoro e vita privata. Ma per me, la frenetica oscillazione tra il mio ruolo di mamma e una scrittrice sembra più un'altalena nella vita lavorativa.

O sto facendo una cosa o l'altra a tutto gas – e il ritmo può diventare estenuante.

Tuttavia, so quanto sono fortunato ad avere il controllo del mio programma. E se hai intenzione di lavorare da casa con un bambino, per favore non lasciarti scoraggiare. tu può fare cose. Forse non tanto quanto ti aspetteresti.

Alcune cose che ho trovato utili:

1. Mappa il tuo tempo in modo strategico

Cerca di salvare il lavoro che richiede più concentrazione per le volte in cui sai che avrai assistenza all'infanzia e non sarai interrotto.

Usa i sonnellini (o quei bip di 10 minuti quando il tuo bambino è ipnotizzato da un nuovo giocattolo) per affrontare compiti che richiedono meno concentrazione o potere mentale.

2. Lavora il più in anticipo possibile

La vita con un bambino è imprevedibile. Il tuo piccolo potrebbe aver bisogno di più attenzione un giorno perché è malato o sta dentendo, o la tua baby-sitter potrebbe cancellarsi inaspettatamente.

Quindi, concediti molto spazio per respirare, soprattutto quando inizi a fare il giro delle cose.

3. Gestisci le tue aspettative

Probabilmente non sarai molto produttivo all'inizio, perché ai bambini piace interrompere le cose. (Inoltre, la nebbia cerebrale postpartum.) Aspettati questo, e non lasciarti abbattere.

4. Concediti il ​​tempo di spegnere

Nelle notti in cui lavori dopo che il bambino va a letto, cerca di concludere 20 o 30 minuti prima tu Vai a dormire. Avere quel po 'di tempo per rilassarti può aiutarti a evitare il burnout e a calmare il cervello, quindi è più facile sonnecchiare.

So che alla fine le cose diventeranno più facili. Man mano che Eli invecchia, sarà in grado di occupare se stesso per brevi tasche, si spera. E avrò un sacco di tempo per lavorare quando inizia a andare a scuola.

Ha solo 13 mesi, quindi immagino di avere un modo per andare prima di poter trovare un po 'di più di quell'equilibrio di cui tutti continuano a parlare.

Per ora, è la vita altalena per me.


Marygrace Taylor è una scrittrice di salute e genitorialità, ex redattore della rivista KIWI e mamma di Eli. Visitala a marygracetaylor.com.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here