Volontario medico: aiuto dopo il terremoto di Haiti

0
103

Terremoto

Il 12 gennaio 2010, un grave terremoto (magnitudo 7,0 sulla scala Richter) ha distrutto il cuore di Haiti e ha praticamente distrutto la capitale di Port-au-Prince. Si stima che 270.000 persone morirono, 300.000 furono ferite e un milione di altre persone furono sfollate. Un'intera nazione colpita. Hai visto le immagini in TV. Ma lascia che ti dica com'era sul campo … una storia diversa.

conseguenze

Ho avuto l'opportunità di andare ad Haiti e fornire assistenza per il terremoto nel febbraio 2010, arrivando appena un mese dopo il terremoto. Dopo aver visto le immagini sui notiziari, mi sono preparato al peggio … e sono rimasto sorpreso. Sì, la devastazione era inimmaginabile. Sì, la perdita della vita e la sofferenza di coloro che sono sopravvissuti sono stati orrendi. Ma sono stato sorpreso dalla speranza e dalla gioia di coloro che sono rimasti alle spalle risparmiati dalle macerie. Così tante persone sono venute per ringraziarmi per averli aiutati nel momento del bisogno. Molti altri ancora mi hanno colpito per la loro forza in mezzo al puro caos e alla devastazione.

Sono rimasto impressionato dalla dignità del popolo haitiano e dalla sua incessante speranza per la sua nazione in difficoltà. Nonostante abbia perso i propri cari e le loro case a causa del terremoto, così tante persone mi hanno detto che erano benedetti per essere vivi; avere una parte della loro famiglia rimasta; avere un lavoro per sostenere se stessi e la loro famiglia; e mi dissero che non vedevano l'ora di vedere come Dio avrebbe usato questo incidente per trasformare il loro paese in bene … Come disse uno dei miei compagni di aiuto,

"Il popolo haitiano che ho avuto il privilegio di incontrare mi ha dimostrato che la fede è per le persone che hanno riconosciuto la loro debolezza e hanno trovato forza nell'unico posto dove si può trovare la forza vera e duratura".

Aiuto arriva

Dopo un lungo viaggio per arrivare ad Haiti (un volo ad occhi rossi per la Florida, un'intera giornata in un terminal dell'aeroporto, un altro volo per la vicina Repubblica Dominicana dove ho trascorso un paio di notti in attesa del trasporto ad Haiti, e infine un lungo e movimentato 12- un'ora di autobus con altri operatori sanitari a Port-au-Prince), mi sono unito al team di soccorso con cui avrei lavorato per le prossime 2 settimane, al ritmo di 18 ore al giorno 7 giorni alla settimana. Food for the Hungry (FH) è un'organizzazione non governativa con sede a Phoenix, in Arizona, ma ha uffici in tutto il mondo. Hanno iniziato a svolgere attività di soccorso negli anni '70 e avevano un ufficio a Pétionville, nella periferia di Port-au-Prince Haiti prima del terremoto.

Haiti ha lottato da molto tempo prima di allora e FH aveva messo in atto un programma per l'HIV / AIDS. Quando è avvenuto il terremoto, erano in una buona posizione per offrire assistenza immediata. Il team FH è cresciuto da 24 persone al momento del terremoto a 86 quando ho lasciato Haiti, senza contare le squadre mediche che entravano e uscivano dal Canada e dalla Corea.

Christy ad Haiti

Cosa ho fatto mentre ero lì?

Ho iniziato a lavorare con un team medico di FH Canada (3 medici e 3 infermieri) e abbiamo gestito cliniche mediche mobili in alcune delle aree più colpite (ma trascurate) di Port-au-Prince (PAP), vedendo da 350 a 400 pazienti a giorno. Ci mettevamo al mattino e lavoravamo sodo fino alle 16 circa quando dovevamo semplicemente chiudere, anche se la fila di persone bisognose di cure non sembrava mai diminuire.

Quindi andavamo in giro per la città cercando di trovare le forniture necessarie per il giorno successivo della clinica. Faremmo una breve pausa pasto e poi inizieremmo a organizzare i rifornimenti per il giorno successivo: impacchettare le pillole in singole razioni … dividere le compresse di mebendazolo a mano (non sono disponibili taglia-pillole! Le cose semplici che ti mancano in quelle circostanze) per le dosi pediatriche … circa il giorno in cui abbiamo lavorato fino a mezzanotte, a volte anche 1 o 2 del mattino. E poi di nuovo con il sole verso le 6 del mattino, un po 'di colazione, riempi le nostre bottiglie d'acqua e prepara un piccolo panino per un pranzo / merenda e via di nuovo per la giornata.

cura della ferita per un giovane paziente

Una volta lasciato il team canadese, ho continuato il mio lavoro di raccolta di forniture mediche, preparazione di fasci di forniture mediche e prodotti farmaceutici da consegnare a vari ospedali partner nell'area che stavano ancora cercando di funzionare in caso di grande necessità e circostanze caotiche. Ho lavorato come infermiera del personale per il crescente numero di lavoratori FH (alcuni internazionali ma soprattutto locali) e ho vaccinato 86 persone contro la meningite in soli 2 giorni, oltre a fornire assistenza medica a quei dipendenti che ne avevano bisogno.

Ho lavorato al coordinamento e alla preparazione di imminenti equipe mediche dagli Stati Uniti e dal Canada raccogliendo e compilando il kit di briefing necessario (ma non ancora esistente) per le equipe mediche (incluso cosa portare, cosa aspettarsi in termini di viaggio, alloggio e condizioni di lavoro, nonché tutte le informazioni logistiche e i fornitori in PAP). Ho lavorato per raccogliere feedback dai precedenti team medici al fine di condividere le informazioni e apprendere dalle esperienze passate al fine di preparare meglio i prossimi team all'arrivo.

Sono stato il referente di FH per collegarmi con il cluster sanitario delle Nazioni Unite e partecipare alle riunioni quotidiane nel nuovo campo delle Nazioni Unite vicino all'aeroporto, quando possibile. Ho iniziato a lavorare in rete e valutare le esigenze e le risorse sanitarie delle varie comunità target in cui stava lavorando.

E ho avviato un progetto con un fornitore sudafricano al fine di costruire un ospedale temporaneo a Siloe (uno dei quartieri più poveri e duramente colpiti di PAP, ma anche trascurato dalle principali organizzazioni di soccorso in quanto era difficile accedere e non mappato) . Questo fornitore è in grado di fornire container di spedizione modificati e configurarli come sale per esami medici e persino sale operative e di consegna.

Evacuare un paziente

Sono state 3 settimane molto piene (compresi i giorni di viaggio) con alcuni colpi di scena interessanti. Come il giorno in cui sono uscito con un pick-up che trasportava forniture mediche in un ospedale e sono stato avvicinato da un medico americano alla ricerca di una garza e di alcuni antidolorifici iniettabili per preparare una paziente affetta da una frattura della gamba complessa per il trasporto mentre stava per essere trasportato in aereo a Miami per un intervento chirurgico … così ho iniziato a scavare tra le scatole delle forniture

Avevo appena fatto i bagagli e gli ho procurato ciò di cui aveva bisogno. E poiché l'ambulanza che avrebbe dovuto trasportare il paziente all'aeroporto non è mai arrivata, abbiamo finito per caricarla sul mio camioncino che ha servito come ambulanza quel giorno. O la mattina ho ricevuto un refrigeratore riempito con 100 vaccini che erano appena stati espulsi dall'ufficio FH di Santo Domingo (Repubblica Dominicana) e dovevo trovare STAT di ghiaccio per preservarli dal caldo afoso fino a quando non potessi usarli.

spiegando ABX pediatrica a una madre in francese

Come molti di voi sanno, vivono in questa zona (San Jose, California) e forse ricordano come vi siete sentiti negli eventi di Loma Prieta, un grande terremoto non è un evento che si ferma solo … le scosse di assestamento continuano per settimane e anche mesi dopo il colpo iniziale. Mentre ero ad Haiti, abbiamo sperimentato alcuni tremori piuttosto gravi (4.7 e 4.5 sulla scala Richter) che hanno continuato a danneggiare, sia fisicamente che emotivamente, le persone che già soffrivano di grandi perdite.

E poi, proprio mentre me ne stavo andando, la stagione delle piogge stava iniziando un mese prima del solito e inondando i campi di sfollati, causando più ferite e perdite. Sono passati quasi 5 mesi dal grande terremoto, ma il popolo haitiano ha ancora bisogno di molto aiuto per recuperare e ricostruire il proprio paese.

Puoi aiutare

Puoi aiutare. Non tutti possono prendersi 3 settimane di pausa dal lavoro come ho fatto per andare ad Haiti, ma tutti voi potete contribuire agli sforzi di soccorso in seguito a catastrofi importanti come quella di Haiti, ma anche ad altri negli Stati Uniti e nel mondo. Ti incoraggio a scoprire come puoi aiutare e essere coinvolto nella tua comunità. Inoltre, vorrei sfruttare questa opportunità per ricordarti della sicurezza del terremoto per te stesso nel caso in cui un evento importante colpisse la tua zona.

Per maggiori informazioni visita:

Food for the Hungry
Blog di sollievo FH
Partners in Health
Medical Teams International
Croce rossa americana
Comitato Internazionale della Croce Rossa