Home Notizia Mondo Una nuova tecnica di trapianto di cuore e timo può significare la...

Una nuova tecnica di trapianto di cuore e timo può significare la fine della vita…

0
43

Il primo trapianto combinato di tessuto cuore-timo al mondo sembra essere un successo. VICTOR TORRES / Stocksy
  • Un bambino nato con una carenza di timo ha ricevuto quello che molti considerano il primo trapianto di cuore al mondo combinato con un impianto di timo.
  • Sei mesi dopo, secondo quanto riferito, il destinatario sta prosperando.
  • Con il timo del donatore, il ricevente può produrre cellule T che riconoscono il cuore donato come proprio, riducendo la possibilità di rigetto.
  • Questa procedura potrebbe consentire ai medici di eseguire trapianti senza fare affidamento su farmaci immunosoppressori per tutta la vita contro il rigetto d’organo.

I medici del Duke University Hospital nella Carolina del Nord, in una procedura pionieristica, hanno trapiantato con successo un cuore combinato con un tessuto di timo allogenico elaborato. Il destinatario, un bambino che all’epoca aveva 6 mesi, ha appena festeggiato il suo primo compleanno.

Il bambino sembra ora produrre le cellule immunitarie necessarie per ridurre o addirittura eliminare la necessità di un trattamento a lungo termine con farmaci antirigetto.

Ricerca ‘pionieristica’

Gli scienziati della Duke studiano da alcuni anni il potenziale delle cellule del timo trapiantate. UN trapianto di timo è un trattamento relativamente nuovo per i bambini nati senza un timo funzionante, una possibile caratteristica di completa anomalia di DiGeorge, una rara condizione congenita. Il timo si trova all’interno del torace tra i polmoni e dietro lo sterno ed è una parte importante del sistema immunitario del corpo.

I bambini senza un timo funzionante non possono produrre cellule T. Ciò porta a una grave immunodeficienza, quindi non possono combattere le infezioni e in genere muoiono all’età di 3 anni.

Gli scienziati della Duke ne hanno pubblicati due precedente studi di trapianti di timo in neonati con completa anomalia di DiGeorge. Nei loro studi, oltre il 70% dei bambini è sopravvissuto per almeno 2 anni dopo il trapianto.

Prima del trapianto, il timo del donatore viene sottoposto a diversi processi, che un team, guidato dalla dott.ssa Mary L. Markert, MD, alla Duke, ha sviluppato. Nel 2012, il Dr. Markert ha iniziato studi sugli animali per studiare l’uso di impianti di tessuto di timo in coltura (CTTI) nei trapianti di organi.

La procedura

In questo caso, il ricevente – Easton Sinnamon di 6 mesi – è nato con gravi anomalie cardiache e deficit del timo da una causa sconosciuta. Aveva bisogno sia di un trapianto di cuore che di un impianto di tessuto di timo trasformato, indipendenti l’uno dall’altro. I ricercatori hanno ricevuto il permesso dalla Food and Drug Administration (FDA) di eseguire entrambe le procedure insieme.

I chirurghi hanno effettuato il trapianto di cuore quando Easton aveva 6 mesi. Hanno impiantato tessuto di timo coltivato dal suo donatore di cuore 2 settimane dopo.

Utilizzando sia il cuore che il tessuto del timo dello stesso donatore, i medici speravano che il corpo del bambino avesse meno probabilità di rigettare gli organi.

Quando i medici hanno eseguito i test 172 giorni dopo l’impianto, hanno scoperto che il tessuto del timo trasformato funzionava e produceva cellule T. Continueranno a monitorare i progressi di Easton e sperano di ridurre i suoi farmaci antirigetto nei prossimi mesi.

Il futuro dei trapianti d’organo

Dopo il trapianto di organi, i pazienti di solito devono assumere farmaci antirigetto e altri farmaci per il resto della loro vita. Questi farmaci, che sopprimono il sistema immunitario, hanno effetti collaterali che possono essere altamente tossici o rendere difficile combattere le infezioni. Possono anche aumentare il rischio di diabete e cancro.

Oltre a ridurre le possibilità di rigetto d’organo, i medici sperano che questa procedura possa anche eliminare la necessità per i riceventi di assumere questi trattamenti immunosoppressori per tutta la vita.

“Questo caso ha implicazioni per qualcosa di più del semplice trapianto di cuore: potrebbe cambiare il modo in cui molti trapianti di organi solidi verranno eseguiti in futuro”.

– Dr. Allan D. Kirk, MD, Ph.D., presidente del Dipartimento di Chirurgia presso la Duke University School of Medicine.

Gli scienziati della Duke sono interessati a indagare se gli operatori sanitari potrebbero utilizzare la tecnica del trapianto di timo in pazienti con un timo funzionante. L’uso di CTTI può aiutare a ristrutturare il sistema immunitario del ricevente, quindi non devono fare affidamento su farmaci antirigetto.

UN studio 2011 ha dichiarato: “Nell’ultimo quarto di secolo si è imparato molto sul trapianto di cuore del neonato. Ma resta ancora molto da scoprire”.

Forse i risultati di quest’ultimo caso saranno una di quelle scoperte che fanno avanzare non solo i trapianti di neonati ma anche quelli di adulti.

Molti esperti sono ottimisti:

“Questo ha il potenziale per cambiare il volto del trapianto di organi solidi in futuro”.

– Dr. Joseph W. Turek, MD, Ph.D., capo della chirurgia cardiaca pediatrica di Duke e membro del team chirurgico.