Home Notizia Mondo Un maggiore apporto di antiossidanti può ridurre il rischio di lombalgia nelle...

Un maggiore apporto di antiossidanti può ridurre il rischio di lombalgia nelle donne

0
19

I dati di uno studio recente hanno rilevato che un maggiore apporto di antiossidanti era correlato a un rischio leggermente inferiore di mal di schiena nelle donne. Pixel Stories/Stocksy United
  • Gli antiossidanti si trovano in alcuni alimenti e possono aiutare a ridurre al minimo i danni alle cellule.
  • I ricercatori stanno ancora cercando di comprendere il ruolo degli antiossidanti nella salute e i loro potenziali benefici.
  • I dati di uno studio recente hanno rilevato che un maggiore apporto di antiossidanti era correlato a un minor rischio di mal di schiena nelle donne, ma questo non era significativo.

Gli antiossidanti possono offrire alcuni benefici per la salute, ma i ricercatori stanno ancora cercando di comprendere il pieno effetto di alcuni antiossidanti sulla salute e sul benessere generale. Un’area di interesse è il modo in cui gli antiossidanti possono influenzare il dolore che le persone provano.

Un recente studio ha esaminato come l’assunzione di antiossidanti fosse correlata alla lombalgia, un problema comune che molte persone sperimentano.

I risultati dello studio nel complesso non hanno trovato un’associazione significativa tra l’assunzione di antiossidanti e la lombalgia. Tuttavia, i partecipanti nel quadrante più alto di assunzione di antiossidanti avevano quasi il 12% in meno di probabilità di soffrire di lombalgia rispetto ai partecipanti con la quantità più bassa di assunzione di antiossidanti.

Tra le partecipanti donne, i ricercatori hanno scoperto che quelle con la più alta quantità di assunzione di antiossidanti avevano quasi il 20% in meno di probabilità di soffrire di lombalgia rispetto a quelle con la più bassa quantità di assunzione di antiossidanti.

I risultati indicano possibili benefici derivanti dall’assunzione di antiossidanti, in particolare per le donne.

I risultati sono stati pubblicati in BMC sanità pubblica.

Gli antiossidanti riducono la lombalgia?

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità ce n’erano 619 milioni di casi di lombalgia a livello globale nel 2020. È anche una causa significativa di disabilità, quindi i ricercatori sono interessati a trovare potenziali modi per impedire alle persone di soffrire di lombalgia.

I ricercatori del presente studio volevano vedere se esistesse un’associazione tra il mal di schiena e l’assunzione di antiossidanti.

Assumere un’ampia varietà di nutrienti è fondamentale per uno stile di vita sano.

Antiossidanti sono sostanze che aiutano a fermare un processo chiamato ossidazione. L’ossidazione produce sostanze chiamate radicali liberi che possono causare danni cellulari. Gli antiossidanti possono aiutare a ridurre al minimo alcuni danni cellulari.

Molti frutti, verdure e altri alimenti contengono antiossidanti. La nutrizionista dietista registrata Karen Z. Berg, che non è stata coinvolta nello studio, ha spiegato qualcosa in più Notizie mediche oggi:

“Quando l’ossigeno viene metabolizzato nel corpo, produce qualcosa chiamato radicali liberi che può causare danni alle cellule e al DNA. Il nostro corpo gestisce naturalmente questo processo, ma consumare cibi ricchi di antiossidanti aiuta il nostro corpo a neutralizzare i radicali liberi e quindi a prevenire un danno cellulare eccessivo. Non è chiaro quanti benefici ci siano nell’assumere antiossidanti sotto forma di pillola o polvere, ma quando si consuma un frutto o una verdura intera, tutti i componenti lavorano in simbiosi per essere assorbiti e utilizzati nel corpo.

Qual è il legame tra antiossidanti e mal di schiena?

I ricercatori hanno utilizzato dati estesi per esaminare la relazione tra l’assunzione di antiossidanti e le esperienze di lombalgia.

Hanno notato che i dati precedenti supportavano l’idea che lo stress ossidativo può peggiorare il dolore lombare e che gli antiossidanti possono aiutare a ridurre lo stress ossidativo.

Per esaminare come ciò potrebbe apparire nell’applicazione pratica, i ricercatori hanno incluso 17.682 partecipanti dal Sondaggio nazionale sull’esame della salute e della nutrizione. Questo sondaggio raccoglie dati da persone negli Stati Uniti. Hanno escluso i partecipanti che non disponevano di dati sulla dieta o sulla lombalgia.

Tra questi partecipanti, 11.573 avevano lombalgia e 6.109 partecipanti non avevano lombalgia. I ricercatori hanno corretto per diverse covariate, tra cui:

  • genere
  • età
  • gara
  • Livello scolastico
  • indice di massa corporea (IMC)
  • attività
  • fumare

Dopo aver corretto tutti i fattori confondenti, il loro modello non ha trovato un’associazione significativa tra l’assunzione di antiossidanti e la lombalgia.

Tuttavia, sulla base dei dati sull’assunzione di antiossidanti, i ricercatori hanno diviso i partecipanti in quattro gruppi, che vanno da un elevato apporto di antiossidanti a un basso apporto di antiossidanti.

Hanno scoperto che i partecipanti del gruppo con il più alto apporto di antiossidanti avevano l’11,7% in meno di probabilità di soffrire di lombalgia rispetto a quelli del gruppo con il più basso apporto di antiossidanti.

Nella loro analisi stratificata in base al genere, hanno scoperto che le donne nel quartile più alto per l’assunzione di antiossidanti avevano il 19,7% in meno di probabilità di soffrire di lombalgia rispetto alle donne nel quartile più basso.

La dottoressa Kecia Gaither, doppia specializzazione in ostetricia/ginecologia e medicina materna fetale, direttrice dei servizi perinatali/medicina materna fetale presso NYC Health + Hospitals/Lincoln nel Bronx, che non è stata coinvolta nello studio, ha affermato che non sorprende che il mal di schiena è sperimentato con una frequenza più elevata nelle donne. Ha notato MNT:

“La base della maggior parte delle malattie ha come principio fondamentale [in] infiammazione. Gli antiossidanti mitigano gli effetti dell’infiammazione. La lombalgia ha molteplici eziologie: ernia del disco neurologica, stenosi spinale, artrite, [and] trauma. Nelle donne, a ciò si aggiunge la dinamica di un ambiente ormonale dinamico con rischi di endometriosi, adenomiosi, [and] leiomiomi: tutte entità che gli uomini non hanno.

Lo zinco e il selenio aiutano il mal di schiena?

I ricercatori hanno anche scoperto che gli antiossidanti zinco e selenio potrebbero essere associati indipendentemente alla lombalgia. Hanno scoperto che il selenio era associato negativamente alla lombalgia mentre lo zinco era associato positivamente ad essa.

Nel complesso, potrebbero essere necessarie ulteriori ricerche sugli antiossidanti specifici in questo settore.

“Questo studio conclude che le donne che avevano un livello più elevato di assunzione di antiossidanti hanno riportato meno dolori alla parte bassa della schiena. Non è chiaro quale ruolo abbia l’assunzione di antiossidanti sul mal di schiena poiché può derivare da una miriade di cose; tuttavia, è assolutamente vero che una dieta ricca di antiossidanti fa bene alla salute generale. non sorprende che in questo studio gli antiossidanti siano collegati a una riduzione del dolore”.

Ottenere più antiossidanti nella dieta

Sebbene questi risultati sembrino supportare i potenziali benefici degli antiossidanti, lo studio presenta alcune limitazioni.

Innanzitutto, i dati sull’assunzione di cibo si basano sulle autovalutazioni dei partecipanti, il che significa che potrebbero non essere sempre accurati. C’era anche un’autovalutazione relativa ad altri fattori come i livelli di attività fisica. Esiste anche il rischio di bias poiché lo studio era trasversale.

I ricercatori hanno anche riconosciuto che esiste la possibilità di confusione. Inoltre non hanno raccolto dati sugli integratori di manganese.

Indipendentemente da ciò, lo studio indica alcuni possibili benefici derivanti dal consumo di antiossidanti, ma il beneficio potrebbe essere più pronunciato per le donne in questa particolare area.

Incorporare una varietà di alimenti è fondamentale per includere più antiossidanti nella propria dieta. Entrambi zinco E selenio può essere trovato nel pollame e nei frutti di mare.

“Per assicurarti di assumere abbastanza antiossidanti nella tua dieta è importante mangiare un’ampia varietà di prodotti di ogni colore. Mangia l’arcobaleno! I tuoi frutti rossi come pomodori e angurie sono ricchi di licopene, le tue arance e manghi hanno vitamina C, gli agrumi e le cipolle sono ricchi di flavonoidi, le verdure a foglia verde hanno beta carotene, melanzane e frutti di bosco hanno antociani, e l’elenco potrebbe continuare. Ogni frutto e ogni verdura hanno benefici davvero unici per la salute, motivo per cui è così importante inserirne una varietà nella propria giornata.
— Karen Z. Berg, nutrizionista dietista registrata