Home Notizia Mondo Un farmaco sperimentale potrebbe aiutare a prevenire l’invecchiamento e curare l’obesità?

Un farmaco sperimentale potrebbe aiutare a prevenire l’invecchiamento e curare l’obesità?

0
9

Gli scienziati stanno lavorando a nuovi trattamenti per combattere la perdita muscolare e prevenire l’obesità negli esseri umani che invecchiano. Drazen_/Getty Images
  • L’obesità sarcopenica è una condizione che comporta la perdita muscolare legata all’età accompagnata dall’obesità.
  • L’obesità sarcopenica può ridurre la qualità della vita e aumentare il rischio di ricovero e morte di un individuo. C’è anche una mancanza di trattamenti per questa condizione.
  • Un nuovo studio sui topi ha dimostrato che un farmaco chiamato BAM15 può prevenire la perdita di massa e funzione muscolare scheletrica e prevenire l’aumento di peso.
  • Lo studio suggerisce che BAM15 ha raggiunto questo obiettivo riducendo l’infiammazione e migliorando la funzione dei mitocondri, le centrali elettriche delle cellule.

Un recente studio pubblicato nel Diario di cachessia, sarcopenia e muscolo mostra che un farmaco chiamato BAM15 può combattere l’aumento di peso e la perdita muscolare nell’obesità sarcopenica.

Lo studio ha scoperto che BAM15 era efficace nel combattere i deficit associati all’obesità sarcopenica, tra cui un aumento del dispendio energetico, una ridotta infiammazione e una migliore funzione mitocondriale nei topi.

Lo ha detto il coautore dello studio Christopher Axelrod, un ricercatore del Pennington Biomedical Research Center Notizie mediche oggi:

“L’obesità sarcopenica è una malattia debilitante e attualmente non sono disponibili terapie mirate. Questo approccio terapeutico fornisce la prima prova che l’obesità sarcopenica può essere trattata diminuendo l’efficienza della produzione di energia.

Axelrod ha affermato che i risultati dello studio potrebbero essere significativi nella raffinazione/sviluppo di farmaci efficaci e sicuri nell’uomo.

Obesità sarcopenica e funzione mitocondriale

La sarcopenia è una condizione caratterizzata dalla graduale perdita di muscolo scheletrico massa e forza e fa parte del naturale processo di invecchiamento. L’obesità può peggiorare gli effetti della sarcopenia, determinando una maggiore perdita di massa e funzione muscolare.

La sarcopenia associata all’obesità è nota come obesità sarcopenica ed è associata a risultati di salute peggiori rispetto alla sarcopenia e all’obesità da sole. In particolare, l’obesità sarcopenica è associata a un declino molto più rapido della funzione fisica e ad un rischio elevato di malattie cardiovascolari, ospedalizzazione e morte.

L’obesità sarcopenica comporta un calo del dispendio energetico anziché un’eccessiva assunzione di calorie. Pertanto, i trattamenti che potrebbero aumentare il dispendio energetico potrebbero aiutare a combattere l’obesità sarcopenica.

L’obesità e la sarcopenia condividono meccanismi biologici comuni, compreso il funzionamento alterato dei mitocondri nelle cellule muscolari scheletriche. I mitocondri sono organelli nella cellula che sono responsabili della produzione di energia e sono fondamentali per la funzione muscolare.

La generazione di energia nei mitocondri consiste in due processi distinti che sono accoppiati insieme e l’accoppiamento di questi due processi determina l’efficienza della produzione di energia.

Gli studi hanno dimostrato che il disaccoppiamento dei due processi utilizzando farmaci chiamati agenti di disaccoppiamento mitocondriale può risultato nella generazione di calore invece di immagazzinare l’energia in eccesso sotto forma di grasso.

Il di studio gli autori avevano già dimostrato che il BAM15, un agente di disaccoppiamento mitocondriale, potrebbe prevenire l’obesità nei topi giovani mantenuti con una dieta ricca di grassi. Il presente studio mirava a valutare la capacità di BAM15 di contrastare gli effetti dell’obesità sarcopenica nei topi anziani.

Impatto sul peso corporeo e sulla massa muscolare

Per valutare l’impatto di BAM15 sull’obesità sarcopenica, i ricercatori hanno utilizzato topi anziani che sono stati mantenuti su una dieta ricca di grassi e trattati con BAM15 per 10 settimane. Il gruppo di controllo era costituito da animali mantenuti su una dieta ricca di grassi senza BAM15 e ha mostrato un aumento del peso corporeo durante il periodo di studio.

Sebbene gli animali sia nel gruppo di controllo che nel gruppo BAM15 non avessero assunzioni di cibo diverse, gli animali trattati con BAM15 non hanno mostrato un aumento del peso corporeo, a differenza del gruppo di controllo. I topi trattati con BAM15 hanno mostrato livelli di grasso corporeo inferiori rispetto agli animali di controllo, che era probabilmente responsabile dell’assenza di aumento di peso.

I topi trattati con BAM15 avevano anche più massa muscolare e maggiore forza muscolare rispetto agli animali di controllo. Ciò ha suggerito che il disaccoppiamento mitocondriale preservasse la massa e la funzione muscolare.

Inoltre, il trattamento con BAM15 ha comportato livelli di attività fisica e dispendio energetico più elevati.

Meccanismo di azione

I ricercatori hanno quindi valutato l’impatto di BAM15 sui processi biologici alla base dell’obesità sarcopenica.

L’infiammazione cronica di basso grado è a caratteristica sia dell’obesità che dell’invecchiamento e contribuisce alla funzione muscolare e alla perdita di massa.

I ricercatori hanno scoperto che il trattamento con BAM15 ha abbassato i marcatori dell’infiammazione locale nel muscolo scheletrico e dell’infiammazione sistemica.

Allo stesso modo, un declino della funzione mitocondriale e una diminuzione del numero di mitocondri sani sono segni distintivi della perdita muscolare legata all’età. I ricercatori hanno scoperto che BAM15 migliorava la funzione mitocondriale, migliorava la generazione di nuovi mitocondri e facilitava la rimozione dei mitocondri danneggiati.

La perdita muscolare nella sarcopenia legata all’età è anche associata a un aumento della degradazione delle proteine ​​e all’accumulo di proteine ​​mal ripiegate.

Le proteine ​​sono composte da una o più catene di amminoacidi che sono piegate in una forma specifica. Proteine ​​mal ripiegate tendono ad aggregarsi insieme, portando allo stress cellulare e, di conseguenza, alla morte cellulare. L’accumulo di proteine ​​mal ripiegate si osserva nei muscoli scheletrici durante l’invecchiamento e l’obesità, portando alla degradazione muscolare.

I ricercatori hanno scoperto che il trattamento con BAM15 nei topi anziani ha ridotto l’espressione dei marcatori associati al ripiegamento e alla degradazione delle proteine, allo stress cellulare e alla morte cellulare nel tessuto muscolare scheletrico.

Lo ha detto il coautore dello studio, il dottor John Kirwan, direttore esecutivo del Pennington Biomedical Research Center MNT:

“Lo studio fornisce la prima prova che il BAM15, un disaccoppiatore mitocondriale, previene l’obesità sarcopenica o la perdita muscolare legata all’età accompagnata da un aumento del tessuto adiposo. La ricerca è stata condotta su topi più anziani (equivalente all’età di 65 anni negli esseri umani).”

Il dottor Kirwan ha affermato che saranno necessarie ulteriori ricerche per determinare se il trattamento sarà efficace negli esseri umani.

“[T]I risultati hanno importanti implicazioni per il miglioramento della qualità della vita degli anziani, in particolare per il numero in rapida crescita di persone con obesità. Prevenire, ritardare o invertire le cause e le conseguenze dell’obesità sarcopenica può consentire alle persone di vivere una vita più lunga e più sana”.
⁠— Dr. John Kirwan, coautore dello studio

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here