mano di un operatore sanitario nero che tiene in mano una confezione di farmaci di colore azzurro
Il ponesimod, farmaco per la SM, potrebbe aiutare a curare la malattia di Alzheimer? Credito immagine: alvarez/Getty Images.
  • Milioni di persone in tutto il mondo soffrono della malattia di Alzheimer, per la quale attualmente non esiste una cura.
  • Gran parte della ricerca si è concentrata su nuove terapie per questa condizione.
  • In uno studio su cellule cerebrali umane e modelli murini di Alzheimer, gli scienziati del College of Medicine dell’Università del Kentucky hanno scoperto che un farmaco usato per trattare la sclerosi multipla potrebbe essere usato anche come terapia per la malattia di Alzheimer.

Milioni di persone in tutto il mondo soffrono del morbo di Alzheimer, una forma di demenza che colpisce la memoria e la cognizione.

Con attualmente senza cura per questa condizione, i ricercatori stimano che il numero di persone a livello globale che soffrono di Alzheimer quasi raddoppierà ogni 20 anni.

Per questo motivo, gli scienziati si sono concentrati molto sulla scoperta di nuovi opzioni di trattamento per la malattia di Alzheimer.

A questa ricerca si aggiunge un nuovo studio condotto da scienziati del College of Medicine dell’Università del Kentucky, che hanno scoperto che un farmaco usato per trattare la sclerosi multipla (SM) potrebbe essere usato anche come terapia per il morbo di Alzheimer.

Questa scoperta si basa sulla ricerca sia su modelli murini che su cellule cerebrali umane.

Lo studio è recentemente apparso sulla rivista eBioMedicinaparte di La scienza della scoperta di Lancet.

Qual è il legame tra SM e Alzheimer?

Sia la SM che il morbo di Alzheimer sono condizioni che colpiscono il sistema nervoso centrale, che comprende il cervello.

Nel caso della SM, il sistema immunitario attacca erroneamente il sistema nervoso centrale, causando infiammazione. Questa infiammazione colpisce fibre nervoserendendo difficile per i messaggi elettrici provenienti dal cervello raggiungere altre aree del corpo.

I principali sintomi della SM comprendono debolezza muscolare, intorpidimento del viso e degli arti e problemi di mobilità. Tuttavia, anche le persone con SM potrebbero sperimentarla decadimento cognitivo sintomi simili a quelli associati alla malattia di Alzheimer, tra cui perdita di memoria, difficoltà di apprendimento e difficoltà nel multitasking.

Sebbene gli scienziati non siano ancora chiari su cosa causi esattamente la malattia di Alzheimer, ricerche precedenti mostrano che l’infiammazione all’interno del cervello può danneggiare i neuroni e le cellule cerebrali, portando alla condizione.

Mentre i principali sintomi dell’Alzheimer includono perdita di memoria e deficit cognitivi, anche una persona affetta dalla malattia può sperimentarli problemi di mobilità simili a quelli della SM, compresi problemi di equilibrio e coordinazione. Con l’avanzare della malattia, le persone affette da malattia di Alzheimer possono perdere la capacità di stare in piedi, camminare e mangiare.

Uno studio del giugno 2023 ha rilevato che le persone con SM corrono un rischio maggiore di sviluppare qualsiasi tipo di demenza, incluso il morbo di Alzheimer, per il quale hanno riscontrato che il rischio è doppio.

Un altro studio pubblicato anch’esso nel giugno 2023 ha presentato prove dell’esistenza della SM e del morbo di Alzheimer sono collegati condividendo un fattore ambientale comune, come un’infezione virale, e la perdita del guaine mieliniche che proteggono le fibre nervose, noto come demielinizzazione.

Cos’è il ponesimod?

Per questo studio, i ricercatori si sono concentrati su un farmaco chiamato ponesimod – con il marchio Ponvory – cioè approvato dalla Food and Drug Administration (FDA) per il trattamento della SM.

“Ponesimod inibisce una specifica via di segnalazione cellulare che induce neuroinfiammazione nella sclerosi multipla”, ha spiegato il dottor Erhard Bieberich, professore presso il Dipartimento di Fisiologia presso l’Università del Kentucky College of Medicine e autore principale di questo studio. Notizie mediche oggi. “Abbiamo pensato che ponesimod avrebbe anche inibito la neuroinfiammazione nella malattia di Alzheimer.

Il dottor Bieberich e il suo team hanno preso di mira un tipo specifico di cellula trovata nel sistema nervoso centrale chiamata microglia.

Una delle tante funzioni della microglia include la regolazione delle risposte infiammatorie nel sistema nervoso centrale. Secondo i ricercatori, microglia disfunzionale sono stati collegati a malattie neurodegenerativecome l’Alzheimer.

“Le microglia neuroinfiammatorie non vengono rimosse amiloide. A sua volta, l’amiloide si accumula e danneggia i neuroni nella malattia di Alzheimer. La riprogrammazione delle microglia con ponesimod ripristina la loro funzione di eliminazione e riduce l’amiloide, prevenendo quindi il danno neuronale nella malattia di Alzheimer.

– Dott. Erhard Bieberich

Ponesimod si mostra promettente nei modelli murini di Alzheimer

Per testare la loro ipotesi sul ponesimod, il dottor Bieberich e il suo team hanno utilizzato un modello murino della malattia di Alzheimer. I topi avevano ceppi genetici specifici che esprimevano le principali caratteristiche dell’Alzheimer nel loro cervello.

La metà dei topi è stata trattata con ponesimod. Gli scienziati hanno misurato l’attività cellulare specifica nel loro cervello e l’hanno anche testata memoria spaziale attraverso un test di comportamento nel labirinto.

Dopo l’analisi, i ricercatori hanno scoperto che i topi trattati con ponesimod avevano una capacità di attenzione e una memoria di lavoro migliori rispetto ai topi non trattati.

Inoltre, gli scienziati hanno testato la loro teoria su campioni di cervello umano, scoprendo che i dati raccolti da entrambi i test erano coerenti e hanno dimostrato che il ponesimod potrebbe essere usato come terapia per l’Alzheimer.

“Abbiamo scoperto che ponesimod si riduce placche amiloidi nelle aree del cervello responsabili dell’attenzione e della memoria”, ha spiegato il dottor Bieberich. “Il test di queste funzioni ha confermato che anche la cognizione è migliorata. Tuttavia, non vi è mai certezza che la riduzione dell’amiloide porti a un miglioramento delle capacità cognitive a meno che ciò non sia dimostrato da test appropriati”.

“I farmaci che prevengono o riducono la neuroinfiammazione funzionano meglio se somministrati nelle fasi iniziali del processo patologico”, ha continuato. “Nei nostri prossimi esperimenti definiremo il momento ottimale per prevenire la malattia di Alzheimer con ponesimod. In [the] In futuro, speriamo di contribuire agli studi clinici che testano i benefici del ponesimod nella terapia del morbo di Alzheimer”.

Radicato nell’infiammazione e nella disfunzione immunitaria

MNT ha anche parlato di questo studio con il dottor Santosh Kesari, neurologo del Providence Saint John’s Health Center di Santa Monica, California, e direttore medico regionale del Research Clinical Institute of Providence Southern California.

“Penso che questo sia entusiasmante poiché sta diventando sempre più chiaro che l’Alzheimer e altre condizioni neurodegenerative sono realmente radicati nell’infiammazione e nella disfunzione immunitaria nel cervello come causa della malattia o che ne promuove i sintomi”, ha detto quando gli è stato chiesto del suo primo reazione ai risultati dello studio.

“Questo studio lo conferma ancora di più [identifying] una potenziale opportunità di trattamento per affrontare l’infiammazione anomala che causa l’Alzheimer e altre malattie”, ha aggiunto il dottor Kesari.

“Oltre alla sclerosi multipla, anche l’Alzheimer, il Parkinson, la SLA e altre malattie neurodegenerative possono avere l’infiammazione come componente chiave del danno al cervello”, ha continuato.

“E quindi possiamo imparare molto dalla sclerosi multipla e dai farmaci che vengono utilizzati per controllare l’infiammazione in tale patologia e orientarli all’uso nel contesto di altre malattie in cui l’infiammazione potrebbe non essere così grave come la sclerosi multipla, ma comunque rilevante nel causare alcuni dei sintomi della malattia”, ha affermato il dottor Kesari.