Tre muoiono per protesta contro la nuova legge sulla cittadinanza in India

0
94

NUOVA DELHI / BENGALURU – Tre persone sono morte per le ferite riportate nell'intensificare le proteste contro una nuova legge sulla cittadinanza in India giovedì, con migliaia di persone che sono scese in piazza a livello nazionale sfidando i divieti temporanei nelle riunioni pubbliche.

Alcuni manifestanti si sono scontrati con la polizia per la legge, approvata dal governo nazionalista indù del Primo Ministro Narendra Modi, che i critici sostengono sia discriminatoria nei confronti dei musulmani e mina la costituzione secolare dell'India.

La polizia ha arrestato centinaia di persone nella capitale Delhi e nella città meridionale di Bengaluru e ha chiuso Internet in alcuni distretti per prevenire grandi proteste pianificate.

Studenti universitari, accademici, gruppi minoritari musulmani e partiti dell'opposizione sono stati protagonisti di una crescente serie di proteste di strada nella loro seconda settimana.

Il governo afferma che la legge sulla modifica della cittadinanza è necessaria per aiutare le minoranze non musulmane provenienti da Afghanistan, Bangladesh e Pakistan che sono venute in India prima del 2015, concedendo loro la nazionalità indiana.

Due delle morti di giovedì sono avvenute nella città meridionale di Mangaluru e una a Lucknow, nel nord dell'India, secondo i funzionari dell'ospedale. Due dei manifestanti morti – uno a Mangaluru e uno a Lucknow – sono stati uccisi, hanno detto.

Un coprifuoco è stato imposto in seguito in alcune parti di Mangaluru.

I servizi di Internet e di messaggistica sono stati sospesi per quattro ore dall'ordine del governo in alcune parti di Delhi, hanno affermato i gestori di telefonia mobile, ampliando un blocco delle comunicazioni nelle aree di riposo che vanno dal contestato Kashmir a nord-est.

Nella capitale finanziaria Mumbai, oltre 5.000 manifestanti si sono radunati giovedì sera, costringendo la polizia a imporre restrizioni al traffico.

Haroon Patel, un cittadino indiano che vive a Londra, si è unito alla manifestazione di Mumbai e ha definito la nuova legge il primo passo verso la dittatura, aggiungendo: "Dobbiamo salvare il Paese".

I sostenitori del disegno di legge hanno tenuto una contro-dimostrazione nel Gujarat, lo stato di origine di Modi nell'India occidentale.

"Le linee di faglia sono definite – o si sostiene la legge o si oppone (essa) … Gli indiani devono decidere e protestare", ha detto Rupak Doshi, che ha organizzato una grande manifestazione a sostegno della legge nella città principale di Gujarat Ahmedabad.

PROTESTE VIOLENTI

La maggior parte delle proteste in tutto il paese è scoppiata pacificamente, ma alcune sono diventate violente, anche a Mangaluru, dove la polizia ha respinto le bande di massacranti che ignoravano il divieto temporaneo di riunioni pubbliche, ha detto un funzionario del governo.

Un testimone di Reuters ha detto che la polizia ha sparato in aria in almeno tre aree e ha lanciato gas lacrimogeni per disperdere i manifestanti.

A Lucknow, tre manifestanti sono stati ricoverati in ospedale con ferite da arma da fuoco e uno in seguito è morto, ha detto un funzionario della King George Medical University.

I manifestanti gridano slogan durante una protesta contro una nuova legge sulla cittadinanza, ad Ahmedabad, in India, il 19 dicembre 2019. REUTERS / Amit Dave

I mob arrabbiati a Lucknow hanno dato fuoco a dozzine di motociclette e automobili, quattro furgoni di trasmissione multimediale e tre autobus, ha detto la polizia.

"Alla gente è permesso protestare, ma a nessuno è permesso infrangere la legge", ha dichiarato Yogi Adityanath, un leader senior del partito di Modi e capo del governo dello stato dell'Uttar Pradesh.

Nello stato orientale del Bihar, un alto funzionario di polizia ha affermato che oltre 200 manifestanti detenuti in un campus di polizia a Patna stavano cantando slogan contro la legge, ma non sarebbero stati messi a tacere con la forza.

VOLI CANCELLATI

Dozzine di voli aerei da Delhi sono stati cancellati a causa della mancanza di personale trattenuta dalle interruzioni del traffico causate dai manifestanti e alcune stazioni della metropolitana di Delhi sono state chiuse.

Un alto funzionario del ministero degli Interni ha affermato che il mantenimento dell'ordine pubblico era una responsabilità dello stato, ma le forze di riserva erano pronte a fornire assistenza immediata.

Il gruppo per i diritti umani Amnesty International ha chiesto ai governi federali e statali di fermare la repressione delle proteste pacifiche contro quella che ha definito una legge "discriminatoria" sulla cittadinanza.

Sfidando i divieti, i manifestanti hanno organizzato manifestazioni nello storico Forte Rosso di Delhi e in un municipio di Bangalore, ma la polizia ha radunato le persone all'avanguardia di quelle manifestazioni mentre cercavano di iniziare.

A Bengaluru, Ramchandra Guha, rispettato storico e intellettuale, è stato portato via dalla polizia insieme a diversi altri professori, secondo un aiutante. "Sto protestando non violentemente, ma guarda, ci stanno fermando", ha detto Guha.

La polizia ha dichiarato di aver arrestato circa 200 persone in città, dove gli organizzatori della protesta hanno riferito che migliaia hanno partecipato a quattro manifestazioni giovedì.

Gli oppositori della legge affermano che l'esclusione dei musulmani tradisce un radicale pregiudizio nei confronti della comunità, che costituisce il 14% della popolazione indiana, e che la legge è l'ultima mossa del partito Bharatiya Janata al potere per emarginarli.

Il malcontento per il governo di Modi è scoppiato allo scoperto dopo una serie di mosse viste come avanzamento di un'agenda indù in un paese che ha celebrato a lungo la sua diversità e la sua costituzione secolare.