Scontri mentre la polizia tenta di liberare i manifestanti di Hong Kong dopo che gli Uiguri sostengono la manifestazione

0
57

HONG KONG – La polizia antisommossa di Hong Kong ha spruzzato i manifestanti per disperdere la folla nel cuore del distretto finanziario della città domenica dopo una manifestazione in gran parte pacifica a sostegno dell'etnia uigura cinese diventata caotica.

La polizia arresta un manifestante di Hong Kong dopo che una bandiera cinese è stata rimossa da un palo di bandiera in occasione di una manifestazione a sostegno dei diritti umani degli Uiguri dello Xinjiang a Hong Kong, Cina, 22 dicembre 2019. REUTERS / Lucy Nicholson

Dozzine di poliziotti hanno marciato attraverso una piazza pubblica sul porto di Hong Kong per affrontare i manifestanti che hanno lanciato bottiglie di vetro e pietre contro di loro.

All'inizio del pomeriggio più di 1.000 persone si erano radunate con calma, sventolando bandiere e manifesti uiguri, mentre prendevano parte all'ultima manifestazione in oltre sei mesi di disordini.

Una folla mista di giovani e anziani, vestita di nero e indossando maschere per proteggere le loro identità, sollevò cartelli con la scritta "Uiguri liberi, Hong Kong libera" e "Falso" autonomia "in Cina si traduce in un genocidio".

La protesta arriva dopo che il centrocampista Mesut Ozil della squadra di calcio inglese Arsenal ha provocato furore in Cina dopo aver criticato le politiche del paese nei confronti della minoranza etnica musulmana nella regione nord-occidentale del Xinjiang.

Ozil, un musulmano tedesco di origine turca, ha twittato che gli uiguri erano "guerrieri che resistono alle persecuzioni" e ha criticato sia la mano forte della Cina nello Xinjiang sia il relativo silenzio dei musulmani in risposta.

"Penso che la libertà e l'indipendenza di base dovrebbero esistere per tutte le persone, non solo per Hong Kong", ha detto una donna di 41 anni soprannominata Wong che ha partecipato alla protesta con suo marito.

Esperti e attivisti delle Nazioni Unite affermano che almeno 1 milione di uiguri e membri di altri gruppi minoritari in gran parte musulmani sono stati arrestati nei campi dello Xinjiang dal 2017 nell'ambito di una campagna che è stata condannata dagli Stati Uniti e da altri paesi.

Pechino afferma che sta fornendo formazione professionale per aiutare a sradicare il separatismo e insegnare nuove abilità. Nega qualsiasi maltrattamento di uiguri.

Le proteste a Hong Kong sono ormai al settimo mese, anche se in una relativa pausa di fine anno. Molti residenti sono arrabbiati per ciò che vedono come l'ingerenza cinese nelle libertà promesse all'ex colonia britannica quando tornò al dominio cinese nel 1997.

La Cina nega di interferire e afferma di essere impegnata nella formula "un paese, due sistemi" messa in atto in quel momento e ha incolpato le forze straniere di fomentare disordini.

Sabato scorso, la polizia antisommossa di Hong Kong si è riversata in diversi centri commerciali, inseguendo e arrestando i manifestanti premendo le loro richieste nel picco dello shopping nel fine settimana prima di Natale.

Il duro giro di vite della polizia sulle manifestazioni e l'uso frequente dei gas lacrimogeni ha fatto infuriare molti manifestanti, le cui richieste includono la piena democrazia e un'indagine indipendente sulla percezione della brutalità della polizia.

Le proteste, iniziate a giugno, hanno spinto l'economia di Hong Kong in recessione. I rivenditori e le imprese sono stati colpiti duramente dal momento che i turisti stanno lontani dalle interruzioni del trasporto.

Il segretario finanziario della città Paul Chan, nel suo blog di domenica, ha dichiarato che potrebbe esserci un'ondata di chiusure di imprese nel nuovo anno se le condizioni del mercato non miglioreranno.

"Molte aziende ora stanno serrando i denti e stanno lottando per mantenere i propri affari", ha detto, aggiungendo che sperava che la violenza si fermasse.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here