Home Notizia Mondo Salute mentale degli adolescenti nella pandemia: i dati del CDC “risuonano un...

Salute mentale degli adolescenti nella pandemia: i dati del CDC “risuonano un grido di aiuto”

0
11

Nuovi dati dal CDC illuminano l’effetto della pandemia sulla salute mentale degli adolescenti. Sofia Guarisco/EyeEm/Getty Images
  • Anche prima della pandemia di COVID-19, il benessere mentale degli adolescenti era in declino.
  • Nuovi dati dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC) descrivono le pressioni provocate dal COVID-19 che rendono la vita di un adolescente ancora più difficile, compreso lo stress di tutta la famiglia.
  • Le interruzioni hanno influenzato le capacità delle scuole di fornire agli adolescenti sentimenti di connessione.

Anche prima dell’arrivo del COVID-19, nel 2019, una media di quasi 36,7% degli studenti delle scuole superiori ha riferito persistenti sentimenti di tristezza o disperazione, secondo il CDC. Per le ragazze, il numero era più alto, 46,6%.

Nel caso di adolescenti lesbiche, gay o bisessuali, il numero sale al 66,3%. La media complessiva rappresenta a Aumento del 40%. in tali sentimenti negli ultimi 10 anni.

Nuovi dati CDC pubblicati alla fine di marzo 2022 rivelano che la salute mentale degli adolescenti era ulteriormente peggiorata durante la pandemia. Più di un terzo (37%) degli studenti delle scuole superiori ha dichiarato di aver sperimentato una cattiva salute mentale.

Il nuovi dati proviene da un’indagine di gennaio-giugno 2021 su studenti in età scolare a cui è stato chiesto di descrivere i loro comportamenti ed esperienze durante la pandemia di COVID-19.

La percentuale di adolescenti che riferiscono sentimenti di tristezza e disperazione è salita al 44,2%.

La dott.ssa Lisa Coyne, consulente clinico senior presso il Child and Adolescent OCD Institute presso il Maclean Hospital di Belmont, MA, parla di questa fase critica dello sviluppo nel podcast del Maclean Hospital.

“Sono in questo periodo di sviluppo in cui cercheranno autonomia e indipendenza, e anche questa a volte è una cosa spaventosa. In aggiunta a questo, tutto il loro mondo […], tutti i nostri mondi sono stati gettati nel caos, ma soprattutto per loro, hanno una storia su come dovrebbero essere gli anni dell’adolescenza. Quella storia viene riscritta in tempo reale”.

Durante il periodo coperto dal sondaggio CDC, il 19,9% ha riferito di aver seriamente considerato di tentare il suicidio. Il nove per cento ha riferito di averlo tentato.

Vicedirettore principale ad interim del CDC Dott.ssa Debra Houryriassume:

“Questi dati fanno eco a una richiesta di aiuto. La pandemia di COVID-19 ha creato fattori di stress traumatici che hanno il potenziale per erodere ulteriormente il benessere mentale degli studenti. La nostra ricerca mostra che circondare i giovani con il supporto adeguato può invertire queste tendenze e aiutare i nostri giovani ora e in futuro”.

– Il dottor Orario

Perdita della sensazione di sicurezza in casa

L’indagine rileva un maggiore livello di ansia a casa per tutti i membri della famiglia. Il 29% ha riferito che un genitore o un altro adulto in casa ha perso il lavoro.

Il 55% dei partecipanti al sondaggio ha riferito di aver subito abusi emotivi da parte di un genitore o di un altro adulto a casa.

L’11% degli adolescenti ha riportato abusi fisici da parte di un genitore o di altri adulti in casa, inclusi colpi, calci, percosse o altri attacchi fisici.

Il razzismo in aumento

Più di un terzo (36%) degli adolescenti ha riferito di essersi confrontato con comportamenti razzisti prima o durante la pandemia di COVID-19.

Sebbene il sondaggio non riporti i tipi di esperienza incontrati, il 64% degli adolescenti asiatici ha affermato di aver incontrato razzismo, così come il 55% degli adolescenti neri e il 54% degli adolescenti multirazziali.

“La percezione del razzismo da parte degli studenti era associata a una cattiva salute mentale; difficoltà a concentrarsi, ricordare o prendere decisioni; e una mancanza di connessione con le persone a scuola durante la pandemia di COVID-19″, osserva il rapporto del CDC.

Il ruolo importante delle scuole

“La connessione scolastica è una chiave per affrontare le avversità dei giovani in ogni momento, specialmente durante i periodi di gravi interruzioni”, afferma la dott.ssa Kathleen A. Ethier, direttrice della Divisione di salute degli adolescenti e delle scuole del CDC.

Il sondaggio ha rilevato che quando gli adolescenti si sentivano in contatto con altri studenti e adulti nella loro scuola, era meno probabile che riferissero di sentirsi tristi o senza speranza: 35% contro 53%. Avevano anche meno probabilità di aver preso in considerazione il suicidio, dal 14% contro il 26%, o di averlo tentato, dal 6% al 12%.

Meno della metà, il 47%, degli studenti ha riferito di sentirsi vicino agli altri a scuola.

Normalmente, le scuole forniscono salute mentale, salute fisica e servizi sociali, nonché opportunità di rinforzo positivo attraverso il rendimento scolastico. Durante la pandemia, tuttavia, anche le scuole hanno subito interruzioni, comprese chiusure, carenza di personale e dimissioni e problemi di sicurezza.

Dice il dottor Ethier, “Gli studenti hanno bisogno del nostro supporto ora più che mai, sia assicurandosi che le loro scuole siano inclusive e sicure o offrendo opportunità per impegnarsi nelle loro comunità e farsi guidare da adulti che li supportano”.

Lavorare insieme con gentilezza

I CDC Dott. Jonathan Mermin rileva il valore degli sforzi concertati tra tutti gli adulti:

“Di fronte alle avversità, il sostegno di scuole, famiglie e comunità protegge gli adolescenti da conseguenze potenzialmente devastanti”.

La dott.ssa Archana Basu, ricercatrice presso la Harvard TH Chan School of Public Health, parlando al podcast Center on the Developing Child dell’Università di Harvard, osserva anche:

“[O]la comunicazione con la penna aiuta davvero a capire ciò che i bambini stanno osservando e sperimentando e può aiutarli a non essere soli nelle loro preoccupazioni. Direi che sarebbe l’obiettivo numero uno, aiutare i bambini a riconoscere ciò che stanno provando, convalidare quelle emozioni e far loro sentire che non sono soli in questa esperienza”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here