Russia, Ucraina, UE concordano "in linea di principio" il nuovo accordo sul gas: funzionario dell'UE

0
71

MOSCA – La Russia, l'Ucraina e la Commissione europea, dopo lunghe discussioni di giovedì, hanno concordato in linea di principio un nuovo accordo sul gas a partire dal 1 ° gennaio 2020, ha dichiarato il vicepresidente della Commissione europea Maros Sefcovic in una riunione.

Il vicepresidente della Commissione europea Maros Sefcovic, il ministro russo dell'energia, Alexander Novak, il ministro ucraino dell'Energia e della protezione ambientale, Oleksiy Orzhel, partecipano a una conferenza stampa dopo i colloqui trilaterali sul gas tra UE, Russia e Ucraina a Berlino, Germania, 19 dicembre 2019. REUTERS / Annegret Hilse

L'Ucraina è una via di transito chiave per le esportazioni russe di gas in Europa. L'attuale accordo tra i due paesi post-sovietici scade alla fine dell'anno.

"Dopo questi colloqui molto intensi sono molto felice di dire che abbiamo raggiunto un accordo in linea di principio su tutti gli elementi chiave che ritengo sia una notizia molto positiva per l'Europa, per la Russia e l'Ucraina", ha affermato Sefcovic.

Sefcovic, il ministro dell'energia ucraino, Oleksiy Orzhel, e il ministro russo per l'energia Alexander Novak si sono incontrati a Berlino giovedì. Non hanno fornito dettagli.

Gazprom ha dichiarato in una dichiarazione che Mosca e Kiev si incontreranno venerdì nella capitale bielorussa di Minsk per continuare i colloqui.

Orzhel, parlando allo stesso briefing, ha detto che sperava di raggiungere presto "risultati positivi per tutte le parti". Novak, elogiando l'intermediazione della Germania nell'accordo, ha affermato che "tutti abbiamo fatto un buon lavoro".

All'inizio di quest'anno, il cancelliere tedesco Angela Merkel ha nominato Georg Graf Waldersee un inviato speciale della Germania per rappresentare gli interessi di Berlino nei colloqui sul gas.

Russia e Germania sono alleate del gasdotto Nord Stream 2, che sarà lanciato il prossimo anno. Raddoppierebbe le forniture di gas russo alla Germania attraverso la rotta che corre sotto il Mar Baltico, noto come Nord Stream 1.

INCONTRO DOPO LE PAROLE DELLA NORMANDIA

Russia, Ucraina e funzionari della Commissione europea si sono incontrati 10 giorni dopo i cosiddetti colloqui in Normandia a Parigi il 9 dicembre, cui hanno partecipato presidenti di Russia, Ucraina, Francia e Germania.

Il russo Vladimir Putin e l'Ucraina Volodymyr Zelenskiy, nel loro primo incontro faccia a faccia, hanno discusso dello scambio di prigionieri, un rinnovato impegno per attuare un accordo di cessate il fuoco esistente nella regione del Donbass e gas dell'Ucraina orientale.

Mosca sta attualmente costruendo due gasdotti, Nord Stream 2 e TurkStream. L'estensione di quest'ultima all'Europa sud-orientale è volta a bypassare l'Ucraina.

Giovedì, durante la sua conferenza stampa annuale, Putin ha dichiarato che Mosca ha pianificato di mantenere il transito di gas attraverso l'Ucraina, indipendentemente dai nuovi gasdotti che la Russia costruisce, nel segno di una posizione più morbida nei confronti dell'ex vicino sovietico, da cui Mosca ha annesso la penisola di Crimea nel 2014.

"Cercheremo una soluzione accettabile per tutte le parti, compresa l'Ucraina", ha detto Putin, aggiungendo che la Russia sarebbe pronta a concedere a Kiev uno sconto del 20-25% per gli acquisti di gas.

"Sono fiducioso che raggiungeremo un accordo … Non abbiamo alcun desiderio di aggravare la situazione … o usarlo per influenzare la situazione in Ucraina stessa".

L'Ucraina ha sospeso le proprie importazioni dirette di gas russo nel novembre 2015.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here