Recensione del libro: "Pechino a Parigi" di Dina Bennett

0
70

Immagina di partecipare a un raduno automatico. Un rally non è una corsa tipica, ma è una guida da un punto all'altro, con posizioni di partenza e di arresto specificate, in cui dovresti arrivare entro un certo intervallo di tempo. C'era un film chiamato "Gumball Rally", dove guidavano da costa a costa negli Stati Uniti, per esempio. Ma il tuo raduno è un po 'diverso. In questo raduno tu:

Partenza da Pechino (precedentemente chiamato Pechino). Come ci si arriva è il tuo problema.

Guidare verso nord attraverso il deserto del Gobi in Mongolia. Non così grandi strade nel deserto del Gobi.

Croce Mongolia. Questo è principalmente un paese deserto ed è davvero molto grande. Potrebbe volerci una settimana solo per attraversare la Mongolia. Le strade possono esistere sulle mappe, ma forse non così tanto sul terreno.

Entra in Siberia, che è un vero e proprio giardino dopo il deserto del Gobi e la Mongolia.

Attraversa la Siberia e acquisisci familiarità con l'approccio russo alla riparazione delle buche, che sembra consistere nel rendere ancora più grandi le buche giganti. Oh, a proposito, parli russo?

Attraversa la Russia europea, fino a San Pietroburgo. Sai che la Russia ha 11 fusi orari? Fortunatamente, non è necessario guidarli tutti. Sfortunatamente, hanno alcuni posti di blocco interni della polizia, dove abbondano le opportunità di corruzione.

Quindi attraversi il confine con l'Estonia, dove puoi gustare la libertà nell'aria.

Attraversa gli Stati baltici, la Polonia, la Germania ed entra in Francia.

Finalmente raggiungi la fine del tuo viaggio in Place Vendome a Parigi.

Roba fantastica, vero? Oh, ho lasciato fuori un dettaglio minore. Questa manifestazione, da Pechino a Parigi, richiede di guidare automobili antiche, il più vicino possibile alla loro configurazione originale. La tua automobile è una La Salle del 1940. GM ha smesso di produrli nel 1940. Se hai guardato la vecchia serie TV, "All in the Family", potresti ricordare che Archie ed Edith hanno iniziato lo spettacolo con la canzone "Those Were the Days". il vecchio LaSalle ha funzionato alla grande ”. Anche LaSalle funziona alla grande, su pavimentazione piana. (Maggiori informazioni su LaSalle qui.)

Dina Bennett, una donna americana, e suo marito francese, Bernard, vivono in Colorado e hanno deciso di fare questo raduno, nonostante la tendenza di Dina verso il mal d'auto. Bernard è molto capace meccanicamente, il che è stato cruciale per il loro successo se non la sopravvivenza. Dina è iper e Bernard è preternaturalmente calmo. Funziona per loro.

Quando leggi "Pechino a Parigi" di Dina Bennett, imparerai molto. Molto sulla Cina, il bruciore dell'inquinamento atmosferico a Pechino che fa nauseare quasi tutti. Molto sulla Mongolia, che è ancora molto primitiva e molto disabitata. Dina è di estrazione russa (ebraica), con i suoi antenati fuggiti per evitare pogrom nei primi anni del 1900, quindi ha un'affinità con la Russia e conosce alcune delle espressioni educate in russo. Quindi imparerai molto su cosa significa guidare una macchina davvero vecchia in Russia.

Imparerai più di quanto avresti mai pensato che ti sarebbe piaciuto sapere sugli ammortizzatori e su un oscuro pezzo di metallo chiamato molla a balestra. Hai bisogno di ammortizzatori; Bernard dovette ricollegarli una mezza dozzina di volte. Ma hai davvero bisogno di una molla a balestra, anche se devo ammettere di non aver sentito il termine prima. È una parte davvero importante delle sospensioni dell'auto e senza di essa l'auto non può decidere da che parte andare. Ma ovviamente quello che stai davvero imparando è come influenza Bernard e Dina quando colpiscono questi vari problemi meccanici. Bernard sta risolvendo più cose di chiunque, ma una molla a balestra è un lavoro per professionisti. Parte del loro tempo in Russia, la loro auto, soprannominata "Roxanne", cavalca sul retro di un camion.

Un sacco di interesse umano per gli altri rally. Hanno iniziato con 134 auto e forse il 75% di loro è arrivato al traguardo. Alcuni hanno viaggiato nel lusso relativo e alcuni non hanno portato abbastanza, in particolare gli strumenti. C'è una bella storia su come ordinare un pasto in un ristorante siberiano usando nient'altro che sorrisi e gesti, e una storia davvero interessante sul passaggio del confine dalla Russia all'Estonia, dove conoscere alcune delle frasi educate e sapere come pronunciare numeri in russo erano le chiavi riuscire.

Questo libro è stato una gioia leggere e mescolare personale e viaggiare molto bene. L'unica lamentela che ho è che non ha una mappa che mostra il percorso. Ma la mappa dovrebbe essere piuttosto grande.

Dina e Bernard sono stati morsi dall'insetto del viaggio in auto e questo viaggio è stata solo la loro prima grande avventura automobilistica. Spero ci sia un altro libro o due nelle opere.

Dichiarazione di non responsabilità: una copia gratuita di questo libro è stata consegnata al volontario con l'aspettativa che ne sarebbe stata scritta una recensione corretta e onesta.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here