Home Notizia Mondo Rapporti imprecisi nascondono l’impatto del COVID-19 sulle popolazioni vulnerabili

Rapporti imprecisi nascondono l’impatto del COVID-19 sulle popolazioni vulnerabili

0
16

Una recente analisi dà un nuovo sguardo al bilancio delle vittime di COVID-19. Judith Haeusler/Getty Images
  • Il conteggio ufficiale della mortalità per COVID-19 negli Stati Uniti ha superato 660.000, ma le imprecisioni nei rapporti sulle cause dei decessi nascondono il vero impatto della pandemia.
  • I ricercatori della Boston University e dell’Università della Pennsylvania hanno recentemente esplorato i fattori sanitari a livello di contea che hanno spiegato perché il 20% dei decessi in eccesso nel 2020 era dovuto a COVID-19.
  • Il loro studio ha scoperto che la maggior parte di queste morti in eccesso si è verificata in aree colpite da ingiustizie razziali e sociali.

Uno studio recente suggerisce che le autorità non hanno tenuto conto dei decessi in eccesso nel bilancio delle vittime di COVID-19 nel 2020. Gli autori definiscono “decessi in eccesso” come il numero di decessi oltre quello previsto rispetto alla media nello stesso periodo dell’anno nel corso del precedenti 5 anni.

Hanno individuato diversi fattori sanitari e socioeconomici coinvolti in decessi in eccesso non attribuiti a COVID-19.

Il dottor Andrew Stokes, Ph.D., professore di salute globale presso la Boston University School of Public Health (BUSPH), ha condotto il recente studio. Lui e il suo team hanno ora pubblicato le loro scoperte in Rete JAMA aperta.

Tieniti informato con aggiornamenti in tempo reale sull’attuale epidemia di COVID-19 e visita il nostro hub di coronavirus per ulteriori consigli su prevenzione e trattamento.

Onere sproporzionato

In uno studio precedente, i ricercatori hanno dimostrato che COVID-19 ha contribuito direttamente o indirettamente a 1 su 5 decessi in eccesso negli Stati Uniti nel 2020. Questa cifra varia in base alla contea.

Hanno rivelato che era probabile che mancassero più morti in eccesso dai certificati di morte nelle contee con indici socioeconomici e sanitari peggiori. Lo hanno fatto confrontando i decessi mancanti di COVID-19 nel 25% più alto delle contee rispetto al 25% più basso delle contee.

Ad esempio, era probabile che il 24% dei decessi mancasse nelle contee con i più alti tassi di diabete (quartile più alto) rispetto al 9% nelle contee con i tassi più bassi di diabete (quartile più basso).

I ricercatori hanno anche scoperto che i decessi mancanti per COVID-19 erano più alti nelle contee con percentuali più elevate di popolazioni nere non ispaniche (23% contro 14%) e popolazioni ispaniche (18% contro 9%).

Il dottor David Williams, Ph.D., è Florence Sprague Norman e Laura Smart Norman Professor of Public Health presso la Harvard TH Chan School of Public Health e professore di studi africani e afroamericani presso la Harvard Faculty of Arts & Sciences.

Durante un podcast con The Brain Architects, il Dr. Williams ha spiegato:

“Stiamo vedendo in più stati [that] più della metà di tutti i decessi per coronavirus sono afroamericani e, praticamente in ogni stato, la percentuale di decessi di afroamericani che muoiono per coronavirus [is] maggiore della percentuale di afroamericani nella popolazione in quello stato”.

Il dottor Williams non è stato coinvolto nel recente studio.

Dott.ssa Vickie Mays, Ph.D. – che non è stato coinvolto in questo studio – è un professore di psicologia e direttore del Centro UCLA per la ricerca, l’istruzione, la formazione e la comunicazione strategica sulle disparità sanitarie delle minoranze.

Durante il panel virtuale Confidence in Crisis: Strengthening Medical Trust in the Black Community Q&A, il Dr. Mays ha discusso delle difficoltà sociali che molte persone di colore affrontano come fattori di rischio per COVID-19.

“Le tre cose principali che possiamo vedere sono legate ai determinanti sociali della salute rispetto all’essere a rischio [of COVID-19] sono ciò che chiamiamo “minacce alla sopravvivenza” e “stress e tensioni”. Le persone, ad esempio, con insicurezza del reddito, persone con insicurezza alimentare e persone con insicurezza abitativa avevano maggiori probabilità di sviluppare COVID-19”.

Il BRITE Center del Dr. Mays menziona anche che gli afroamericani comprendono una percentuale maggiore di lavoratori essenziali con un aumentato rischio di infezione.

Misurare la mortalità

Il dottor Stokes e altri ricercatori hanno utilizzato i dati del National Center for Health Statistics degli Stati Uniti. Queste informazioni includevano decessi correlati a COVID-19 e per tutte le cause nelle contee degli Stati Uniti per tutto il 2020.

Il team ha anche valutato i dati del database WONDER dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC) e dell’US Census Bureau.

Lo studio ha coperto 2.096 contee con oltre 319 milioni di residenti. Circa l’11% di questa popolazione non aveva un’assicurazione sanitaria.

Ostacoli alla precisione

Parlando con Notizie mediche oggi, il Dr. Mays ha menzionato diverse difficoltà per ottenere valutazioni accurate delle cause di morte.

“Non tutte le morti ottengono un’autopsia, lei spiegò. Non tutte le contee hanno il tipo di risorse e tempo, in particolare se si pensa a cosa devono affrontare i medici legali e i coroner”.

Il Dr. Mays ha aggiunto che “c’è una correlazione tra il fatto che il luogo in cui ti trovi o meno sia un grande sostenitore del COVID-19 o se ci sono ragioni politiche per cui il COVID-19 non è supportato”.

Il Dr. Mays ha anche fatto riferimento a un altro studio condotto dal Dr. Stokes, che vede le disuguaglianze nei decessi attribuiti a COVID-19 come prova di razzismo strutturale. Secondo quella ricerca, tali disparità hanno “contribuito alla vulnerabilità durante la pandemia”.

L’accesso ridotto all’assistenza sanitaria potrebbe distorcere il conteggio dei decessi COVID-19 verso il basso. Anche le aree rurali e le comunità con grandi popolazioni storicamente emarginate tendono ad avere meno siti di test, secondo il dott. Williams.

Il dottor Williams ha anche affermato che le persone di colore hanno meno probabilità di sottoporsi a test quando manifestano gli stessi sintomi di COVID-19 dei bianchi.

I risultati dello studio

Lo studio indica che le contee con più residenti non assicurati, meno medici di base e più decessi domiciliari hanno mostrato una percentuale più elevata di decessi in eccesso.

  • Nelle contee con la più alta percentuale di persone senza assicurazione sanitaria, si stima che il 27% dei decessi in eccesso sia dovuto a COVID-19 rispetto al -5% nelle contee con il numero più basso senza assicurazione sanitaria.
  • Nelle contee con il minor numero di medici di base per residente, il 20% dei decessi in eccesso è stato considerato dovuto a COVID-19 rispetto allo 0% nelle contee con la più alta percentuale di medici di base.
  • Un numero maggiore di decessi in casa ha portato a una stima del 34% dei decessi in eccesso dovuti a COVID-19 rispetto al 17% nelle contee nel quartile più basso di decessi in casa.

Le persone senza assicurazione sanitaria o senza accesso a un medico potrebbero avere meno probabilità di sottoporsi a test o di avere la loro morte codificata accuratamente come COVID-19.

Il dottor Stokes afferma che ciò sottolinea la necessità di aumentare i finanziamenti per il sistema di indagine sulla morte degli Stati Uniti, che certifica i decessi domestici.

La coautrice dello studio Dielle Lundberg è ricercatrice presso il Department of Global Health di BUSPH. Lundberg afferma che “l’espansione dell’accesso all’assistenza sanitaria è quindi una priorità non solo per l’equità sanitaria, ma per l’integrità dei dati”.

Il dottor Mays sta attualmente lavorando con i legislatori per redigere un disegno di legge che richieda dati più chiari sull’etnia delle persone colpite da COVID-19. Lei e altri che lavorano per le organizzazioni di sanità pubblica sperano di utilizzare queste informazioni per comprendere e rispondere all’impatto della pandemia sulle comunità storicamente emarginate.

Vale la pena notare che il recente studio presentava alcune limitazioni. Ad esempio, il dottor Stokes ei suoi coautori si sono limitati a utilizzare dati provvisori.

Inoltre, le informazioni a livello di contea non hanno suddiviso i dati relativi a età, razza, etnia o sesso. Il team non è stato inoltre in grado di adeguarsi a tutti i fattori potenzialmente in grado di influenzare i risultati.

“Siamo tutti connessi”

Questo studio conclude che la segnalazione imprecisa delle cause di morte potrebbe nascondere il vero impatto di COVID-19 sulle popolazioni vulnerabili. Ciò potrebbe portare a risposte politiche insufficienti.

Il dott. Stokes ritiene che “un’accurata e tempestiva sorveglianza della mortalità sia fondamentale per un sistema sanitario pubblico equo e ben funzionante”.

Durante la sua intervista a The Brain Architects, il Dr. Williams ha sottolineato che quando un segmento della popolazione è colpito in modo sproporzionato, tutta la società ne soffre.

“Si tratta di tutti noi”, ha detto. “Siamo tutti connessi. Tassi di morte più elevati per una popolazione influiscono sull’intero profilo e sull’intero rischio per tutta la popolazione”.

Per aggiornamenti in tempo reale sugli ultimi sviluppi riguardanti il ​​nuovo coronavirus e COVID-19, fare clic qui.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here