Home Notizia Mondo Perdita del gusto di base dopo COVID-19 più comune di quanto si...

Perdita del gusto di base dopo COVID-19 più comune di quanto si pensasse

0
15

Dennis Aglaster/EyeEm/Getty Images
  • Molte persone segnalano un’interruzione nella loro capacità di percepire i sapori di base di dolce, acido, amaro, salato e umami dopo la guarigione dal COVID-19.
  • Gli esperti hanno ipotizzato che la maggior parte di questi individui abbia effettivamente perso solo il senso dell’olfatto, che gioca un ruolo importante nell’esperienza gustativa complessiva.
  • Tuttavia, un nuovo studio suggerisce che almeno un terzo di queste persone ha davvero perso parte della capacità di percepire questi gusti di base.
  • La causa della perdita di gusto di base dopo COVID-19 rimane un mistero, sebbene gli scienziati abbiano proposto diversi possibili meccanismi.

La perdita del gusto e dell’olfatto è un sintomo comune di COVID-19. La ricerca suggerisce può essere un predittore migliore del fatto che qualcuno abbia un’infezione da SARS-CoV-2 rispetto ad altri sintomi comuni, come tosse, febbre e affaticamento.

Le persone i cui sintomi persistono per almeno 4 settimane dopo il COVID-19, popolarmente noto come COVID lungo, spesso riferiscono anche di aver perso il senso “gustativo”.

Questa è la capacità di base di gustare il dolce, l’acido, l’amaro, il salato e l’umami, il sapore salato del glutammato.

Tuttavia, gli esperti hanno ipotizzato che la maggior parte di questi individui non abbia effettivamente perso la percezione del gusto di base. Questo perché l’olfatto, o l’olfatto, gioca un ruolo significativo nel sapore generale di cibi e bevande.

Gli organi di senso e i tessuti della lingua, il palato, la gola e il naso contribuiscono tutti alla percezione del gusto.

Ma un nuovo studio ha scoperto che circa un terzo delle persone che segnalano la perdita del gusto dopo il COVID-19 potrebbe aver davvero perso parte del loro senso del gusto di base.

Olfatto e degustazione

Il cibo da masticare rilascia odori, che rilevano i recettori nella parte posteriore del naso. Questo è noto come olfatto retronasale.

Inoltre, la lingua contiene papille gustative che percepiscono i sapori di base di dolce, acido, amaro, salato e umami, aumentando la sensazione gustativa generale.

Si parla di perdita completa della capacità della lingua di percepire questi sapori di base ageusia, mentre la ridotta sensibilità è nota come ipogeusia.

Una terza condizione, la disgeusia, comporta un sapore persistente e sgradevole in bocca, come acido, metallico o rancido, che può contaminare il sapore di tutti i cibi e le bevande.

Il nome tecnico per la perdita della capacità dell’olfatto, al contrario del gusto, è anosmia.

“C’è una certa difficoltà nell’autovalutare la vera perdita del gusto rispetto alla ridotta percezione del sapore, che è una conseguenza della perdita dell’olfatto – come di solito, sentiamo l’odore del sapore attraverso un processo di olfatto retronasale: la masticazione rompe il cibo, rilasciando odori che sono forzati nel naso mentre espiriamo”, ha affermato Claire Hopkins, professoressa di rinologia al Guy’s Hospital di Londra, nel Regno Unito, e una delle autrici del nuovo studio.

“Ciò porta a una segnalazione eccessiva della perdita del gusto ed è stato in gran parte ritenuto che ciò rappresenti la maggior parte delle alterazioni segnalate nel disturbo del gusto dopo il COVID”, ha detto Notizie mediche oggi.

“Questo studio evidenzia che il vero disturbo del gusto è, tuttavia, anche più comune di quanto pensassimo”, ha aggiunto.

Danni alle papille gustative

I ricercatori guidati dall’Università di Trieste in Italia hanno deciso di scoprire quale percentuale di persone che affermano di avere problemi con la sensazione gustativa di base dopo il COVID-19 hanno possibili danni alle loro papille gustative.

Hanno identificato 105 pazienti presso l’ambulatorio dell’orecchio, del naso e della gola dell’università che hanno segnalato un’interruzione della loro capacità di avere un sapore dolce, acido, salato o amaro più di 3 mesi dopo un’infezione da SARS-CoV-2.

Hanno dato loro una serie di test di gusto e olfatto convalidati, tra cui un test dell’olfatto con bastoncini da fiuto e un Prova delle strisce di gusto della percezione gustativa di base.

Più della metà dei partecipanti che hanno segnalato problemi con la percezione del gusto di base aveva effettivamente una gustativa tipica.

Tuttavia, il test delle strisce del gusto ha confermato l’ipogeusia – una perdita dei gusti di base – nel 42% di questi individui.

Le papille gustative di alcuni partecipanti potrebbero aver già perso parte della loro capacità di discriminare i gusti di base semplicemente a causa del normale invecchiamento.

“I disturbi del gusto e dell’olfatto aumentano di incidenza con l’invecchiamento, e quindi gli aggiustamenti dell’età ci consentono di confrontare meglio la funzione” normale “, ha detto il prof. Hopkins MNT.

Tuttavia, anche dopo aver aggiustato per il possibile contributo dell’età, il 29% dei pazienti sembrava avere ancora ipogeusia a causa del COVID-19.

Lo studio compare in JAMA Otorinolaringoiatria — Chirurgia della testa e del collo.

“Il meccanismo non è chiaro, ma potrebbe comportare danni diretti alle papille gustative, riduzione della produzione di saliva (si parla comunemente di naso e bocca asciutti dopo [COVID-19]), o un processo più centrale (sebbene questo sia meno probabile)”, ha affermato il prof. Hopkins.

Le cellule delle papille gustative portano il recettore ACE2 nella loro membrana, che il virus usa per infettare le cellule. Ma l’infiammazione o l’aumento della coagulazione del sangue a causa dell’infezione, ad esempio, potrebbero anche danneggiare indirettamente le cellule.

Sapori sgradevoli

“La perdita dell’olfatto e del gusto sono una caratteristica del lungo COVID ma non così comune come alcuni degli altri sintomi, come affaticamento e dispnea, e più persone segnalano questi sintomi prima nella loro traiettoria dei sintomi”, un portavoce del gruppo di difesa dei pazienti LongCovidSOS detto MNT.

Tuttavia, un sondaggio dell’organizzazione di oltre 800 persone con COVID da tempo ha rilevato che oltre il 65% ha segnalato problemi con l’olfatto e il gusto.

L’indagine non ha differenziato tra i due sintomi. Ma il portavoce ha detto un sondaggio più ampio, che appare in La lancetta, non ha riscontrato differenze significative tra i tassi di olfatto e la perdita del gusto.

“Tuttavia, descrivono qualcosa che incontriamo abbastanza spesso, ovvero alterazioni nella percezione, per cui le cose hanno un odore e un sapore sbagliato, spesso molto sgradevoli: questi cambiamenti possono portare le persone a malnutrirsi perché il cibo ha un sapore così cattivo”, ha detto il portavoce.

Limiti dello studio

Gli autori del nuovo studio riportano diversi limiti della loro ricerca.

Ad esempio, scrivono di aver valutato i partecipanti in momenti diversi dopo la loro infezione e non c’era un gruppo di controllo della stessa età per il confronto.

Inoltre, affermano che la maggior parte dei partecipanti erano donne che avevano manifestato solo sintomi lievi di COVID-19, il che potrebbe limitare la generalizzabilità dei risultati.

Per aggiornamenti in tempo reale sugli ultimi sviluppi riguardanti il ​​nuovo coronavirus e COVID-19, clicca qui.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here