Per i cinesi evacuati dall’Ucraina, la sicurezza costa un bel soldo

0
20

I cittadini cinesi in fuga dal paese dilaniato dalla guerra hanno ricevuto fatture superiori a $ 5.000 per voli charter e quarantena.

La Cina afferma di aver evacuato circa 5.200 cittadini cinesi dall’Ucraina dilaniata dalla guerra [File: Adri Salido/Anadolu Agency]

Bucarest, Romania – La Cina ha iniziato a evacuare i suoi cittadini dall’Ucraina pochi giorni dopo l’invasione russa del Paese il 24 febbraio.

La scorsa settimana, il ministero degli Esteri cinese ha dichiarato di aver completato lo sforzo di evacuazione, portando più di 5.000 cittadini cinesi fuori dal paese dilaniato dalla guerra.

Ma quello che Pechino ha descritto come un successo trionfante – il tabloid statale Global Times ha riferito che l’evacuazione si è conclusa “perfettamente” – si è rivelato uno sforzo costoso per le persone coinvolte, mettendo gli sfollati in un notevole stress finanziario e mentale.

Il governo cinese ha addebitato agli sfollati, molti dei quali studenti, circa 18.000 yuan ($ 2.830) ciascuno per imbarcarsi su voli charter dalla Romania e dalla Polonia verso varie città cinesi.

Una volta in Cina, hanno dovuto subire tra i 14 e i 28 giorni di quarantena in hotel designati, anche a proprie spese. Di fronte a fatture di oltre $ 5.000 in alcuni casi, alcuni sfollati hanno affermato di aver persino riconsiderato i loro piani per tornare a casa.

A Bucarest, alcuni cittadini cinesi hanno firmato una petizione su yibaochina.com chiedendo a Pechino di sovvenzionare i voli o fornire alloggio agli sfollati per rimanere in Romania.

“È irragionevolmente costoso. Siamo studenti”, ha detto ad Al Jazeera una donna che il mese scorso si stava imbarcando su un volo charter da Otopeni, vicino a Bucarest, a Hangzhou, parlando in condizione di anonimato.

Compresi i costi della quarantena, che variano a seconda dell’hotel e della città, gli sfollati potrebbero aspettarsi di sostenere costi superiori a $ 5.000, vicino al reddito medio disponibile pro capite della Cina, che ha raggiunto $ 5.520 nel 2021, secondo il National Bureau of Statistics.

Il ministero degli Esteri cinese non ha risposto immediatamente alle domande di Al Jazeera sui costi dell’evacuazione dei cittadini dall’Ucraina.

Il 28 marzo il portavoce del ministero degli Esteri cinese Wang Wenbin ha dichiarato che la missione di evacuazione del Paese è stata completata “per ora”, con 5.200 cittadini cinesi evacuati nei paesi confinanti con l’Ucraina.

Circa 4.600 di loro sono tornati in Cina con 20 voli charter, ha detto Wang.

Sfollati cinesi dall'Ucraina
Gli sfollati cinesi dall’Ucraina hanno pagato oltre $ 5.000 per voli charter e quarantena [File: Adri Salido/Anadolu Agency]

Il primo volo è partito da Bucarest per la città cinese orientale di Hangzhou il 4 marzo, con l’ultimo volo in partenza dalla capitale rumena il 27 marzo per la città sudorientale di Fuzhou.

Tra le città di destinazione c’era Shenyang, nel nord della Cina, che notoriamente impone la quarantena più lunga del mondo di 28 giorni.

Gli sfollati che sono volati a Shenyang hanno scritto su Weibo, la risposta cinese pesantemente censurata a Twitter, che sono stati addebitati 530 yuan ($ 83) a notte per una singola stanza.

Mentre molti cinesi che vivono all’estero o hanno figli che studiano all’estero sono considerati ricchi, i costi sono stati sufficienti per far perdere ad alcuni la possibilità di tornare a casa.

Su Weibo, una donna ha pubblicato un video in cui spiegava di aver preso la decisione di rimanere in Europa dopo aver appreso che il costo totale dei voli e della quarantena per la sua famiglia sarebbe stato di circa 80.000 yuan ($ 12.570).

“Ieri stavamo facendo piani su cosa fare quando saremo tornati”, ha detto nel video. “Oggi, dopo aver appreso la notizia del prezzo, abbiamo cambiato idea perché possiamo vivere una vita qui in Europa con 80.000 yuan”.

Problema spinoso

I governi che accusavano i loro cittadini di essere evacuati da un’area di conflitto è stata una questione spinosa in passato.

Il Dipartimento di Stato americano ha suscitato scalpore ad agosto quando ha annunciato che i cittadini statunitensi in cerca di voli fuori dall’Afghanistan avrebbero dovuto firmare cambiali per circa $ 2.000, mentre i cittadini non statunitensi sarebbero stati tenuti a pagare ancora di più. A seguito di un contraccolpo, il dipartimento ha fatto marcia indietro e ha annunciato che le evacuazioni sarebbero state libere.

Mentre la Cina è l’unico paese noto per essere in carica per l’evacuazione dall’Ucraina, la maggior parte degli altri governi ha lasciato ai propri cittadini la possibilità di uscire dal paese.

India e Ghana sono tra i pochi paesi segnalati per aver organizzato voli di emergenza gratuiti dall’Ucraina.

Tuttavia, alcuni utenti cinesi di Internet hanno tracciato confronti sfavorevoli tra la gestione della crisi da parte di Pechino e le risposte altrove.

“Questo non è un affare; questa è un’evacuazione”, ha detto un utente di Weibo. “E anche se non gratuito, sarebbe meglio un prezzo più basso.”

Nel frattempo, i media statali cinesi hanno ripetutamente elogiato lo sforzo di evacuazione, nonostante le critiche al costo e al fatto che Pechino abbia consigliato ai suoi cittadini di andarsene solo dopo che l’invasione era già iniziata.

Giovedì, il Global Times ha descritto l’evacuazione come “un’operazione miracolosamente riuscita… che mostra la determinazione, la mobilità e la coesione del Paese nel mezzo della crisi”.

Willy Wo-Lap Lam, professore a contratto di studi cinesi presso l’Università cinese di Hong Kong, ha descritto la caratterizzazione dell’evacuazione da parte del governo cinese come un successo assoluto come “pratica standard”.

“È molto importante per loro attenersi a questa affermazione, che sono super efficienti nell’evacuare i loro cittadini”, ha detto Lam ad Al Jazeera.

Chiedere ai cittadini di coprire le proprie spese di evacuazione potrebbe essere stata semplicemente una decisione pragmatica, dato il costo del trasporto di un gran numero di persone, ha affermato Lam.

In effetti, alcuni sfollati e utenti di social media hanno difeso la pratica.

“Perché ti aspetteresti che il nostro governo paghi per te?” ha detto un utente Weibo. “È una tua responsabilità perché hai scelto di studiare in Ucraina e il paese è stato a lungo a rischio di guerra da quando ha avuto un conflitto con la Russia”.

Per Cao Shao, uno studente di medicina in un’università di Kiev che è volato via dalla Romania il mese scorso, il costo è stato un problema minore rispetto allo stress e al trauma del tentativo di fuggire dall’Ucraina.

“Pensiamo che sia costoso, ma la maggior parte degli studenti stranieri deve comunque pagare i biglietti aerei costosi”, Shao Al Jazeera. “Il denaro non è un problema.”

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here