Home Notizia Mondo Omicron: Il ruolo dei linfociti T

Omicron: Il ruolo dei linfociti T

0
88

Un nuovo studio indaga su come le cellule T possono aiutare nella lotta contro Omicron. Biwa Studio/Getty Images
  • Insieme agli anticorpi, i linfociti T svolgono un ruolo chiave nella risposta immunitaria contro gli agenti patogeni.
  • La variante Omicron di SARS-CoV-2 ha molte mutazioni, il che significa che può eludere la risposta anticorpale.
  • Tuttavia, il presente studio suggerisce che i linfociti T dovrebbero comunque offrire protezione contro la variante.

In un nuovo studio, i ricercatori hanno trovato prove che le cellule T dovrebbero offrire protezione contro la variante Omicron di SARS-CoV-2.

La ricerca, che appare sulla rivista Virus, pone le basi per ulteriori studi per confermare i risultati.

cellule T

Le cellule T svolgono una serie di ruoli nel sistema immunitario. La prof.ssa Rosemary Boyton, della Facoltà di Medicina, Dipartimento di Malattie Infettive dell’Imperial College di Londra nel Regno Unito, spiega:

“Le cellule T possono svolgere ruoli diversi. Possono agire come “cellule killer”, attaccando le cellule che sono state infettate da un virus o un altro tipo di agente patogeno, oppure possono agire come “cellule helper” supportando le cellule B a produrre anticorpi”.

Il prof. Florian Kern, cattedra di immunologia presso la Brighton and Sussex Medical School, Regno Unito, ha parlato con Notizie mediche oggi. Ha spiegato che le cellule T lo fanno riconoscendo frammenti proteici costituiti da brevi catene di amminoacidi, note anche come peptidi. Il Prof. Kern non è stato coinvolto nel presente studio.

Le cellule T hanno anche bisogno che i peptidi si leghino a proteine ​​​​di superficie cellulare specializzate note come molecole MHC.

“Negli individui vaccinati o in quelli con una precedente storia di COVID-19, le cellule T di memoria risponderanno rapidamente se incontrano nuovamente gli stessi peptidi virali legati alle stesse molecole MHC”.

“Tuttavia, se i peptidi originariamente riconosciuti non sono più presenti nel virus a causa di mutazioni, questi linfociti T della memoria potrebbero aver perso il loro scopo. Ciò dipende dal fatto che i peptidi mutati possano ancora essere riconosciuti da loro”, ha affermato il Prof. Kern.

La variante Omicron di SARS-CoV-2 ha molte mutazioni, che gli scienziati ritengono aiutino a sfuggire agli anticorpi neutralizzanti.

Tuttavia, se Omicron non può sfuggire alle cellule T, potrebbero comunque avere un livello di protezione contro la variante.

Frammenti virali

Per identificare se Omicron può sfuggire alla risposta delle cellule T, i ricercatori hanno analizzato 1.500 epitopi SARS-CoV-2, un tipo di frammento virale.

“Gli autori hanno effettivamente scaricato un elenco di peptidi SARS-CoV-2 riconosciuti da un archivio pubblico e li hanno allineati alla sequenza di amminoacidi proteici mutati della variante Omicron”.

“Ciò ha permesso loro di identificare esattamente quale dei peptidi riconosciuti nelle precedenti varianti virali non esisteva più esattamente con la stessa sequenza nella variante Omicron”, ha affermato il Prof. Kern.

Riassumendo i risultati, il prof. Gary McLean, professore di immunologia molecolare alla London Metropolitan University, Regno Unito, che non è stato coinvolto nello studio, ha affermato di MNT che l’immunità dei linfociti T di una persona alla variante Omicron dovrebbe comunque offrire una certa protezione:

“Questo è uno studio basato sulla bioinformatica che esamina gli epitopi delle cellule T trovati nella variante SARS-CoV-2 Omicron. Identifica che la grande maggioranza degli epitopi delle cellule T spike previsti di Omicron non sono alterati in questa variante, il che suggerisce che l’immunità esistente delle cellule T a Omicron dalla vaccinazione o dall’infezione naturale non dovrebbe essere influenzata troppo gravemente. “

Il prof. Kern acconsentì. “Gli autori hanno sottoposto le sequenze peptidiche alterate rilevanti trovate in Omicron a una serie di algoritmi informatici che sono bravi a prevedere se determinati peptidi possono legarsi a determinate molecole MHC. Hanno scoperto che solo alcuni di questi peptidi avevano probabilmente perso la capacità di legarsi alle stesse molecole MHC dei loro predecessori non mutati”.

“Ciò ha dato loro la certezza che la stragrande maggioranza dei peptidi importanti per la risposta delle cellule T a SARS-CoV-2 non fosse influenzata dalle mutazioni trovate in Omicron e si legherebbe comunque alle molecole MHC a cui le sequenze non mutate si legano. .”

– Prof. Florian Kern

Il Prof. McLean ha osservato che “[t]lui limitazione [of the study] è che non ci sono studi biologici per supportare i risultati. Per questo motivo, i risultati dello studio sono in qualche modo preliminari”.

“Allo stesso tempo, non sorprende che gli epitopi delle cellule T siano meno colpiti in questa variante. È noto che questo fenomeno si verifica anche con altri virus respiratori umani e segnala che l’immunità dei linfociti T al SARS-CoV-2, una volta stabilita, è potenzialmente più ampiamente protettiva e [may be more] importante degli anticorpi”.

“Sebbene gli anticorpi siano efficaci nel neutralizzare SARS-CoV-2, le mutazioni all’interno della proteina spike nelle nuove varianti spesso provocano una ridotta capacità degli anticorpi preesistenti di farlo”.

“Questi dati possono indicare che l’immunità dei linfociti T è più protettiva degli anticorpi contro le malattie gravi causate da Omicron, supportando alcuni dei recenti risultati clinici”, ha suggerito il prof. McLean.

Il Prof. Matthew McKay, co-autore principale della ricerca dell’Università di Melbourne in Australia, afferma: “Nonostante sia uno studio preliminare, riteniamo che questa sia una notizia positiva”.

“Anche se Omicron – o qualche altra variante, del resto – può potenzialmente sfuggire agli anticorpi, ci si può comunque aspettare che una robusta risposta dei linfociti T offra protezione e aiuti a prevenire malattie significative”.

Evasione dei linfociti T

Parlando con MNT, il dott. Ahmed Abdul Quadeer, co-autore principale dello studio del Dipartimento di ingegneria elettronica e informatica dell’Università di scienza e tecnologia di Hong Kong, ha affermato che potrebbe essere improbabile che emerga una variante in grado di eludere i linfociti T di una persona risposta immunitaria.

“Eludere le risposte dei linfociti T potrebbe essere relativamente difficile. Questo perché, contrariamente agli anticorpi neutralizzanti che riconoscono principalmente la proteina spike (di superficie) di SARS-CoV-2, i linfociti T riconoscono frammenti di proteine ​​multiple del virus.

“Quindi, le cellule T indotte da [SARS-CoV-2] le infezioni sono piuttosto eterogenee. Anche all’interno della proteina spike, che è l’antigene bersaglio principale di più vaccini COVID-19, gli studi hanno dimostrato che diversi epitopi sono presi di mira in ogni individuo”.

“Per eludere una risposta immunitaria così ampia, il virus dovrebbe apportare molte più mutazioni rispetto a quelle che abbiamo visto finora, il che potrebbe non essere praticabile per il virus”, ha affermato il dott. Quadeer.

Il Prof. McLean acconsentì. “Nel complesso, è meno probabile che appaiano varianti che sfuggono all’immunità dei linfociti T, poiché gli epitopi dei linfociti T sono spesso sottoposti a una minore pressione per cambiare, a differenza degli epitopi anticorpali, che tendono a raggrupparsi nelle aree superficiali del picco che hanno una funzione critica che consente ingresso del virus nelle cellule”.

“Le cellule T operano cercando e distruggendo le cellule infettate dal virus, prendendo di mira diverse parti del picco rispetto [with] anticorpi, tollerando così le mutazioni trovate nelle nuove varianti.„

Infezione naturale o vaccinazione?

Il Dr. Quadeer ha affermato che i linfociti T offrirebbero probabilmente protezione indipendentemente dal fatto che siano stati sviluppati dopo la vaccinazione o un’infezione naturale, tuttavia sono necessarie ulteriori ricerche per confermarlo.

“È stato dimostrato che sia l’infezione naturale che i vaccini COVID-19 generano una forte risposta dei linfociti T. Tuttavia, c’è molto da capire sulle differenze e somiglianze specifiche tra le risposte dei linfociti T suscitate dall’infezione naturale e dai vaccini. Questo è attualmente oggetto di studio attivo”.

“Ci sono alcune evidenti differenze tra le due risposte basate sulla composizione dei vaccini COVID-19”.

“Per i vaccini focalizzati sulla punta, è stato dimostrato che le risposte delle cellule T riconoscono più epitopi della proteina spike. Per i vaccini inattivati ​​con virus intero, mentre la letteratura è relativamente scarsa, è stato dimostrato che le risposte dei linfociti T prendono di mira, oltre alla proteina spike, altre proteine ​​strutturali, come il nucleocapside e le proteine ​​di membrana.

“In caso di [SARS-CoV-2] infezione, è stato scoperto che i linfociti T prendono di mira frammenti di più proteine ​​​​del virus da numerosi studi sperimentali condotti utilizzando sangue di individui in diverse regioni geografiche – per una revisione, vedere il nostro lavoro precedente”.

“Anche studi emergenti hanno dimostrato le somiglianze tra le risposte dei linfociti T suscitate dai vaccini e l’infezione naturale. Ad esempio, alcuni studi hanno riportato che frammenti simili sono presi di mira dai linfociti T provocati da entrambi [SARS-CoV-2] infezioni e vaccini”, ha spiegato il dott. Quadeer.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here