Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Non ho mai capito la pressione per allattare fino a quando non...

Non ho mai capito la pressione per allattare fino a quando non ho potuto allattare il mio bambino

0
96

A volte ci vuole a pezzi per vedere finalmente cosa ti sei perso.

Mi sono sempre considerato fermamente nella categoria "nutriti è il migliore". Nella mia mente, non capivo come qualcuno potesse giudicare un'altra madre per come avrebbe scelto di nutrire il suo bambino.

Soprattutto se si considera che in molti casi la "scelta" era una non scelta, come per le mamme che semplicemente non producevano abbastanza latte o che avevano una malattia che impediva l'allattamento o una vita con circostanze che non lo permettevano o facilita l'allattamento.

Il punto è, ho sempre pensato che fosse un po 'sciocco che una donna si sarebbe mai sentita male per non allattare, sia che si trattasse dei propri sentimenti di "fallimento" perché si sentivano come se dovessero allattare, o perché qualcun altro li ha giudicati per questo . È il tuo bambino, devi decidere, giusto? Pensavo di essere così illuminato dal mio atteggiamento nei confronti delle scelte alimentari.

Ma ecco la verità: non avevo idea di cosa stavo parlando.

La pensavo così come una donna che aveva allattato con successo tutti e quattro i miei figli. E come vorrei scoprire, è facile dire questo tipo di cose quando non hai mai sperimentato cosa significhi non poter allattare al seno.

Come il mio quinto bambino ha cambiato tutto

Sono entrato nella mia quinta gravidanza con l'intenzione di allattare al seno, ma mi sono detto che se non avesse funzionato, non sarebbe stato un grosso problema. A causa di alcuni problemi passati con danni al dotto del latte e ripetuti attacchi di mastite, sapevo che questa volta avrei avuto qualche difficoltà ad allattare. Sapendo questo, mi sono preparato per la possibilità di formula e mi sono sentito bene con esso.

E poi ho dato alla luce un bambino prematuro.

All'improvviso, proprio così, la mia visione è cambiata. Durante la notte, stavo affrontando il fatto che il mio bambino era in ospedale e non lo ero. Quegli sconosciuti completi si stavano prendendo cura di lei. E che le sarebbe stato dato da mangiare il latte di un'altra madre attraverso il suo sondino se non le avessi fornito il latte materno.

Ho sentito più e più volte che il latte materno era “oro liquido” e che dovevo pompare ogni 2 ore per almeno 15 minuti per assicurarmi che avessi abbastanza latte per lei durante il suo soggiorno in terapia intensiva.

Non solo il mio latte materno era considerato una "vera medicina", come descrisse la terapeuta, ma più velocemente mia figlia si prendeva la briga di allattare al seno, più velocemente potevamo lasciare l'ospedale. E non c'era nulla che desiderassi di più che lei migliorasse e che tornassimo a casa come famiglia.

Sfortunatamente, non riusciva a curare. Non me ne rendevo conto in quel momento, ma probabilmente non era ancora in grado di allattare allo sviluppo. Quindi mi sono seduto a piangere dietro il nostro schermo per la privacy al di fuori della sua isolette, desiderando che si agganciasse in modo che non la alimentassero di nuovo, e mi sentivo completamente e completamente senza speranza.

Quando non voleva allattare, mi sentivo come l'unica cosa che potevo fare era almeno fornirle il mio latte materno, quindi mi pompai. E pompato e pompato e pompato. Ho pompato così tanto che ho riempito il frigorifero dell'ospedale e il frigorifero di riserva, quindi il congelatore e le infermiere hanno iniziato a scambiarsi occhiate quando ne ho fatto entrare di più.

E con il passare dei giorni e il mio bambino non riusciva ancora a curare, sono arrivato a credere che fornirle quel latte materno fosse l'unica cosa che potevo fare che l'avrebbe effettivamente aiutata.

Il latte materno, nella mia mente, è diventato il mio legame con lei.

'Non posso fallire lei'

Una volta tornati a casa dall'ospedale con nostra figlia su una bottiglia, ho continuato a provare ad allattarla al seno. Ma dovevo anche continuare a pomparla e darle da mangiare in bottiglia per assicurarmi che aumentasse il peso di cui aveva bisogno. Ogni poppata era un processo estenuante per metterla al seno, quindi pompare, quindi allattare con il biberon – dall'inizio alla fine, ci sono voluti circa un'ora, e poi prima che me ne rendessi conto, era tempo di ricominciare tutto da capo.

Ho pianto e pregato e l'ho supplicata di allattare al seno, ma di volta in volta, semplicemente non voleva (o non poteva) farlo. Mentre facevo fatica a rimediare a una serie di mastiti, non svuotando completamente il seno e rifornendomi troppo di pompaggio, mio ​​marito ha cercato di convincermi a passare alla formula. Fu la sensazione che mi vinse che alla fine mi si aprì agli occhi su quanto potesse essere difficile fallire durante l'allattamento.

Perché è esattamente quello che sembrava: fallimento completo e totale.

Mi sentivo come un fallimento come mamma in quello che "dovrebbe" essere facile. Un fallimento per mia figlia, che aveva bisogno di allattare ancora più di un bambino "normale". Un fallimento nel gestire anche la più basilare funzione biologica per mantenere in vita il mio bambino.

Sentivo che passare alla formula sarebbe stato come rinunciare a lei, e non riuscivo a sopportare di sentirmi così. Mi sono reso conto, per la prima volta, di come si era sentita tutte le mamme che avevano parlato di quanto fosse difficile non riuscire ad allattare. Potrebbe sembrare folle, ma per me sembrava quasi una morte – e ho dovuto piangere per la perdita del tipo di mamma che pensavo di essere.

La pressione per allattare

La cosa strana della pressione sull'allattamento al seno è che la pressione non deve necessariamente provenire da alcuna forza esterna. Nessuno mi stava dicendo che dovevo allattare. Nessuno stava scuotendo la testa per i miei pietosi tentativi di allattare il mio bambino, rimproverandomi di fare meglio. Nessuno stava sparando, disgustato, guarda la bottiglia da cui il mio bambino stava bevendo felicemente.

In effetti, era esattamente il contrario per me. Mio marito, i miei familiari, persino i perfetti sconosciuti su Internet mi stavano dicendo che non c'era vergogna nell'alimentazione con formula e che se avessi dovuto farlo per garantire che sia io che il mio bambino fossimo in salute, allora è tutto ciò che contava.

Ma era come se non potessi convincermi a credere a nessuno di loro. Per qualche ragione che non riesco proprio a spiegare, ho accumulato tutta questa enorme pressione, colpa, vergogna e giudizio interamente su me stesso.

Perché la verità è che volevo allattare. Volevo fare quel regalo al mio bambino. Volevo darle quell'oro liquido che tutti lodano. Volevo avere quei momenti sereni sulla sedia a dondolo – una connessione tra solo io e lei mentre il resto del mondo continuava a girare.

Volevo allattare al seno il mio bambino a quello che posso solo descrivere come un livello primordiale – e quando non potevo, mi sembrava che ogni cellula del mio corpo combattesse contro di esso. In un certo senso, sono grato di aver avuto l'esperienza di essere "dall'altra parte" di non poter allattare, perché mi ha aperto gli occhi.

Quindi, a tutte le mamme che ho licenziato prima, lasciatemi solo dire: ora capisco. È difficile. Ma non siamo fallimenti: siamo combattenti e alla fine stiamo lottando per ciò che è meglio per i nostri bambini.


Chaunie Brusie è un'infermiera di lavoro e parto trasformata in scrittrice e una mamma di 5 anni coniata di recente. Scrive di tutto, dalla finanza alla salute, a come sopravvivere a quei primi giorni di genitorialità quando tutto ciò che puoi fare è pensare a tutto il sonno che non sei ottenendo. Seguila qui.