Museo Archeologico di Palestrina, Italia – Un tesoro storico

0
94

Racconto di storie sul fiume Nilo, tutto in mosiac

Se ti fermi e ascolti attentamente mentre sei sul pavimento piastrellato a mosaico delineato con pesci colorati, potresti sentire le previsioni future dell'oratore mitologico nella grotta dei destini, o Antro delle Sorti. La struttura della grotta, probabilmente dedicata alla dea egizia Iside, era situata in quella che una volta era una fiorente città di Palestrina, in Italia. Gli archeologi hanno individuato l'epoca tra il 120 e l'80 a.C. e ho visto molti reperti sul sito originale, accatastati Museo Archeologico di Palestrina, Italiae abbandonato in un senso inquietante. Colonne greche che avevano tenuto insieme edifici collegati con una sala di intrattenimento e un santuario erano divise a pezzi e sparse per il giardino.

Palestrina ha una storia intrigante, situata in una posizione privilegiata in cima a una collina con una fresca brezza del Mar Tirreno. Originariamente chiamato Praeneste, il nome fu cambiato in Palestrina in onore del famoso compositore di musica sacra, Giovanni Palestrina, che nacque in città nel 1525. Guerre con eserciti invasori, imperatori e papi politici fecero cambiare città molte volte nel corso di centinaia di anni. Distrutto e ricostruito a seconda di chi era al potere, si è evoluto dai Fenici, dagli Etruschi e dal massacro di Sulla.

A due passi dalla grotta, l'immenso Tempio della Fortuna dominava l'area come commercio costruito con Grecia, Egitto e Roma. Il tempio e le sue case a terrazza furono scoperti dopo i bombardamenti della seconda guerra mondiale. Gli strati di una comunità con passerelle, bare e ambra sono stati scoperti e sono ora presentati nel Museo Archeologico Nazionale, Palestrina, che è l'ex palazzo Barberini Colonna. Quando il governo italiano ha scavato il tempio dopo la guerra, sono state scoperte prove delle epoche ellenistica, imperiale e repubblicana che hanno fornito informazioni sulle civiltà passate.

Le figurine di argilla delle parti del corpo umano venivano abitualmente portate al tempio da coloro che cercavano benedizioni per la guarigione e la fertilità. Questi oggetti insieme alle monete del 2 ° secolo, 7esimo specchi a mano secolari, votivi funebri e statue in marmo scolpite a mano sono esposti nel museo immacolato. Le statue danno un'idea di chi fossero i sovrani. Le acconciature raccontavano della loro classe di classifica nella società. Uno degli oggetti più antichi è una statua senza testa della dea Fortuna che indossa un abito elegantemente drappeggiato e stratificato.

L'incredibile oggetto di cui le persone si meravigliano nel museo è il mosaico estremamente grande esposto in modo prominente su un'intera parete, in una stanza tutta per sé. Completamente meticolosamente completato nel 2 a.C., l'intricato mosaico era stato incastonato sul pavimento nella sala del forum e ha una lavorazione simile ad altre opere a mosaico completate durante quel periodo a Pompei. Nel corso del tempo, quando l'area cadde in preda alla disperazione, l'opera d'arte laboriosa fu rimossa e collocata in un museo a Roma. Alla fine fu riportato a Palestrina e messo in mostra nel museo archeologico.

Questo pezzo colorato largo 20 piedi segue personaggi espressivi e la loro società sull'alto fiume Nilo e si anima con molte storie fluenti dall'Etiopia all'Egitto e al Mar Mediterraneo. Molto probabilmente realizzato da artisti alessandrini, è facile guardare le attività della nave con il peduncolo dagli occhi spalancati, una festa rilassante con vino e pesce che nuotano nelle vicinanze e quelli che gettano le loro reti. Altre scene lungo l'acqua sono una cerimonia di sepoltura con ornamenti d'oro sulla mano trasportata sulla bara, caccia agli animali e guerrieri da battaglia in abito e armature. Lo stile e il design di edifici, barche, vestiti e capelli sono cambiati con le diverse culture usando piastrelle bianche, marroni e tenui di colore verde e rosso. Vita, morte, celebrazioni e tasse sono un tema centrale nel tempo. E il vecchio mistero invecchiato con conflitti sull'utilizzo dell'acqua del fiume Nilo tra l'Etiopia e l'Egitto continua ancora oggi.

Processione funebre con ornamenti

Processione funebre con ornamenti

40 km a sud est di Roma, il museo si trova in alto sopra la lussureggiante valle della Palestrina con una vista mozzafiato che si affaccia sulla valle. Non c'è da stupirsi che leggendari leader come l'imperatore Augusto, Adriano e Marco Aurelio siano rimasti lì per allontanarsi dalla vita quotidiana di Roma.

Il museo non è ben noto rispetto ai musei di archeologia di Roma, Atene e di altre grandi città, ma vale la pena visitare la tranquilla città di Palestrina e uno sguardo ai meravigliosi manufatti. Il trasporto da Roma è di circa un'ora su un autobus Cotral dalla stazione della metropolitana Anagnina di Roma, treno da Roma a Zagarolo e poi l'autobus Cotral o l'autostrada A24 o A1 se si guida.

Di solito cerco il miglior gelato in Italia, ma questa volta ho trovato la storia delle antiche civiltà ben conservata e una spiegazione al passato.

Ci sono molti B&B e hotel a Palestrina oltre a numerosi ristoranti per una gita di un giorno o una visita più lunga.

Museo Archeologico Nazionale Di Palestrina, Italia

  • Telefono 06.9538100
  • Biglietto d'ingresso di 5 euro
  • Aperto tutti i giorni dalle 9 alle 20
  • Ufficio del turismo di Palestrina 06/95302318
  • www.Palestrina.roma.lazio.it
In cima a una collina, Palestrina si affaccia sulla valle

In cima a una collina, Palestrina si affaccia sulla valle

Maggiori informazioni su Italian Travel su www.Italythisway.com

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here