Migliaia di persone fuggono dai bombardamenti nel nord-ovest della Siria e si dirigono verso il confine turco

0
68

BEIRUT – Migliaia di persone sono fuggite al confine turco dall'ultima grande roccaforte dell'opposizione nella Siria nordoccidentale a causa di un intensificato bombardamento da parte delle forze russe e dell'esercito siriano, hanno detto venerdì residenti e soccorritori.

FOTO FILE: la gente cammina vicino a macerie di edifici danneggiati nella città di Idlib, Siria, 27 maggio 2019. Foto scattata il 27 maggio 2019. REUTERS / Khalil Ashawi / File Photo

Venerdì è stata vista una lunga fila di veicoli che hanno lasciato la città di Maarat al Numan, tenuta dall'opposizione, che ha sopportato il peso degli attacchi, tra cui attacchi aerei, hanno detto.

“L'esodo è a migliaia. È una catastrofe umanitaria, stiamo vedendo persone che camminano per le strade e persone che aspettano vicino alle case che le macchine li portino fuori ", ha detto Osama Ibrahim, un soccorritore di Maarat al Numan.

Attacchi aerei hanno ucciso sei persone durante la notte a Maarat al Numan e 11 sono stati uccisi nei villaggi della zona.

Centinaia di persone sono state uccise quest'anno in attacchi a zone residenziali della regione, secondo le agenzie delle Nazioni Unite, anche se una campagna militare siriana e russa lanciata alla fine di aprile si era placata ad agosto con un fragile cessate il fuoco.

I media statali siriani hanno riferito che l'esercito siriano si è spinto in diversi villaggi a sud-est di Idlib.

I combattenti ribelli, che affermano che le forze russe e siriane stanno attuando una politica della terra bruciata mentre avanzano, hanno detto che i villaggi sequestrati includevano Um Jalal nella provincia meridionale di Idlib e Rabea e Harbiya nella parte orientale di Idlib.

La Russia e l'esercito siriano, che è fedele al presidente Bashar al-Assad, negano le accuse di bombardamenti indiscriminati di aree civili e affermano che stanno combattendo i militanti islamisti ispirati ad al Qaeda.

Il presidente turco Tayyip Erdogan, che ha raggiunto un accordo lo scorso settembre con la Russia per contenere i combattimenti e il cui paese è visto da molti civili nelle aree di opposizione come un protettore, ha avvertito di un nuovo afflusso di rifugiati.

Erdogan ha detto che giovedì 50.000 persone sono in fuga dalla regione nord-occidentale di Idlib, in Siria. Non ha detto se qualcuno delle persone in fuga fosse entrato in Turchia.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here