Mi sono unito agli osservatori del peso all'età di 12 anni. Ecco perché la loro app Kurbo mi preoccupa

0
57

La scorsa settimana, Weight Watchers (ora noto come WW) ha lanciato Kurbo by WW, un'app per la perdita di peso progettata per i bambini dagli 8 ai 17 anni. In un il comunicato stampa della marca, Joanna Strober, cofondatrice di Kurbo, descrive l'app come "progettata per essere semplice, divertente ed efficace".

Da adulto che ha iniziato a seguire Weight Watchers all'età di 12 anni, posso dirti che non c'è nulla di semplice o divertente nel disturbo alimentare che ho sviluppato – e che sono ancora in cura per quasi 20 anni dopo.

Avevo 7 anni quando mi resi conto per la prima volta che il mio corpo non era considerato accettabile per gli standard della società.

Ricordo di aver appreso che la tua età e la tua taglia dovevano avere lo stesso numero e che ricordo distintamente di aver indossato un paio di jeans senza togliere l'adesivo "taglia 12".

Questo momento all'età di 7 anni spicca perché sento ancora la puntura dei miei compagni di classe prendere in giro quando hanno sottolineato l'etichetta e ridacchiano.

Quello che capisco ora – che certamente non sapevo in quel momento – era che il mio corpo non era mai il problema.

Una società che ci dice che la salute e il benessere possono essere definiti universalmente in base ai numeri su un grafico senza alcuna considerazione dell'individualità è il problema. E una società che odia i corpi "grassi" semplicemente per esistere non aiuta neanche.

Da bambino, tutto quello che sapevo era che volevo interrompere la presa in giro. Volevo che i bambini smettessero di buttarmi la gomma nei capelli dai finestrini dell'autobus. Volevo che i bambini smettessero di dirmi di non mangiare un altro brownie.

Volevo sembrare come tutti gli altri. La mia soluzione? Perdere peso.

Non mi è venuto in mente questo da solo. Ad ogni giro, la perdita di peso era propagandata come via verso la felicità e ho mangiato fino in fondo.

Le aziende investono moltissimo in dollari di marketing per perpetuare l'idea che la perdita di peso è uguale alla felicità. Questa convinzione mantiene l'industria della perdita di peso nel mondo degli affari.

MarketResearch.com stima che il mercato totale della perdita di peso negli Stati Uniti sia cresciuto del 4,1% nel 2018 da $ 69,8 miliardi a $ 72,7 miliardi.

La convinzione che le diete siano efficaci mantiene l'industria della perdita di peso negli affari, ma la realtà dipinge un quadro abbastanza diverso.

Un studio più vecchio degli adulti di età compresa tra 20 e 45 anni hanno mostrato che nel corso di 3 anni, solo il 4,6 per cento dei partecipanti ha perso peso e non ha recuperato.

Nel 2016, i ricercatori che seguivano gli ex concorrenti di "Biggest Loser" hanno scoperto che più peso ha perso un concorrente, più lento è il suo metabolismo.

Weight Watchers è un ingranaggio gigante nella macchina dell'industria dietetica. L'app è gratuita ma incoraggiano l'uso della funzione di consultazione dell'app, un servizio di $ 69 al mese che abbina il bambino a un "allenatore" che chatta con loro una volta alla settimana per 15 minuti.

La WW non riguarda il benessere o la salute; riguarda la linea di fondo

I millennial sono ora considerati la "futura generazione di persone a dieta".

Cosa significa questo? I millennial sono ora i genitori di bambini piccoli e più giovane si attacca qualcuno nella cultura della dieta, più a lungo si può prendere i loro soldi.

Weight Watchers è ora chiamato WW. Le riunioni settimanali di 30 minuti sono state sostituite con sessioni di coaching virtuale di 15 minuti. Invece di assegnare valori in punti al cibo, Kurbo classifica il cibo come rosso, giallo o verde.

La confezione di questo messaggio potrebbe essere cambiata, ma Kurbo sta promuovendo ciò che sempre gli osservatori del peso hanno sempre: il cibo ha un valore morale.

"WW ha descritto l'app come uno" strumento olistico ", non una dieta, ma il modo in cui è stato marchiato non modifica l'effetto che potrebbe avere sui suoi utenti", scrive Christy Harrison, dietista registrato.

"Programmi come questo sono terreno fertile per un'alimentazione disordinata, incoraggiando i bambini a tenere traccia di ciò che mangiano utilizzando un sistema a" semaforo "che divide gli alimenti in categorie rosse, gialle e verdi, codificando implicitamente alcuni alimenti come" buoni "e altri come" cattivi " , "" Continua.

Quando ho iniziato con Weight Watchers all'età di 12 anni, avevo 5 '1 "e indossavo una taglia 16 per donna.

Gli incontri settimanali erano composti principalmente da donne di mezza età, ma la mia esperienza da bambina su Weight Watchers non è certamente unica.

Il Weight Watchers che avevo in quel momento era un sistema a punti, che assegnava valori numerici agli alimenti in base alla dimensione della porzione, calorie, fibre e grassi. Dovevi tenere un diario giornaliero di tutto ciò che mangiavi con il valore in punti.

Il mantra "se lo mordi, lo scrivi" è stato ribadito ad ogni incontro.

Ti è stato assegnato un totale di punti da mangiare ogni giorno in base al peso e al sesso. Ricordo distintamente qualcuno che mi diceva che avevo 2 punti extra al giorno perché avevo meno di 15 anni e il mio corpo era ancora in via di sviluppo.

Penso che avrei dovuto usare quei 2 punti per bere un bicchiere di latte ogni giorno, ma certamente nessuno ha mai notato che non l'ho mai fatto.

Tutto ciò che qualcuno di Weight Watchers ha mai notato o curato era il numero sulla bilancia.

Ogni settimana il mio peso diminuiva, ma non perché stavo mangiando più frutta e verdura. Avevo capito come avere successo con gli standard di Weight Watchers senza cambiare drasticamente ciò che mangiavo.

Dato che non volevo che i miei amici a scuola sapessero che ero un osservatore del peso, ho memorizzato i valori dei punti di ciò che mi piaceva mangiare a pranzo.

Avevo un piccolo ordine di patatine fritte a pranzo quasi ogni singolo giorno in Weight Watchers. Sono stati 6 punti. Ho scambiato coca cola normale con coca dietetica che era pari a zero punti.

Non ho imparato praticamente nulla sul cibo oltre a quanti punti fossero. La mia vita è diventata un'ossessione per il conteggio dei punti.

Gli osservatori del peso avevano anche un metodo per calcolare l'esercizio in punti che potevi mangiare. Fai un allenamento leggero per 45 minuti e potresti mangiare altri 2 punti (o qualcosa del genere).

Ho avuto molti traumi nel movimento, quindi mi sono concentrato solo sul consumo della quantità di punti che mi è stata assegnata. Proprio come le patatine quotidiane che ho registrato nel mio diario, nessuno sembrava notare che non avevo mai fatto alcun tipo di esercizio. Francamente non gliene importava. Stavo perdendo peso.

Ogni settimana mentre perdevo più peso, il gruppo mi incoraggiava. Hanno dato spille e adesivi basati esclusivamente su chili persi. Assegnano a tutti un peso obiettivo in base alla loro altezza. A 5 "1", il mio peso obiettivo era compreso tra 98 e 105 libbre.

Anche a quell'età, sapevo che la gamma non era realistica per me.

Ho chiesto ai leader dei miei osservatori del peso se potevo cambiare il mio peso obiettivo. Dopotutto, volevo il premio definitivo per Weight Watchers: Abbonamento a vita.

Cosa comporta l'abbonamento a vita? Un portachiavi e la possibilità di partecipare alle riunioni gratuitamente finché sei dentro DUE chili di peso obiettivo. Tieni presente che il peso medio dell'adulto oscilla fino a 5 o 6 libbre al giorno.

Con una nota del mio pediatra, Weight Watchers mi ha permesso di aumentare il mio peso di 130 chili. Ci sono volute settimane per guadagnare e perdere per raggiungere quel peso.

Il mio corpo mi ha combattuto e mi sono rifiutato di ascoltare

Ho continuato a contare e incassare i punti con fervore. Quando ho finalmente raggiunto il mio obiettivo, ho fatto un piccolo discorso e ho ottenuto il mio portachiavi di abbonamento a vita.

Non ho mai più pesato 130 sterline (o anche entro 2 sterline).

Credevo sinceramente che perdere peso fosse la risposta a tutti i miei problemi, e quando ho raggiunto quel peso obiettivo, nulla della mia vita era drasticamente cambiato, tranne il mio aspetto. Mi odiavo ancora.

In realtà, mi odiavo più che mai. Avevo raggiunto il mio obiettivo di peso, ma sapevo che non avrei mai potuto raggiungere i 98-105 chili che loro (Weight Watchers e società) volevano che fossi.

Guardando indietro alle mie foto in quel momento, posso vedere visibilmente la mia insicurezza. Le mie braccia erano sempre incrociate per nascondere il mio stomaco e le mie spalle erano sempre tirate verso l'interno. Mi nascondevo.

Vedo anche ora quanto ero malato.

La mia faccia era scarna. I miei capelli ricci una volta folti sono caduti. Tutta la trama dei miei capelli è cambiata e non è mai tornata. Ancora oggi mi sento insicuro sui miei capelli.

Nel corso di 10 anni, ho guadagnato tutto il peso che avevo perso indietro e poi alcuni. Ho continuato a tornare a Weight Watchers ogni pochi anni fino a quando ho scoperto la positività del corpo e l'accettazione del grasso nei miei primi 20 anni.

L'idea che potrei essere felice nel corpo di aver cambiato la mia vita. Non avevo più creduto che perdere peso mi avrebbe reso felice. Ero la mia prova che non era il caso.

Ho anche scoperto di avere un disturbo alimentare non trattato.

Anni dopo il mio primo incontro con Weight Watchers, continuavo a considerare il cibo non come combustibile, ma come una ricompensa. Mi sono dissociato mentre mangiavo per poter mangiare di più. Se ho mangiato troppo, ero cattivo. Se avessi saltato un pasto, stavo bene.

Il danno arrecato alla mia relazione con il cibo in così giovane età ha lasciato un impatto duraturo.

Anche con l'aiuto di un nutrizionista e terapista positivo del corpo per imparare a mangiare in modo più intuitivo, una conoscenza della salute di ogni dimensione e anni di lavoro all'interno del movimento di accettazione del grasso, disimparare ciò che Weight Watchers radicato in me non è stato facile.

Il mio cuore si spezza per la prossima generazione di bambini che ora hanno un accesso ancora più semplice a questo messaggio pericoloso.

Invece di dire ai bambini che i cibi sono luci rosse, esorto i genitori ad adottare un approccio più personalizzato e neutrale per i loro figli.

Chiedi come si sentono gli alimenti e perché stanno mangiando quello che stanno mangiando. Pratica la consapevolezza e cerca la salute locale ad ogni dimensione.

Non incolpo mia madre per avermi portato a Weight Watchers. Non incolpo i leader degli incontri per aver celebrato la mia perdita di peso senza vedere come stava accadendo. Non incolpo nemmeno il mio pediatra che ha firmato la mia lettera di peso obiettivo.

Incolpo una società che valorizza la magrezza come premio unilateralmente.

Spetta a tutti noi contribuire a garantire che la prossima generazione di bambini non solo abbia una relazione più positiva con il cibo, ma non cresca in una società che stigmatizza i corpi grassi.


Alysse Dalessandro è un fashion blogger plus size, influencer LGBTQ, scrittore, designer e relatore professionale con sede a Cleveland, Ohio. Il suo blog, Ready to Stare, è diventato un paradiso per coloro che la moda avrebbe altrimenti ignorato. Dalessandro è stata riconosciuta per il suo lavoro sulla positività corporea e la difesa LGBTQ + come uno dei Pride50 Honorees della NBC Out del 2019, un membro della classe Fohr Freshman e una delle persone più interessanti di Cleveland Magazine per il 2018.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here