Home Notizia Mondo Mangiare meno carne è legato a un minor rischio di cancro?

Mangiare meno carne è legato a un minor rischio di cancro?

0
39

Una recente indagine identifica un’associazione tra mangiare meno carne e un ridotto rischio di cancro. Immagini Cavan/Immagini Getty
  • I ricercatori stanno esplorando la dieta come possibile fattore nello sviluppo del cancro.
  • Ricerche precedenti hanno indicato che mangiare carne è associato a un rischio maggiore di alcuni tipi di cancro.
  • Un nuovo studio ha scoperto che le persone che mangiano meno carne hanno un rischio inferiore di contrarre tutti i tipi di cancro.
  • Lo studio, tuttavia, non può dimostrare la causa e l’associazione tra consumo di carne e rischio di cancro potrebbe essere dovuta ad altre variabili.

I ricercatori dell’Università di Oxford nel Regno Unito hanno recentemente pubblicato i risultati di un ampio studio che ha studiato l’effetto di vari livelli di consumo di carne sulla probabilità di sviluppare il cancro.

Lo studio ha scoperto che i vegetariani, i pescatari e le persone che mangiano poca carne hanno un rischio significativamente ridotto di sviluppare il cancro.

Gli autori dello studio hanno analizzato le statistiche riguardanti i casi di cancro in generale e hanno anche esaminato da vicino l’effetto del consumo di carne su tre dei tumori più comuni: cancro al seno in postmenopausa, cancro alla prostata e cancro del colon-retto.

L’autore principale dello studio è Cody Watling, uno studente DPhil presso la Cancer Epidemiology Unit dell’Università di Oxford Dipartimento della salute della popolazione di Nuffield. Disse Notizie mediche oggi:

“I nostri risultati aggiungono ulteriori prove che seguire una dieta vegetariana, pescataria o a basso consumo di carne può essere associato a un minor rischio di essere diagnosticato un cancro. Questi risultati suggeriscono anche che il rischio di cancro per i diversi gruppi dietetici può essere diverso dai tipi di cancro.

Lo studio compare in Medicina BMC.

Un grande gruppo di studio

I ricercatori hanno seguito 472.377 individui nel database della biobanca britannica per un periodo medio di 11,4 anni.

Nessuno dei partecipanti, di età compresa tra 40 e 70 anni quando il team li ha reclutati tra il 2006 e il 2010, ha avuto una diagnosi di cancro all’inizio del periodo di studio. Nel corso dello studio, le persone hanno riferito di aver assunto carne ai ricercatori.

I ricercatori hanno diviso la coorte di studio in quattro gruppi:

  • Mangiatori di carne riferito di aver mangiato carne lavorata, pollame o carne rossa, inclusi manzo, maiale e agnello, più di cinque volte alla settimana. C’erano 247.571 individui in questo gruppo, che rappresentano il 52,4% della popolazione totale dello studio.
  • Mangiatori di carne bassi mangiato gli stessi cibi ma un massimo di cinque volte a settimana. Della popolazione dello studio, il 43,5%, o 205.385 persone, era in questo gruppo.
  • Mangiatori di pesceche mangiavano pesce ma non carne, rappresentavano 10.696 individui, ovvero il 2,3% della popolazione dello studio.
  • Vegetariani e veganiche non mangiavano né carne né pesce, costituivano l’1,8% dell’intera coorte, ovvero 8.685 persone.

Watling ha affermato: “A causa del gran numero di casi di cancro nella biobanca britannica, siamo stati in grado di esaminare i tipi di cancro comuni in relazione ai gruppi dietetici, nonostante il basso numero di vegetariani e pescatari, ed esplorare ulteriormente questa associazione”.

Alla fine del periodo di studio, 54.961 persone avevano sviluppato un qualche tipo di cancro. I ricercatori hanno notato 5.882 casi di cancro del colon-retto, 9.501 casi di cancro alla prostata e 7.537 casi di cancro al seno in postmenopausa.

Ridurre il rischio di cancro

Con il gruppo carnivoro che funge da riferimento, i ricercatori hanno calcolato il rischio di sviluppare il cancro per gli altri tre gruppi.

I dati hanno mostrato che il gruppo vegetariano e vegano aveva il 14% di probabilità in meno di sviluppare il cancro rispetto agli altri gruppi.

I mangiatori di pesce avevano il 10% in meno di probabilità di ammalarsi di cancro e quelli a basso consumo di carne riducevano il rischio del 2%.

Le donne in postmenopausa vegetariane avevano un rischio inferiore del 18% di cancro al seno, mentre gli uomini pescatari e vegetariani avevano rispettivamente un rischio inferiore del 20% e del 31% di cancro alla prostata. Quando gli autori dello studio hanno esaminato il cancro del colon-retto, hanno scoperto che i mangiatori di carne avevano un rischio inferiore del 9% di sviluppare la malattia, il che, osservano, è coerente con la ricerca precedente.

Dietro i dati

Gli autori scrivono:

“Non è chiaro se le altre differenze osservate per tutti i tipi di cancro e per il cancro alla prostata riflettano eventuali relazioni causali o siano dovute ad altri fattori, come il confondimento residuo o le differenze nel rilevamento del cancro”.

Tra questi potenziali fattori confondenti c’è l’indice di massa corporea (BMI). Quando i ricercatori hanno preso in considerazione il BMI, la riduzione del rischio di cancro al seno per le donne vegetariane è diventata insignificante.

Watling ha spiegato MNT“L’IMC sarebbe un potenziale fattore di confusione se le differenze nell’IMC dei gruppi dietetici non fossero dovute a differenze dietetiche”.

“Ad esempio”, ha detto Watling, “forse i vegetariani si esercitano più dei mangiatori di carne e di conseguenza mantengono un sano BMI”.

Watling ha sottolineato che “ci sono differenze nell’IMC in base al gruppo di dieta e un BMI più elevato è associato a un rischio di cancro più elevato”.

“Tuttavia”, ha aggiunto, “l’IMC può anche essere un mediatore se le differenze nell’IMC dei gruppi dietetici sono, in effetti, dovute a differenze dietetiche. Questo è difficile da districare, come potresti sospettare. Pertanto, nelle nostre analisi abbiamo considerato l’IMC sia un potenziale confondente che un potenziale mediatore”.

Per ora, Watling ha suggerito:

“Le mie raccomandazioni sarebbero per le persone di limitare l’assunzione di carne lavorata e rossa nella loro dieta e consumare una dieta ricca di cereali integrali, frutta, verdura e fagioli mantenendo un peso corporeo sano”.

Gli autori dello studio hanno scoperto che vegetariani e pescatari avevano maggiori probabilità di essere più giovani e ben istruiti e meno propensi a fumare e bere. Ciò suggerisce che è possibile che i risultati possano essere dovuti a fattori confondenti.

Inoltre, i volontari della BioBank del Regno Unito avevano tutti un’età compresa tra 40 e 70 anni al momento del reclutamento, il che significa che i risultati potrebbero non essere generalizzabili a tutte le fasce di età.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here