Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Mangiare ananas può aiutare a curare le riacutizzazioni della gotta?

Mangiare ananas può aiutare a curare le riacutizzazioni della gotta?

0
77

La gotta è un tipo comune di artrite che provoca attacchi improvvisi e intensi di:

  • infiammazione
  • dolore
  • rossore
  • gonfiore e disagio alle articolazioni

La gotta è causata da un accumulo di acido urico nel corpo, che provoca la formazione di piccoli cristalli nelle articolazioni. Il corpo produce naturalmente acido urico, ma produrrà di più se consumi cibi e bevande che contengono alti livelli di una sostanza chimica chiamata purina.

Di solito la gotta colpisce l'articolazione in cui l'alluce incontra il piede. I sintomi si infiammano e colpiscono all'improvviso, riducendo la capacità di svolgere attività quotidiane.

Un medico può prescrivere farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), corticosteroidi e farmaci che bloccano la produzione di acido urico. Tuttavia, sembra che mangiare ananas potrebbe ridurre alcuni dei sintomi infiammatori dolorosi delle riacutizzazioni della gotta.

L'ananas fa bene alla gotta?

L'ananas è ricco di vitamine, enzimi e antiossidanti noti per favorire una buona salute. Alcuni di questi nutrienti e composti possono persino ridurre i sintomi della gotta.

bromelina

L'ananas contiene un enzima chiamato bromelina, che è noto per ridurre l'infiammazione e aiutare la digestione. Mentre non ci sono studi che collegano direttamente la bromelina alla gotta, ricerca suggerisce che gli integratori di bromelina possono ridurre i sintomi infiammatori della gotta.

Fibra

L'ananas è ricco di fibre, un nutriente che aiuta a mantenere sani i nostri tratti digestivi. Nella ricerca sui topi, gli scienziati hanno scoperto che le diete ricche di fibre possono ridurre l'infiammazione causata dalla gotta. Gli alimenti ricchi di fibre tendono anche ad essere a base vegetale e poveri di purine, il che può aiutare i pazienti con gotta ad evitare le fiammate.

folato

Una tazza di pezzi di ananas contiene il 7 percento del fabbisogno giornaliero di folati. Sebbene non vi sia alcun legame provato tra il consumo di folati e la riduzione dei sintomi della gotta, ricerca suggerisce che il folato può abbattere una proteina chiamata omocisteina, che si trova ad alti livelli nelle persone con gotta.

Vitamina C

Una tazza di pezzi di ananas contiene il 131 percento dell'assunzione giornaliera raccomandata di vitamina C. Secondo la Mayo Clinic, gli integratori che contengono vitamina C possono ridurre i livelli di acido urico nell'organismo.

Tuttavia, gli studi sugli effetti della vitamina C sui pazienti con gotta non hanno trovato un chiaro legame tra l'assunzione di vitamina C aggiuntiva e la riduzione del numero e dell'intensità delle riacutizzazioni della gotta. Uno studio del 2013 ha scoperto che il consumo di un integratore di vitamina C non ha aiutato significativamente a ridurre i livelli di acido urico nei pazienti con gotta.

Ma incorporare abbastanza vitamina C nella dieta può prevenire la gotta secondo a Studio del 2009 monitorare l'assunzione di vitamina C di quasi 47.000 uomini. Si è scoperto che quei soggetti con un più alto apporto di vitamina C per 20 anni avevano meno probabilità di sviluppare la gotta.

Come usare l'ananas per la gotta

L'aggiunta di ananas alla dieta quotidiana può aiutare a prevenire le riacutizzazioni della gotta e ridurre l'intensità dei sintomi della gotta. Obiettivo per una porzione di ananas, che equivale a una tazza di pezzi di ananas freschi. Evita le bevande zuccherate contenenti ananas o dessert all'ananas.

L'ananas è delizioso se mangiato fresco. Può anche essere aggiunto a insalate e frullati, tra gli altri piatti.

Altri alimenti buoni per la gotta

Quando progetti la tua dieta per ridurre i sintomi della gotta, ti consigliamo di concentrarti sul consumo di cibi e bevande a basso contenuto di purine e ricchi di nutrienti anti-infiammatori. Oltre all'ananas, altri alimenti che sono buoni da mangiare se hai la gotta includono:

  • latticini, in particolare latticini a basso contenuto di grassi
  • uova
  • frutta, in particolare ciliegie
  • erbe e spezie
  • legumi, come lenticchie e soia
  • noccioline
  • oli a base vegetale, come olive e lino
  • verdure
  • cereali integrali

Bevi sempre molta acqua, che può aiutare a prevenire l'accumulo di acido urico nel tuo corpo. Potresti anche voler bere una piccola quantità di caffè o tè verde ogni giorno, poiché gli esperti dicono che questo può anche ridurre i sintomi della gotta.

Alimenti da evitare se hai la gotta

Se hai la gotta, vorrai evitare cibi ricchi di purine e zuccheri aggiunti e anche cibi a basso contenuto di nutrienti. Questi alimenti possono aumentare i livelli di acido urico nel tuo corpo, portando a una riacutizzazione della gotta.

  • zuccheri aggiunti, come miele, agave e sciroppo di mais ad alto fruttosio
  • caramelle e dessert
  • pesce e frutti di mare
  • selvaggina
  • carni d'organo
  • carni rosse
  • carboidrati raffinati (come pane bianco e biscotti)
  • lieviti

Quando vedere un dottore

Se pensi di avere la gotta o stai vivendo riacutizzazioni sempre più frequenti o intense, dovresti fissare un appuntamento per vedere un medico. In alcuni casi, la gotta non può essere gestita con modifiche alla sola dieta. Potresti aver bisogno di farmaci per tenere sotto controllo la gotta.

Inoltre, se lasci la gotta non trattata, può portare a complicazioni più gravi, come:

  • gotta avanzata che provoca la formazione di grumi (tophi) sotto la pelle
  • calcoli renali
  • gotta ricorrente che provoca la distruzione delle articolazioni

Porta via

La gotta è una condizione comune ma dolorosa causata dall'accumulo di acido urico nel corpo. Se hai la gotta, attenersi a un piano di trattamento prescritto, inclusa una dieta a basso contenuto di purine, può aiutare a ridurre la frequenza e l'intensità delle riacutizzazioni.

Tuttavia, la ricerca suggerisce che l'aggiunta specifica di ananas ricco di nutrienti alla dieta può alleviare ulteriormente il dolore e l'infiammazione causati dalla gotta senza praticamente alcun rischio di effetti avversi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here