Un uomo che respira attraverso una macchina CPAP mentre dorme
Una macchina CPAP può aiutare a ridurre il rischio di morte per malattie cardiovascolari per le persone con apnea ostruttiva notturna. Juan Monino/Getty Images
  • Circa 936 milioni di persone nel mondo soffrono di apnea ostruttiva notturna da lieve a grave.
  • Le persone con apnea ostruttiva notturna corrono un rischio maggiore di altre malattie, comprese le malattie cardiovascolari.
  • Una nuova ricerca ha scoperto che le persone con apnea ostruttiva del sonno potrebbero essere in grado di ridurre il rischio di morte per malattie cardiovascolari se utilizzano una macchina CPAP durante la notte.
  • Un altro nuovo studio afferma che un CPAP potrebbe funzionare meglio di un farmaco dimagrante nel ridurre l’accumulo di placche nelle arterie attorno al cuore nelle persone con apnea ostruttiva notturna.

Uno stimato 936 milioni di persone in tutto il mondo soffrono di apnea ostruttiva notturna da lieve a grave, una condizione in cui un’ostruzione fisica, come la linguarende difficile la respirazione e smette addirittura di respirare durante il sonno.

Ricerche precedenti mostrano che quelli con apnea ostruttiva del sonno sono a rischio più elevato per altre malattie, comprese le malattie cardiovascolari.

Due nuovi studi recentemente presentati al Congresso internazionale della European Respiratory Society forniscono ulteriori informazioni su come l’apnea ostruttiva notturna colpisce il cuore.

Uno studio ha scoperto che le persone con apnea ostruttiva notturna possono essere in grado di ridurre il rischio di morte per malattie cardiovascolari se utilizzano una macchina a pressione positiva continua delle vie aeree (CPAP) durante la notte.

L’altro studio afferma che un CPAP può funzionare meglio di un farmaco dimagrante nel ridurre accumulo di placca nelle arterie intorno al cuore nelle persone con apnea ostruttiva notturna.

Cos’è l’apnea ostruttiva notturna?

Apnea notturna si verifica quando una persona smette di respirare mentre dorme.

Esistono tre tipi di apnea notturna:

  • apnea ostruttiva del sonno, che è il tipo più comune
  • L’apnea centrale del sonno si verifica quando il cervello smette brevemente di segnalare ai muscoli respiratori di respirare

  • apnea notturna complessa è quando l’apnea notturna centrale si sviluppa durante il trattamento dell’apnea ostruttiva notturna

I sintomi dell’apnea notturna includono:

  • russare forte
  • senza fiato durante il sonno

  • respiro che si ferma per alcuni secondi durante il sonno
  • insonnia e/o sonno agitato

  • stanchezza
  • mal di testa
  • cambiamenti di umore

IL trattamento più comune per l’apnea notturna è una macchina CPAP. Mentre dorme, una persona indossa una maschera sul naso e sulla bocca collegata alla macchina CPAP. La macchina fornisce un flusso d’aria continuo attraverso la maschera per aiutare a mantenere aperte le vie aeree e impedire l’arresto della respirazione della persona.

Altre opzioni di trattamento per l’apnea notturna includono farmaci, opzioni chirurgicheE cambiamenti nello stile di vitacompreso lo sviluppo di una buona igiene del sonno, gestire il pesoe mangiare a dieta sana.

In che modo l’apnea notturna influisce sul rischio di malattie cardiache

Studi precedenti mostrano che le persone con apnea notturna corrono un rischio maggiore di malattie cardiovascolari, tra cui fibrillazione atriale, colpo, attacco di cuore, coronaropatia, ipertensioneE insufficienza cardiaca congestizia.

Ogni notte, una persona con apnea ostruttiva del sonno può smettere di respirare in qualsiasi punto intermedio da cinque a 30 volte ogni oraa seconda della gravità della malattia.

Ogni volta che la respirazione si ferma, il livello di ossigeno di una persona diminuisce causando stress al corpo e producendo più adrenalina. Alti livelli di adrenalina può causare ipertensione.

Se il corpo di una persona è costantemente sotto stress mentre dorme, i continui sbalzi della pressione sanguigna possono infine danneggiare i vasi sanguigni, portando ad arterie intasate e problemi cardiaci.

Studi precedenti mostrano che l’uso di una macchina CPAP per trattare l’apnea ostruttiva del sonno può aiutare a ridurre il rischio di malattie cardiache. Ad esempio, ricerche precedenti affermano che le persone con apnea ostruttiva notturna che utilizzano una macchina CPAP hanno un rischio più basso di eventi cardiovascolari fatali e non fatali rispetto a quelli che non lo fanno.

Trovate altre ricerche adulti più anziani con apnea ostruttiva del sonno che utilizzano una macchina CPAP possono ridurre il rischio di eventi di malattie cardiovascolari.

CPAP e rischio di mortalità per malattie cardiache

In uno degli studi presentati al Congresso internazionale della European Respiratory Society, i ricercatori miravano a valutare l’impatto del trattamento CPAP sui principali eventi cardiovascolari nelle persone con apnea ostruttiva notturna nel mondo reale.

“In termini di prove scientifiche, il legame tra apnea ostruttiva notturna e malattie cardiovascolari è stato ampiamente riconosciuto”, ha affermato il dottor Jordi de Batlle, ricercatore nel gruppo di ricerca traslazionale in medicina respiratoria presso l’Institut de Recerca Biomèdica de Lleida (IRBLleida) in Lleida, Spagna, e autore principale di questo studio Notizie mediche oggi. “Studi osservazionali e di laboratorio dimostrano che il trattamento con CPAP potrebbe aiutare a prevenire le complicanze cardiovascolari dell’apnea ostruttiva del sonno”.

“Ad esempio, il trattamento CPAP si è rivelato efficace in relazione a diversi aspetti delle malattie cardiovascolari come pressione sanguigna, parametri ecocardiografici, funzione ventricolare sinistraO tromboembolie venose, tra gli altri”, ha continuato. “Tuttavia, studi di controllo randomizzati, considerati gli studi di massima qualità a disposizione dei ricercatori clinici, non hanno riscontrato alcun beneficio della CPAP sugli eventi cardiovascolari. Questi risultati contraddittori sono un argomento caldo nella letteratura scientifica sull’apnea ostruttiva del sonno e ci hanno motivato a eseguire la nostra analisi a livello nazionale sull’argomento”.

I ricercatori hanno analizzato i dati di oltre 3.600 persone che vivono in Catalogna, Spagna, che soffrono di apnea ostruttiva del sonno ma che hanno deciso di non utilizzare più la terapia CPAP. Questi dati sono stati confrontati con quelli di altre 3.600 persone con apnea ostruttiva del sonno che hanno continuato a utilizzare le loro macchine CPAP.

Gli scienziati hanno scoperto che coloro che continuavano a utilizzare la terapia CPAP avevano un rischio inferiore del 40% di morire per qualsiasi causa, una probabilità inferiore del 36% di morire per malattie cardiovascolari e una riduzione del rischio di essere ricoverati in ospedale per malattie cardiovascolari del 18%.

L’uso della CPAP aiuta a ridurre la placca arteriosa

Nel secondo studio, gli scienziati hanno esaminato l’effetto della terapia CPAP su volume della placca dell’arteria coronaria nelle persone con apnea ostruttiva notturna.

Per questo studio pilota, i ricercatori hanno esaminato il tomografia computerizzata (TC) angiogramma coronarico scansioni di 30 persone con apnea ostruttiva del sonno per cercare eventuali segni di restringimento dei vasi sanguigni che portano il sangue al cuore.

Ai partecipanti allo studio è stata quindi assegnata in modo casuale una macchina CPAP o iniezioni del farmaco dimagrante liraglutide (Victoza) per 24 settimane.

Dopo l’analisi, i ricercatori hanno scoperto che i partecipanti che avevano ricevuto solo la terapia CPAP, così come quelli che avevano ricevuto sia la terapia CPAP che le iniezioni di farmaci per la perdita di peso, avevano una riduzione dell’accumulo di placche arteriose. Inoltre, entrambi i gruppi hanno riscontrato una diminuzione dell’infiammazione nei loro aorta.

I ricercatori hanno riferito che i partecipanti allo studio che hanno ricevuto solo il farmaco dimagrante non hanno sperimentato gli stessi effetti.

“Le persone con apnea ostruttiva notturna corrono un rischio maggiore di sviluppare placche nelle arterie perché i livelli di ossigeno nel sangue fluttuano in modo significativo durante la notte e il loro sonno è frammentato”, ha affermato la dott.ssa Cliona O’Donnell, specialista in medicina respiratoria presso il St. Vincent. University Hospital e University College Dublin, Irlanda, e l’autore principale di questo studio, ha spiegato a Medical News Today. “Ciò aumenta l’infiammazione, che a sua volta aumenta la malattia coronarica”.

“Siamo rimasti sorpresi nel vedere questi risultati perché ampi studi hanno suggerito che la CPAP non migliora il rischio cardiovascolare”, ha continuato. “Tuttavia, riteniamo che ciò suggerisca che forse, se utilizzata precocemente nel decorso della malattia, la CPAP potrebbe essere di beneficio. Tuttavia, questi risultati sono solo segnali che devono essere confermati in studi più ampi”.

Sono necessarie ulteriori ricerche sull’apnea notturna

Notizie mediche oggi ha parlato di questi due studi anche con il dottor Cheng-Han Chen, cardiologo interventista e direttore medico dello Structural Heart Program presso il MemorialCare Saddleback Medical Center di Laguna Hills, California, il quale ha affermato che si tratta di entrambi passi nella giusta direzione.

“È da molto tempo che lo facciamo [known] che esiste una connessione tra l’apnea notturna e molto di ciò che chiamiamo apnea notturna fattori di rischio per avere una malattia cardiaca”, ha spiegato. “Esistono molti meccanismi diversi per ciascuna delle connessioni e dei fattori di rischio, e tutti questi fattori di rischio sommati sono cose che espongono le persone a un aumento del rischio di malattie cardiache”.

Per quanto riguarda lo studio del dottor de Batlle, il dottor Chen ha detto che gli piacerebbe sapere perché le persone coinvolte nello studio hanno smesso di usare le loro macchine CPAP.

“(Per i prossimi passi di questa ricerca) vorresti replicare questo tipo di studi in altri luoghi oltre a una regione della Spagna”, ha aggiunto. “Vorresti vedere se riesci a ottenere la stessa ammissione per il resto del mondo.”

Per quanto riguarda lo studio del dottor O’Donnell, il dottor Chen ha commentato che, sebbene lo studio pilota fosse piccolo, ha riportato quello che gli sembrava un grande effetto.

“Questo è sicuramente interessante… è sicuramente qualcosa che ci farebbe venir voglia di fare studi molto più ampi solo per vedere se questo effetto è reale”, ha aggiunto.