L'uomo con la zanna Narwhal racconta la lotta con l'attaccante del London Bridge

0
81

LONDRA – Un uomo che ha usato una zanna narvale per combattere un coltellino in una furia fatale a Londra il mese scorso ha parlato di come lui e altri hanno continuato a lottare con l'attaccante anche dopo aver visto che indossava quello che sembrava un giubbotto suicida esplosivo.

Darryn Frost, che è apparso nel video della lotta tra l'aggressore e i membri del pubblico sul London Bridge il 29 novembre, ha detto al telegiornale dell'AP che stava partecipando a un evento in un edificio vicino quando ha sentito un disturbo al piano di sotto.

Il 38enne ha dichiarato di aver afferrato la zanna narvale che era montata su una parete mentre un altro uomo aveva usato una sedia di legno per respingere l'attaccante, Usman Khan, un terrorista condannato che era stato rilasciato presto dalla prigione.

"Aveva i coltelli con entrambe le mani e, vedendomi con la zanna narvale, indicò il suo membro centrale", ha detto Frost, un funzionario governativo che si è trasferito in Gran Bretagna dal Sudafrica per 14 anni.

“Si voltò e mi parlò, poi indicò che aveva un dispositivo esplosivo intorno alla vita. A questo punto, l'uomo accanto a me ha lanciato la sedia contro l'attaccante, che ha quindi iniziato a correre verso di lui con i coltelli sollevati sopra la sua testa. "

Frost disse a PA che passò la zanna all'uomo che aveva gettato la sedia e corse di sopra per prenderne un altro. Al suo ritorno, vide la prima zanna in frantumi sul pavimento e la gente in fuga.

"Insieme ad altri, ho inseguito l'attaccante, con la zanna in mano, sul ponte", ha detto.

“Abbiamo chiamato per avvertire il pubblico del pericolo e, dopo una lotta, siamo riusciti a trattenerlo a terra. A quel punto stavo cercando di isolare le lame tenendogli i polsi in modo che non potesse ferire nessuno o mettere in moto il dispositivo. "

La polizia ha sparato a Khan pochi istanti dopo. Si è scoperto che il giubbotto era un falso.

Due persone sono morte per le coltellate, ovvero Jack Merritt, 25 anni, e Saskia Jones, 23 anni, entrambi ex studenti attivi in ​​un programma di riabilitazione dei prigionieri.

Frost ha dichiarato di aver lanciato un progetto, Extinguish Hate, e ha chiesto alle persone di donare alle pagine di raccolta fondi delle vittime: saskia-jones.muchloved.com e la "Celebrazione della vita di Jack Merritt" su GoFundMe.com.